Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Forse questa lettera non la leggerete…

tratta da “Pietre di scarto” di don Tonino Bello

“Carissimi sono un po’ triste perché so che questa lettera forse non la leggerete. 
Quelli che non contano niente, di solito, giornali non ne comprano. Prima di tutto perché non hanno soldi da sprecare. E poi perché i giornali sono diventati difficili.

Non_fate_storiaAnche quelli di Chiesa. 
Si rivolgono quasi sempre a persone istruite. E trattano argomenti che non hanno nulla a che fare con i problemi che voi vivete, con le difficoltà in cui vi dibattete, con l’indifferenza che vi circonda. 
Voi non fate storia. 
Qualche volta fate cronaca: quasi sempre cronaca nera. Eppure, chi conosce la trama dei vostri giorni sfilacciati sa che avreste da raccontare tanta cronaca bianca, da far trasalire la città. 
Ma la cronaca bianca non fa notizia. 
Voi non fate storie. Perché non sapete parlare. E, anche quando vi sentite bruciare dentro le ingiustizie della terra, le parole vi muoiono in bocca. Anzi, vi capita spesso di pensare che, forse, ad aver torto siete voi.

Voi non fate peso. Eppure siete turba. Quelli che contano si ricordano di voi all’occasione del voto. Ma dopo quel momento, siete solo di peso. Voi appartenete al mondo sommerso della città. Quello che non cambia mai. Perché, i mutamenti riguardano quasi sempre la superficie. 
Come succede sul mare: oggi é scirocco e le onde vanno di qua, domani é tramontana e le onde sbattono di là. 
I fondali, però, rimangono inalterati. 
La politica vi passa sulla testa. 
Ogni tanto, di sopra, cambia lo “scenario”, come dicono oggi. Ma voi rimanete sempre sotto la botola. 
Al massimo, bene che vi vada, raggiungete il livello di calpestio. Anche la religione vi passa sulla testa. 
É vero che qualche volta vi afferra il cuore, fino a farvi lacrimare. Ma più per quei crepacci di mistero che si aprono sul pavimento, che per quelle fessure di luce che si squarciano sul tetto…”.

(da Tonino Bello “Pietre di scarto”, La Meridiana – Luce & Vita, 1993)

.

di Alessio Patti scritto il 5 febbraio 2010

http://www.facebook.com/note.php?created&&suggest&note_id=144237681623

 

vedi anche:

Similar posts
  • Il mostro del Lario (lago di Como) Gli avvistamenti più recenti partono dal 18 novembre 1946, quando il settimanale “Il Corriere Comasco” titola a cinque colonne: “AL PIAN DI SPAGNA (presso Colico) LA PAUROSA AVVENTURA DI DUE CACCIATORI BRIANZOLI: LA LOTTA MORTALE A COLPI DI FUCILE CONTRO IL MOSTRO CRESTATO INABISSATOSI NELLE ACQUE DEL LAGO…” Si trattava di tale Carlo Bonfanti (32 anni) [...]
  • La Bibbia dei settanta Secondo le fonti storiche la Bibbia dei LXX, detta anche Septuaginta, è una versione greca dell’Antico Testamento fatta da esperti traduttori ebrei ed iniziata ad Alessandria d’Egitto ai tempi del re Tolomeo II Filadelfo, circa duecentocinquanta anni prima di Cristo. Tolomeo II regnò in Egitto per circa trentotto anni, nel periodo 284-246 a.C. (le date [...]
  • Lettera di Abramo Lincoln al maestro... Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, scrisse una lettera all’insegnante del figlio, nel suo primo giorno di scuola. Monticello, il blog di Orlando Sacchelli,  ve la ripropone perché, oltre che molto bella, è di estrema attualità e andrebbe scritta ancora oggi, dai genitori, agli insegnanti dei propri ragazzi. “Il mio figlioletto inizia oggi la scuola: per [...]