Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Impanata di pesce spada

Da millenni il pesce spada si è continuato a pescare sullo stretto di Messina con una delle tecniche più antiche: l’arpione, che qui è presente nella varietà della frìccina impiegata oggi da pescatori provetti sulla passerella, ieri sul “luntri”, agile barchetta di inseguimento veloce.
Già Oppiano, terzo secolo D. C., ci offre dettagliate descrizioni, non da meno di quelle risalenti al 6-700 quando la pesca al pesce spada era oggetto di ammirato spettacolo offerto alle nobili famiglie messinesi.
Una storia così lunga, non poteva non accompagnarsi ad una varietà di ricette impressionante. L’ impanata è certo una delle più ricche e complesse.

.


INGREDIENTI

Per 6 persone:

  • 500 di farina
  • 30 gr di lievito
  • 50 gr di strutto
  • sale
  • 1kg. di pesce spada
  • sedano
  • 500 grammi di pomodoro
  • 100 grammi di olive verdi
  • 30 gr di capperi
  • una cipolla
  • 2 carote
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 300 gr di parmigiano
  • 50 grammi di pan grattato
  • olio di oliva
  • un mazzetto di prezzemolo
  • sale e pepe. 

 

Preparate una pasta morbida con la farina, un pizzico di sale, il lievito di birra sciolto in acqua tiepida e 40 gr. di strutto.
Stendetela in due foglie di tre mm circa di spessore di cui una più grande di diametro. Fate cuocere il pesce spada, che avrete tritato, seguendo la ricetta del “pesce spada alla messinese” e aggiungete mescolando, il parmigiano grattugiato ed il pan grattato.
A questo punto foderate una teglia oleata con la sfoglia più larga e sistematevi sopra il pesce. Coprite quindi con l’altra sfoglia riboccando i bordi in modo da chiudere ermeticamente.
Praticate dei buchi con una forchetta e spennellate con il rimanente strutto.
Infornate ad una temperatura di circa 240° finché l’impanata non sia ben colorata e servitela calda.

Similar posts
  • La cucina siciliana – Premessa
    La cucina siciliana è intimamente collegata sia alle vicende storiche e culturali della Sicilia, sia alla vita religiosa e spirituale dell’isola. Si tratta infatti di una cultura gastronomica composita e multiforme, che mostra testimonianze e contributi di tutte le culture che si sono insediate in Sicilia negli ultimi due millenni. E’ possibile infatti riscontrare segni […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.