Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Ammore e Gelusia

 

Di Gaetano Barbella

Con Napoli nel mio cuore, sull’amore e gelosia, io credo che non ci sia di più di innamorato napoletano a patire per la gelosia, almeno questo era nel passato, ai tempi del grande poeta Salvatore di Giacomo.

Disegno dell’autore tratto dalla mappa di Catanzaro.
La gelosia acceca.

E se capita di innamorati con temperamenti contrari all’insegna, uno del fuoco e l’altra dell’acqua, come effettivamente fu per Salvatore di Giacomo e la moglie Donna Elisa Avigliano, allora è davvero ‘nu guaio serio”, un guaio serio, detto in napoletano.
Da un articolo di Angelo Chimienti, “Un amore d’altri tempi”, che ho tratto da internet[1], così si prefigurano  Salvatore di Giacomo e la moglie Donna Elisa.

[…] Donna Elisa fu moglie di Salvatore di Giacomo e nessuna biografia di donna fu più influenzata e quasi sublimata nella poesia da lei stessa ispirata.

Alcune poesie sono tanto intimamente legate dal poeta alla persona di Elisa Avigliano che servono a scoprire dell’artista, svolte, crisi dolorose e passioni cocenti perché Di Giacomo, dell’amore umano capì tutto e soffri tutto; da poeta ma anche da estraneo. […]

In quel tempo il “vero amore” era quello che si reggeva su un letto di spine, con le incertezze, quando non esistevano in realtà, tradimenti e perfidie. L’idillio prima del matrimonio durò 13 anni ed insieme furono innamorati “ntussecusi”[2] ed irragionevoli. Salvatore ossessivo nella sua poetica dolente o fantasiosa; Elisa, donna tormentata, riflessiva e concreta. La poesia poi, faceva il resto e della onestissima Elisa il poeta gelosissimo vagheggiava tradimenti e situazioni irreali che servivano solo in parte a placare il desiderio insoddisfatto di possesso. […]

E, naturalmente il nostro poeta di Giacomo non manca di prefigurare con i versi questa amara realtà amorosa che in una poesia, in particolare, ne amplifica la drammaticità al limite di una potenziale tragedia.

In “Tarantella scura” è l’amore e gelosia che tengono banco, lui è tutto fuoco e lei tutta acqua…


TARANTELLA SCURA
Di Salvatore di Giacomo

Originale in lingua napoletana Traduzione in lingua italiana
Tu mme vuo’ troppo bene e si’ geluso,
e i’ nun so’ degna ’e te, ma so’ sincera;
tu te si fatto amaro e capricciuso,
mme lasse ’o vierno e tuorne a primmavera.E a primmavera vuo’ truvà custante
chi nun ardette maie, manco ll’ està:
no, fedele io nun so’, nun songo amante,
ma nun me dice ’o core ’e te ngannà…

Abballammo! (’O bbi’ c’ ’a gente
rire, sente e tene mente?…)
Tarantella e iariulì!
Tarantella e lariulà!…

(E sta storia malamente
chi sa comme fenarrà!…)
A tte te nfoca ammore e gelusia,
e ’a nera gelusia maie nun se stracqua:
coce sta mana toia; fredda è sta mia,
e simme tale e quale ’o ffuoco e ll’ acqua.

Chi sa qua’ vota lúcere antrasatto
nu curtiello appuntuto aggia vedé!…
Chi sa qua’ vota fenarrà stu fatto
ca i’ cado nsanguinata nnanz’ a te!…

Abballammo!… E nnanz’ ’a gente,
ca ce sente e tene mente,
nuie cantammo: E lariulì!
nuie cantammo: E lariulà!

(Ma sta storia malamente
chi sa comme fenarrà!…)

Tu mi vuoi troppo bene e sei geloso,
e io non son degna di te, ma sono sincera;
tu sei diventato amaro e capriccioso,
mi lasci d’inverno e torni a primavera.E a primavera vuoi trovare costante
chi non arse mai, neanche all’estate:
no, fedele io non sono, non sono amante,
ma non mi dice il cuore di ingannarti…

Balliamo! (Lo vedi che la gente
ride, sente e si ricorda?)
Tarantella e iarulì!
Tarantella e lariulà!…

(E questa brutta storia
chissà come finirà!)
T’infiamma l’amore e la gelosia,
e la nera gelosia mai si bagna:
cuoce questa mania tua; fredda è questa mia,
e siamo tale e quale al fuoco e l’acqua.

Chissà quale volta luccicherà all’improvviso
un coltello appuntito dovrò vedere!…
Chissà quale volta accadrà questo fatto
che io cado insanguinata davanti a te!…

Balliamo!… E davanti alla gente,
che ci sente e si ricorda,
noi cantiamo: E lariulì!
Noi cantiamo: E lariulà!

(Ma questa brutta storia
chissà come finirà!…)

 

Brescia, 2 maggio 2011

 

_____________

[1]  Da un articolo di Angelo Chimienti. L’amore d’altri tempi. Vedi http://utenti.multimania.it/slltt/unamore.htm
[2]  Ntussecuso = velenoso, maligno, attabrighe.
Similar posts
  • Sfondi per desktop ris. 1920×1080 – V...
    La poesia che dà titolo alla raccolta “Il mio letto è una nave” di Robert Louis Stevenson, descrive il viaggio che fa un bambino quando ascolta o legge una fiaba, una storia appassionante. Dalla tranquillità del proprio letto, il bambino si trova catapultato in un mondo di fate, marziani, principesse, pirati e vite da salvare, […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.