L’utilizzazione delle arance in Sicilia, è molteplice: si consumano fesche, come frutta o aggiunte nell’insalata, oppure si “usa” il succo per preparare bevande. Ricche di vitamina C, le arance rappresentano un alimento salutare.
La buccia, per esempio, viene impiegata per farne canditi, il frutto per confezionare le marmellate.
Un particolare apprezzamento meritano le specialità di Franconte, Lentini, Oliveri, Palagonia, Paternò, Pettineo, Ribera, senza dimenticare le “sanguinelle” di Biancavilla.
Purtroppo, la mano d’opera a volte ci “mette fuori mercato” al punto che spesso le arance non vengono raccolte e dunque rimangono sull’albero ad ammuffire.

.

INGREDIENTI
Per 6 persone:

*** per la pasta frolla***

  • 250 gr di farina
  • 200 gr di burro ammorbidito a pezzetti
  • 100 grammi di zucchero extrafino
  • 1 tuorlo d’uovo
  • sale q.b.

*** per l’interno***

  • 500 grammi di conserva di arancia.

 

Mettete la farina setacciata con un pizzico di sale a fontana sul tavolo. Ponete nel mezzo il tuorlo d’uovo e il burro a pezzetti. Impastate il composto servendovi della lama di un coltello e se è necessario aggiungete un cucchiaio di acqua tiepida.
Quando la farina sarà completamente assorbita, formate una palla che lascerete a riposare per mezz’ora. Dividete in due parti la pasta e con una delle due fate un disco con il quale rivestirete il fondo di una teglia precedentemente imburrata. Sul disco di pasta versate la conserva e spalmate in modo uniforme fino a due dita dal bordo del disco.
Stendete sul tavolo infarinato la parte rimanente della pasta e ricavate da essa delle fettucce larghe un dito ed un grosso cannello. Con esse formate un reticolato sulla marmellata e col cannello farete il bordo che chiuderà tutto intorno la crostata.
Dorate con uovo sbattuto il bordo ed il reticolato, quindi infornate a calore moderato per circa mezzora.
Togliete dal forno e attendete che la crostata sia fredda prima di toglierla dalla teglia.