Mitologia assiro-babilonese

A) Mitologia assira

La civiltà assira, che si estendeva nel nord-est della Mesopotamia, era ricca e tecnologicamente sofisticate per quell'epoca.
 La capitale dell'Assiria, Ninive, è stata una bella città costruita per resistere alle invasioni. Le mura  esterne era larghe abbastanza per poter permettere di guidare tre carri fianco a fianco.
 All'interno, la città era un labirinto di fossati e muri per proteggere i templi riccamente arredati. Lussureggianti giardini circondavano i palazzi e canali portavano l'acqua nelle case. 


Ricostruzione idealizzata di Ninive, A.H. Layard 1850 ca

La proncipale fonte della storia assira ci è data dai ritrovamenti effettuati nella biblioteca di Assurbanipal Re che ha "conservato" più di 22.000 tavolette di argilla scritte in caratteri cuneiformi. Queste tavolette contengono informazioni sulle battaglie, sugli eroi e sulle leggende di questa civiltà.
La città di Assur è citata, inoltre, nella Bibbia ove si dice che il profeta Giona, ricevette da Dio il compito di preannunziare la distruzione di tutti i suoi abitanti perché corrotti dalla crudeltà e dalla rapina. Dopo un primo avvertimento, vedendoli ravveduti e penitenti, Dio ebbe pietà di loro, ma poiché essi tornarono alle azioni già condannate, tramite il profeta Naum, Dio decretò la definitiva distruzione della città.

Il dio Assur era il capo del pantheon assiro e il rivale del dio babilonese Marduk. Egli era in origine il dio della città di Assur, ma sarebbe diventato il dio dell'impero assiro.
Assur non aveva alcun potere specifico, era semplicemente il re degli dei e il dio dei re. Come il dio Marduk dei Babilonesi, era un dio creatore. Egli è raffigurato con un arco teso e pronto a scoccare una freccia, era un dio della guerra e i prigionieri gli erano offerti in sacrificio.
La sua compagna era Ishtar, dea dell'amore e della guerra.
La maggior parte dei sovrani del primo millennio fecero precedere il loro nome da quello del dio, come: Assur-Nasir-pal, Assur-nirari III, Assur-Dan I, Assur-resh-ishi I, Assurbanipal, compreso Assuruballit II, ultimo re Assiro (609 a.C.) .

Solitamente i regni conquistati tendevano ad associare i loro dei con quelli del vincitore, ma il culto di Assur è rimasto confinato in Assiria e nessun tempio gli è stato dedicato nei paesi occupati.

 

b) Mitologia babilonese  

 

Dei ed eroi assiro-babilonesi

A-a - dea babilonese, moglie di Shamash, dio del sole.
Adad - dio dei fenomeni celesti
ADAPA  uno dei sette saggi della mitologia babilonese
Anshar - padre del cielo
An - dio del paradiso più alto
Apsû - il capo degli dei e degli oceani
Assur - dio nazionale degli Assiri
BEL o BELO - (variante di Baal) nel mito caldeo-assiro è il Signore del Mondo
Damkina - dea madre
Ea - dio della sapienza
Enlil - dio dell'atmosfera e delle tempeste
Enurta - dio della guerra
Erra - divinità babilonese della pestilenza
Etana - Eroe babilonese
Hadad - dio della tempesta
Igigi - divinità celesti che, secondo la religione babilonese, abitavano la Terra
Ishtar - dea dell'amore e dea guerriera
Keret - semidio cui si attribuisce la fondazione della città di Hubur
Kingu - marito di Tiamat
Kishar - padre della terra
Marduk - dio nazionale dei Babilonesi
Mummu - dio delle nebbie
Nabu - Dio delle arti e dei sacerdoti e messaggero degli dèi
Nina - per gli antichi babilonesi, la dea delle acque, delle sorgenti, dei canali.
Nintu - madre di tutti gli dei
Oannes - mostro babilonese, metà uomo e metà pesce, viveva di giorno sulla terra e la notte nel mare.
Shamash - dio del sole e della giustizia
Sin - dio della luna
Tasmetum - era la sposa di Nabu e l'astrazione divinizzata dell'intelligenza.
Tiāmat - dio drago
 

 

BACK

Home "Miti"

Home "Tanogabo"