Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Calamari ripieni

In Sicilia c’è un modo universale di preparare i calamari ripieni, variando da luogo a luogo le percentuali di alcuni ingredienti. Oggi il ripieno classico siciliano per calamari e seppie è costituito da mollica di pane, aglio, olio, prezzemolo e formaggio, oltre ai tentacoli tritati.
Forse qualcuno si meraviglierà dell’uso del formaggio con il pesce, ma non è una novità. A Favignana si servono gli spaghetti al nero di seppia con una spruzzatina di caciocavallo. A Catania c’è il Calamari “ripiddu nnivicatu“, riso con nero di seppia, condito con ricotta. Per non dire, poi, che nelle sarde a beccafico “un’idea” di formaggio per insaporire non guasta di certo.

.

calam

.

INGREDIENTI
Per 4 persone:

  • 4 calamari freschissimi da 250 gr ciascuno
  • 250 grammi di pan grattato
  • 3 acciughe diliscate
  • 2 cucchiai di capperi salati o sottaceto
  • 2 cucchiai di pinoli sgusciati
  • 2 cucchiai di uva passa
  • 1 spicchio d’aglio finemente tritato
  • Olio d’oliva extravergine
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • Sale e pepe q.b.

.

Pulite bene i calamari, togliendo loro lo stomaco e la testa.
Tritate i tentacoli e soffriggeteli in un tegame con olio. Aggiungete i capperi, i pinoli, l’uva passa, e le acciughe, che avrete ammorbidito in un pentolino con poca acqua tiepida.
A parte tostate in una padella il pan grattato ed unitelo al condimento insieme al prezzemolo tritato, all’aglio e al sale. Togliete dal fuoco dopo qualche secondo e mescolate per amalgamare bene il tutto. Con questo composto, riempite i calamari e fermateli alla punta con uno stuzzicadenti, in modo che il ripieno non fuoriesca. Sistemate i calamari in una pirofila unta con olio, salateli, pepateli e irrorateli con olio.
Passate la pirofila in forno e gratinate per circa 30 minuti. Servite i calamari in tavola ben caldi.

Similar posts
  • Pasta con le sarde
    Sarde, sardine, acciughe, fanno parte della grande famiglia del “pesce azzurro”. E’ così detto perchè questa specie migratoria viene pescata in quantità quando si avvicina alle acque costiere, azzurre e luccicanti. Consumate fresche o salate o ancora, ridotte a una salsa salata ottenuta dalla loro decomposizione, le sarde erano fortemente apprezzate nell’epoca classica. Il loro […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.