Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Atlantide si cela sotto i ghiacci dell’Antartide?

Atlantide, terra leggendaria e misteriosa, continente perduto che un tempo ospitava una civiltà evoluta. Secondo alcune teorie, si troverebbe sotto i ghiacci dell’Antartide.  Proseguiamo il nostro viaggio nell’affascinante mondo del mistero parlando di Atlantide, il continente perduto, e prendendo a tal proposito alcune teorie che affermano la sua presenza (o meglio, la presenza dei suoi resti), sotto i ghiacci dell’Antartide.

atlantideantartide

In realtà, questo argomento è solo un presupposto per poter discutere dei diversi cataclismi che hanno sconvolto il nostro pianeta, l’ultima delle quali, secondo alcuni, avvenuta solo 13.000 anni fa.

Di così gravi proporzioni, l’ultima catastrofe avrebbe perfino influito sulle ere geologiche, concludendone una, il Pleistocene, e cominciandone un’altra, l’Olocene, quella in cui viviamo oggi. Fino a 13.000 anni fa, infatti, la Terra non appariva così come la conosciamo oggi: secondo alcuni teorici, tra cui l’ingegnere italiani Flavio Barbiero, che ne parlò nel libro “Una civiltà sotto ghiaccio”, uscito nel 1974. La vecchia mappa, dunque, raffigurerebbe il Nord Europa (fino a Londra e Berlino) e l’America Nord-Occidentale ricoperte dai ghiacci, mentre AlaskaSiberia e Antartide erano prive di ghiaccio, anzi: in Siberia il clima era mite e vivevano alcune tra le specie animali che poi si sono estinte con l’ultima glaciazione. Anche l’Antartide era priva di ghiaccio, presumibilmente soprattutto verso le coste, e proprio qui sarebbe fiorita una civiltà marinara erudita ed evoluta sotto diversi aspetti: alcuni pensano sia proprio la civiltà atlantidea.

Cosa accadde poi? Qui sta la domanda senza risposta: in base ad alcune supposizioni un cataclisma di enormi proporzioni avrebbe spazzato via quasi tutte le razze viventi esistenti, provocando un’inversione dei poli e mutando radicalmente il panorama geografico. Alaska, Siberia e Antartide sarebbero state ricoperte da diluvi torrenziali, interminabili alluvioni e un clima molto più freddo, che ne provocò la glaciazione, mentre su Europa e Nord America prese letteralmente a battere il sole.

Quello che avvenne 13.000 anni fa non fu il primo grande cambiamento che sconvolse la Terra: pensate ai dinosauri, ad esempio, estinti per via di una cometa. Secondo studi scientifici, la storia della vita terrestre si è evoluta attraverso almeno 5 estinzioni di massa, provocate da altrettanti eventi catastrofici, come per l’appunto la caduta di un asteroide. Ipotesi che è anche la più accreditata per quanto riguarda l’ultima catastrofe e conseguente glaciazione. Alcuni ritengono che a provocare tali ingenti mutamenti al nostro pianeta sia stato il passaggio (periodico) di un pianeta e della sua pericolosa scia di detriti: il pianeta più accreditato, naturalmente, è Nibiru, o Pianeta X, ovvero il decimo pianeta su cui tanto si fantastica e si ipotizza in questi tempi pre 21 dicembre 2012.

Fatto sta che l’evento fu breve e rapido, altrimenti non si spiegherebbero i Mammuth ritrovati perfettamente congelati con il pasto appena consumato nel loro interno.

Un’altra ipotesi che si è fatta è quella di una violentissima e immensa onda che avrebbe sommerso l’Antartide, seppellendola di conseguenza sotto un enorme strato di ghiaccio: secondo questa teoria, quindi, la civiltà che viveva in quelle terre fu spazzata via e sepolta sotto il ghiaccio che si andò a formare sull’Antartide. I pochi superstiti, poi, riuscirono a raggiungere le coste dell’Europa e a insegnare la civiltà, offrendo la possibilità alla nuova razza umana (o per meglio dire, alle nuove civiltà) di accelerare la propria evoluzione.

Un’ipotesi suggestiva, senz’altro, ma ancora priva di prove scientifiche che ne testimoniano la veridicità: lo stesso discorso vale per Atlantide, narrataci da Platone e collocata approssimativamente nel 9600 a. C., periodo nel quale la potente civiltà avrebbe colonizzato Europa occidentale e Africa: solo una prova archeologica della sua reale esistenza getterebbe luce su uno dei misteri più affascinanti della nostra storia.

fonte

.
torna a Civiltà perdute & C
.

 

Similar posts
  • Il mito del continente sommerso Esiste un immaginario atlante dei luoghi fantastici, divenuti veri grazie all’invenzione dei poeti, portati a vita sempiterna dal nulla: il bosco del Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, con i suoi elfi e le sue fate volanti, i luoghi prodigiosi incontrati da Ulisse nel suo lungo viaggio di ritorno, dall’isola dei Lotofagi [...]
  • Gli Angeli Caduti e Atlantide Tutti conoscono la storia di Noè e del diluvio, di come Noè fu salvato e di come costruì l’arca e di ciò che avvenne durante e dopo il diluvio. Ma ciò che dalla sola lettura della Bibbia non appare chiaro sono le cause che spinsero Dio a distruggere l’umanità. Nella Bibbia infatti si dice (Genesi [...]
  • Luoghi misteriosi – La città pe... Ci sono un certo numero di città antiche – considerate miti dalla maggior parte degli autori – che alcuni credono esistessero prima della storia scritta, in diversi luoghi sulla Terra. The Lost City of Z, proprio come Atlantis è uno di questi luoghi misteriosi. La persona più famosa che abbia mai cercato questa città perduta [...]
  • Antiche civiltà tecnologicamente avan... Secondo varie fonti esoteriche, la prima civiltà sarebbe apparsa 78.000 anni fa, in un continente gigantesco conosciuto come Mu o Lemuria, che durò 52.000 anni. Si dice che questo continente venne distrutto da un terremoto che avrebbe modificato la posizione dei poli, che si sarebbe verificato nel 24.000 a.C. . Mu o Lemuria Mentre Mu [...]
  • Ufo ed Antartide Unisco due articoli, tratti da Hackthematrix, che parlano di alieni ed Antartide allo scopo di dare continuità di lettura agli amici che mi seguono. Strana struttura simile a un castello appare in Antartide Un’enorme struttura dalle sembianze di un castello è stata scoperta in Antartide , una nuova prova che fa pensare che il continente ghiacciato fosse una [...]