Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Dike (Astrea) la dea della giustizia

Dike (Astrea) la dea della giustizia

Image by David Mark from Pixabay

Sulla figura della dea Giustizia c’è un alone di mistero determinato dal fatto che vari sono i nomi utilizzati nella mitologia per identificarla.
La dea della giustizia in greco veniva definita “Dike” ed era una delle tre Ore (gr. Horai; lat. Horae) personificazione mitica e divina delle stagioni presso i Greci. Le Ore avevano la funzione di sottrarre il divenire umano all’arbitrio e al disordine. Al concetto di ordine, infatti, si rifanno i nomi delle tre Ore:

  • Dike=giustizia;
  • Eunomia= buon governo;
  • Irene= pace.

Erano figlie di Zeus e di Temi. Presso i Romani divennero 12, come le suddivisioni della giornata.
La Dike é la giustizia del gruppo, la giustizia dello Stato. Dike è quella che i latini chiamavano anche Iustitia, e che diffondeva agli uomini la giustizia e la virtù.
Solone, per primo, eletto arconte nel 594, crea uno spazio comune (koinon) la polis dove impone a ciascuno di non trasgredire i limiti della giustizia con pretese smodate (pleonexia) commettendo ibris e dove, in base alle ispirazioni ricevute dall’oracolo Delfi, la “giustizia” era la stessa tanto per il non nobile (kakos) quanto per il nobile (agathos).
Ma la Iustitia romana non è equivalente alla Temi greca, ma appunto a Dike anche detta Astrea che ebbe una parte nella leggenda dell’Età dell’oro. A questo proposito occorre citare Esiodo che, ne Le Opere e i Giorni, racconta che all’inizio, nel periodo in cui regnava Crono, c’era una “razza d’oro”.
Gli uomini vivevano ancora come gli dei: liberi da affanni, al riparo da fatica e miseria, non conoscevano la vecchiaia ma rimanevano giovani intenti a banchetti e feste. Giunto il tempo di morire si addormentavano dolcemente. Non dovevano lavorare ed i beni appartenevano a tutti spontaneamente. Vivevano dell’abbondante raccolto offerto dalla terra e vivevano in pace.

Image by moritz320 from Pixabay

Ecco perché età dell’oro: era il regno della Giustizia e della Buona Fede e tale appellativo rimase ad indicare gli esordi dell’umanità in cui gli dei vivevano accanto ai mortali. Le porte non erano ancora state inventate, poiché il furto non esisteva e gli uomini non avevano niente da nascondere. Giovenale, infatti, afferma che un tempo “nessuno temeva ancora i ladri” e la gente viveva “senza chiudere l’orto”. Ci si nutriva esclusivamente di legumi e di frutti, poiché nessuno pensava ad uccidere. A Roma Crono era identificato con Saturno e si poneva l’Età dell’oro al tempo in cui questo dio regnava sull’Italia che si chiamava ancora Ausonia. Con il regno di Zeus, età del ferro, scomparve questa razza. A quel punto la terra e gli uomini sono preda di ogni empietà. 

Victa iacet pietas, et Virgo caede madentes
ultima caelestum, terras Astraea reliquit.
“Vinta giace la pietà, e la vergine Astrea lascia,
ultima degli dei, la terra madida di sangue”
(Ovidio, Metamorfosi, I, vv. 149-150).

Dunque i misfatti dell’umanità misero in fuga Iustitia e la costrinsero a lasciare la terra, in cui viveva con familiarità con i Mortali, si rifugiò in cielo dove divenne la costellazione della Vergine. Ed Astrea è, appunto, il nome della costellazione della Vergine al tempo in cui regnava la Terra. È ancora Astrea la vergine di cui parla Virgilio nella quarta ecloga delle Bucoliche annunciando la venuta di un bambino che rigenererà il mondo (vv. 5.7): 

magnus ab integro saeclorum nascitur ordo.
Iam redit et Virgo, redeunt Saturnia regna;
iam nova progenies caelo demittitur ab alto
.
“nasce di nuovo il grande ordine dei secoli.
Già torna la Vergine, torna il regno di Saturno;
già la nuova progenie discende dall’alto del cielo”.

 

Stralcio testo tratto dalla pagina: digilander.libero.it sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

 

vedi anche: