Non ha una lunga storia l’antipasto in Sicilia, forse perché tra la gente c’era tanta fame che non abbisognavano “esche” per attirarla.
Tuttalpiù corrispondevano agli antipasti quelli che una volta venivano chiamati piatti di mezzo, oppure più semplicemente un secondo, o un contorno. Olive, sedano, capperi, acciughe e poi ancora verdure e fettine di limone se entravano una volta nelle mense per completare un pasto, più di recente tendono ad aprirlo. Da qui la doppia dell’insalata: non è l’insieme delle componenti a variare, ma è cambiato nel tempo il contesto di cui quella entra a far a parte.

 


INGREDIENTI
Per 4 persone:

  • 4 pomodori

  • 1 cetriolo

  • 4 acciughe lavate e deliscate

  • 300 grammi di fagiolina cotta

  • 2 cipolle al forno

  • 4 patate lesse

  • 100 grammi di olive verdi

  • 20 gr di origano

  • sale e pepe q.b.

  • aceto rosso

  • olio d’oliva.


Togliete il picciolo dai pomodori, lavateli, asciugateli e tagliateli a fette. Mondate il cetriolo ed affettatelo.

Tagliate a pezzi grossi le cipolle, togliete la pelle alle patate e tagliatele a fettine tonde. Prendete una zuppiera abbastanza capiente e sistematevi le fette di pomodoro, quelle di cetriolo, i pezzi di cipolla, le fettine di patata e la fagiolina.
Aggiungete le olive snocciolate e le acciughe. Irrorate con aceto, salate, pepate e versatevi l’olio.
Servite dopo aver spolverato con l’origano.