Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Anelletti al forno

La pasta al forno conosce diverse versioni accomunate però dall’uso degli anelletti.
Gli “aniduzza” sono i protagonisti di questo piatto nato dalla fantasia della cultura popolare siciliana e conosciuto anche come Timballo di Anellini o, nel linguaggio locale, “sfurmatu” o “timmala”.
Contrariamente a quanto si possa pensare, “timmala” non deriva da timballo, ma da tamburo per la somiglianza della forma. I primi timballi erano fatti dagli emiri arabi, presenti in Sicilia nel IX secolo, e un piatto di concezione simile è la Musaka, portata nazionale greca. In Sicilia nasce a Palermo per poi diffondersi con forme diverse.

.

anel

.

INGREDIENTI
Per 4 persone:

  • 400 gr di anelletti
  • 200 gr di carne di vitellone tritata
  • 200 gr di carne di maiale tritata
  • 100 gr di parmigiano grattuggiato
  • 300 gr di piselli
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 150 gr di prosciutto cotto a fette
  • 50 gr di estratto di pomodoro
  • 1 melanzana
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • sale e pepe q.b.

.

Fate imbiondire mezza cipolla tritata in olio a fuoco basso. Aggiungete quindi i piselli e mescolate. Unite il prezzemolo, tritato, lo spicchio d’aglio intero che dovrà essere poi eliminato.
Mettete infine due bicchieri d’acqua e lasciate cuocere.
Intanto preparate il ragù soffriggendo la carne con la cipolla rimasta.
Aggiungete l’estratto di pomodoro allungando con qualche bicchiere d’acqua, salate e fate cuocere coprendo per circa un’ora a fuoco basso e aggiungendo acqua di tanto in tanto.
Tagliate a fette la melanzana, friggetela a parte in una padella. Appena cotta sistematela su un piatto con carta assorbente per eliminare l’olio superfluo.
Lessate gli anelletti in acqua salata, scolate e conditeli col ragù che nel frattempo sarà cotto.
Imburrate una pirofila, spolverate col pan grattato, aggiungete la melanzana.
Sistemate quindi in una teglia uno strato di anelletti col ragù, il prosciutto e i piselli. Fate un secondo strato di pasta e spolverate in ultimo col parmigiano.
Mettete in forno per venti minuti circa, sfornate e fate raffreddare un poco prima di servire.

Similar posts
  • Busiati al ragù di maiale
    Tra l’immensa varietà di pasta fresca, fatta in casa, i “busiati” sicuramente sono quelli più noti. Questo tipo di pasta prende il nome dalla “busa”, il ferro da calza con la quale le massaie si sono sempre aiutate per prepararli. L’esigenza di una buona cottura fece si che la pasta cominciò ad essere “incavata”, “schiacciata”, […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.