Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Buccellato (cucciddàtu)

Ancora oggi si vedono in Sicilia i fichi asciugati al sole e infilati in lunghi fili di spago o “incannati”, cioè infilzati in spiedi di canne. Parte di questi serviranno in inverno per fare i buccellati, dolci natalizi che, ancora oggi, contrastano il passo con onore ai nordici panettoni e pandoro.
Il “cucciddàtu” ha un’origine antica e un sicuro antenato nel “panificatus”dei romani. Il suo nome deriva dal tardo latino buccellatum, cioè pane da trasformare in buccelli, ossia bocconi, per la sua morbidezza. Diverse sono le varianti per forme e misure: nel palermitano gli “ammara-panza” sono tipi scadenti di buccellati che servono a riempire lo stomaco.

.

bucc

.

INGREDIENTI
Per 4 persone:

  • 300 gr di farina
  • 125 gr di burro
  • 50 gr di zucchero
  • 1 cucchiaio di vino Marsala
  • 300 gr di fichi secchi
  • 200 gr di uva passa
  • 100 g di uvetta sultanina
  • 50 gr di noci sgusciate
  • 30 gr di pinoli
  • 30 gr di scorzetta di arancia candita
  • 50 gr di zuccherata
  • 3 chiodi di garofano.

.

Mescolate in una zuppiera la farina, il burro, lo zucchero e il cucchiaio di Marsala ed amalgamate tutto con le mani. Lasciate riposare l’impasto per un’ora circa e dopo stendete la pasta con il mattarello.
Preparate nel frattempo il ripieno fatto dai fichi secchi, I’uva passa, uva sultanina, mandorle, i pinoli, la scorzetta di arancia, la zuccherata, i chiodi di garofano ed un pizzico di pepe. Triturate tutto finemente mescolando con un po’ di zucchero.
Avvolgete il ripieno nella pasta, dando forma di ciambella su cui farete delle piccole incisioni. Spennellate con tuorlo d’uovo ed infornate per venti minuti. Quando si sarà raffreddato, decorate con zucchero a velo, pezzetti di pistacchio e frutta candita.

Similar posts
  • La cucina siciliana – Premessa La cucina siciliana è intimamente collegata sia alle vicende storiche e culturali della Sicilia, sia alla vita religiosa e spirituale dell’isola. Si tratta infatti di una cultura gastronomica composita e multiforme, che mostra testimonianze e contributi di tutte le culture che si sono insediate in Sicilia negli ultimi due millenni. E’ possibile infatti riscontrare segni [...]
  • Pasta con le sarde Sarde, sardine, acciughe, fanno parte della grande famiglia del “pesce azzurro”. E’ così detto perchè questa specie migratoria viene pescata in quantità quando si avvicina alle acque costiere, azzurre e luccicanti. Consumate fresche o salate o ancora, ridotte a una salsa salata ottenuta dalla loro decomposizione, le sarde erano fortemente apprezzate nell’epoca classica. Il loro [...]
  • Cucina siciliana – Gelato di ge... Primi degustatori ne furono gli arabi che usarono aromatizzare la neve delle “nivere” di montagna per farne gustosi sorbetti. I siciliani ne fecero tesoro, se è vero che dal Rinascimento in poi erano isolani i gelati più in voga d’Europa. L’aroma di gelsomino, molto diffuso nel Trapanese, ci riporta alle origini. Non paia superfluo però, [...]
  • Gelato di frutta Non meravigli che siano stati gli arabi ad introdurre il gelato, particolarmente quello di frutta. Nell’Isola era infatti diffusa la pratica delle nivere, fosse scavate in montagna nelle quali veniva conservata (coperta da frasche, paglia e terra) la neve caduta in inverno e che veniva consumata o utilizzata in estate. Gli arabi partirono da questa [...]
  • Bianco mangiare Già a partire dal quattordicesimo secolo sono presenti nel vocabolario franco-italiano forme linguistiche che preludono al nostro “biancu manciari“. La presenza di latte (di mandorla in origine, poi ovino e bovino), di amido, zucchero e riso è costante nel tempo, anche se le componenti andranno via via arrichendosi di vaniglia, cannella, buccia di limoni, cioccolato [...]