Le culture marinare hanno saputo elaborare, senza talora averne la consapevolezza, tassonomie molto sottili degli esseri abitatori del mare!
Sulla base di una serie di valori, esse hanno costruito “universi di animali“, ognuno contraddistinto da specificità che sono proprie.

Il Dentice, appartiene alla famiglia degli Sparidi, è un pesce pregiato in tutte le sue diverse specie: il comune conosciuto con il nome di Paulu, l’òcchione noto come “occhiu bbeddu“, e infine il “corazziere“, più noto col nome di “pauru masculinu“.
Pesce prelibato, è molto usato nella cucina isolana. Particolare è la ricetta con la quale viene presentato in questa scheda.

.

,

INGREDIENTI
Per 6 persone:

  • 1200 gr di dentice a trance da 200 gr
  • 4 pomodori maturi
  • 1 spicchio d’aglio
  • mezza cipolla
  • olio d’oliva extravergine
  • sale e pepe q.b.
  • un mazzetto di prezzemolo tritato
  • 1/2 bicchiere di vino bianco.

.

In una padella capiente, con l’olio, soffriggete la cipolla tritata finemente insieme allo spicchio d’aglio.
Quando la cipolla sarà imbiondita aggiungete le trance di dentice, fatele dorare e innaffiate col vino. Fate evaporare, salate, pepate e unite i pomodori, privati della buccia e dei semi, tagliati a piccoli filetti.
A questo punto eliminate l’aglio, coprite con un coperchio e fate cucinare a fuoco moderato per circa 15 minuti.
Durante la cottura, evitate di rimescolare ma agitate soltanto il tegame, affinchè gli ingredienti si mischino bene e non si attacchino al fondo ed aggiungete dell’acqua qualora ve ne fosse bisogno.
Servite le trance di dentice ben calde, in un capiente piatto di portata, dopo averle spruzzate con abbondante prezzemolo.