Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Elaborazione grafica – Giufà e i dieci asini

Una mattina Giufà, dopo un sogno rivelatore, decise di mettersi a fare il mercante d’asini.
Andò al mercato e comprò dieci asini, quindi, per tornare a casa salì in groppa ad uno di essi. La carovana si mise, così, in viaggio: Giufà avanti e gli altri animali indietro.
Per strada, però, a Giufà venne il dubbio di averne perso qualcuno.
Si fermò e senza scendere dall’animale contò gli asini: incredibile! erano nove.

Giufà si disperò, li contò e li ricontò: erano 9.

Allora scese per terra e volle contarli toccandoli uno per uno: sorpresa, erano 10.
Tranquillizzato, montò sul suo asino e riprese la strada per casa.

Per sicurezza, dopo un po’ si fermò e volle contare nuovamente gli animali dall’alto della sua sella: erano 9.
Preoccupato scese per terra e li rivolle contare uno per uno: erano 10!

A questo punto a Giufà fu tutto chiaro: era meglio stare per terra e camminare in testa agli asini, invece di salire in groppa, perchè solo in questo caso gli animali erano 10.
Fu così che Giufà, nonostante avesse a disposizione 10 asini, tornò a casa facendosi tutta la strada a piedi.

.

Similar posts