Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Anu, il primo re degli dei: l’antenato degli antichi Anunnaki.

Anu, il primo re degli dei: l’antenato degli antichi Anunnaki.

Anu era considerato una delle divinità più antiche del pantheon sumero e faceva parte di una triade di grandi dei, insieme a Enlil, dio dell’aria e dell’atmosfera e Enki (anche noto, in accadico, come Ea), dio della terra o delle sue fondamenta.
Anu era considerato il padre e il primo re degli dei.

Anu è associato al tempio E-anna della città di Uruk (la biblica Erech), nel sud di Babilonia e vi è una buona ragione per credere che questo posto sarebbe il sito originale del culto di Anu

Distretto di Anu Fase E – Wikipedia, lavoro di Gurdjieff di Wikipedia in inglese rilasciato con licenza CC BY-SA 3.0

Il tempio di Anu a Uruk era chiamato E-an-na (‘casa del paradiso’). “In paradiso c’è Anu sul suo trono, rivestito di tutti gli attributi della sovranità: lo scettro, il diadema, il copricapo, il bastone …  Le stelle costituivano il suo esercito. 

Anu era il:

  • “Padre degli dei” (abû ilâni), 
  • “Padre del cielo” (ab shamê),
  • “Re dei cieli” (il shamê).

L’equivalente semitico occidentale di Anu sarebbe il dio Ël. E sembra anche avere equivalenza con il dio Dagon dei filistei e dei fenici. 

Anu era considerato il padre e il primo re degli dei, ed è indicato come l’antenato degli antichi Anunnaki. 

Nella mitologia sumera, An (in Sumerian An = “sky”) o Anu (in accadico) era il dio del cielo, signore delle costellazioni, re degli dei, che viveva con sua moglie, la dea Ki (in sumerico, “Terra” o Antu in accadico), nelle regioni più alte del cielo.

La cosa ancora più importante è che era il padre di Enlil, l’antico dio mesopotamico del vento, dell’aria, della terra e delle tempeste. E l’antenato degli Anunnaki, la fonte suprema di ogni autorità. 


Chi erano gli antichi Anunnaki? 

Il termine ANUNNAKI, se frammentato, si traduce; ANU: “CIELO” – NNA: “Discendere” – KI: “Terra”: “Coloro che sono discesi dal cielo in terra …”

Oggi molti autori sono convinti che non sono né dèi né angeli, ma esseri di un altro pianeta venuti sulla Terra in possesso di uno sviluppo tecnologico e di una conoscenza avanzata della fisica, in grado di manipolare le menti di una razza “inferiore” e trasformarli in una specie schiavi. Difronte a una civiltà tecnologica come quella degli Anunnaki, l’uomo si inginocchiava considerandoli Dei celesti con poteri per governare il cielo e la terra.

Enlil e Ninlil – Wikipedia, pubblico dominio

An era una delle divinità più potenti e importanti nel pantheon sumero e gli Dei Anunnaki erano considerati la progenie di An e della sua consorte Ki.

Secondo Black and Green nel loro libro Gods, Demons and Symbols of Ancient Mesopotamia: An Illustrated Dictionary, gli antichi Anunnaki erano proprio questo, la “progenie di An“.

I “sette dei che decretano” possono essere elencati nel gruppo Anunnaki: An, Enlil, Enki, Ninhursag, Nanna, Utu e Inanna.  Quando si menzionano gli Anunnaki, le antiche tavolette sumeriche non fanno riferimento a questi Dei come mere creature eteriche, ma li descrivono come esseri biologici di carne e sangue, come gli umani.

Queste divinità erano reali in ogni singolo modo per gli antichi Sumeri. Gli Dei coesistevano con l’uomo, questi esseri Celesti condividevano le loro vite e coesistevano con l’uomo nelle antiche città della Terra. Erano esseri fisici e palpabili, che mangiavano, dormivano e morivano. Queste divinità erano visibili agli occhi di chiunque; sono descritti come viaggiatori dei cieli in possenti veicoli aerei, che emettevano un rumore che sembrava un tuono che faceva tremare le montagne, mentre emettevano fuoco.

Stralcio testo tratto dalla pagina: ningizhzidda.blogspot sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

.

.