Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

La leggenda del “Puente del Inca”

Puente del Inca è un arco naturale che forma un ponte sul fiume Vacas, un affluente del Rio Mendoza. Si trova a 2.700 metri sul livello del mare, sulla cordigliera delle Ande, a nord-ovest della provincia di Mendoza, in Argentina ed è l’ingresso principale del Parco Provinciale Aconcagua.
Puente del Inca è  anche il nome dato alle terme della zona. Si è ipotizzato che l’origine di questa formazione sia dovuta alla interazione di elementi naturali estremi come il ghiaccio e le sorgenti termali che, pietrificati, hanno formato il ponte naturale.

Puente_del_Inca

La leggenda narra che molto temo fa, l’erede al trono dell’Impero Inca, lottava tra la vita e la morte, vittima di una malattia strana e misteriosa.
Le preghiere e le risorse degli stregoni non migliorarono il disperato stato di salute del giovane.
Il popolo amava profondamente il suo principe e venne invitato a sacrificare agli dei. 
Sono stati chiamati i più grandi studiosi del regno, i quali affermarono che il giovane poteva guarire solamente con il meraviglioso potere dell’acqua di una sorgente, che si trova in una zona remota.
Il principe ed il suo seguito iniziarono la ricerca di questa sorgente e dopo aver viaggiato per mesi, subito sconfitte ed affrontate innumerevoli difficoltà, si erano esaurite le loro forze. 
Un giorno il principe si fermò presso un profondo burrone, in fondo scorreva un fiume di acque tumultuose. Sul lato opposto osservò la primavera ambita, ma… come arrivare in quel luogo irraggiungibile?
Meditò a lungo, cercando di trovare un modo per ottenere le acque miracolose, ma invano.
Quando stava per cedere alla disperazione accadde qualcosa di straordinario: improvvisamente il cielo si oscurò, la terra tremò e vide del granito cadere dalle alte vette circostanti.

Cessato l’evento,  il principe ed il suo seguito si stupirono nel  vedere, come se fossi lì fin dall’inizio dei tempi, un solido ponte in pietra che portava verso l’altro lato del fiume e  che permise loro di raggiungere facilmente la riva opposta. Traversarono, il principe bevve dalle acque della riva conquistata e ben presto riconquistò la sua salute.
L’onnipotenza di Dio Inti, il sole, e la mamma-Quilla, la Luna, aveva compiuto il miracolo.

Così nacque l’arco monumentale in pietra, che fu chiamato “Puente del Inca”, circondato dalla bellezza mozzafiato delle Ande. 

.

.

Similar posts
  • Una leggenda sulla creazione: “... Tanto tempo fa i pappagalli erano bianchi come la neve. Ma un giorno il pappagallo Felix decise che non voleva essere bianco perché non si distingueva dagli altri. Volle allora essere colorato e si recò a cercare dei colori. Andò da un imbianchino, ma lui aveva solo vernice bianca; poi volò dal mago ranocchio, che, [...]
  • La creazione dell’uomo secondo ... In una notte scura e stellata, un gruppo di Pellerossa stava accovacciato intorno ad un falò. Improvvisamente il guerriero più anziano si alzò in piedi. Il suo volto era vecchio e bruno come la terra e portava sulle spalle una coperta dai vivaci colori. Cominciò a narrare la storia dell’inizio del mondo… Quando Coyote, il [...]
  • Alcuni “Ponti del Diavolo”... Dal nord al sud della nostra bella penisola troviamo antiche opere architettoniche, per la maggior parte ponti, con storie legate a particolari leggende metropolitane molto simili tra loro. Infatti nella nostra bella Italia non esiste un solo “Ponte del Diavolo” ma diversi anche perché nel medioevo la costruzione di un ponte era un’opera di grande [...]
  • Tra leggenda e realtà: Giovannino Sem... Come capita a tutti i personaggi importanti, anche Giovannino Semedimela – al secolo John Chapman vissuto fra il 1700 e il 1800 negli Stati Uniti – si ritrova suo malgrado a essere prestato a eterogenei campi della conoscenza: da personaggio storico a leggenda, da favoletta a iniziatore del movimento ecologista, da speculatore a portatore del [...]
  • Il mito tra leggenda e letteratura Il mito è la rappresentazione di una vicenda esemplare ed idealizzata che narra le vicende di dei, semidei ed eroi. Esso ha valore universale e si proietta su tutte le età della storia, in quanto incarna verità profonde della natura umana. Alla base del mito c’è una sorta di spontanea credenza nel divino (politeismo) come forza [...]