Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Le chiavi del regno nei segni dei pianeti di Agrippa

Oggi desidero sottoporvi un interessantissimo saggio di Gaetano Barbella.
Ho pensato fosse opportuno inserire l’inizio del saggio che, nella sua versione integrale,  potrà essere consultato o scaricato gratuitamente nel formato pdf cliccando sul seguente link: 
Le chiavi del regno nei segni dei pianeti di Agrippa

.

LE CHIAVI DEL REGNO NEI SEGNI
DEI PIANETI DI AGRIPPA

1. Configurazione del pianeta Mercurio sulla circonferenza della Terra

É sempre passato inosservato una curiosa peculiarità del nostro pianeta Terra se si dispongono, come nell’illustr. 1, otto sfere periferiche in tangenza l’una con l’altra.
Il fatto saliente è che il raggio di ognuno delle otto sfere in tangenza reciproca, segnato nell’illustr. suddetta con AB, secondo l’esatto calcolo è:

Per OA=6371km (il raggio medio della terra),

AB = 6371sin22,5° = 2438,1km.

Ma questa misura sembra portare a quella del pianeta Mercurio col suo raggio, che è 2439,7 km. Infatti la differenza con la Terra è solo di 1,5 km in più per Mercurio! Tuttavia, se si considera il raggio equatoriale terrestre, che è 6378,388 km., allora il raggio della sfera che rotola sulla Terra è di poco superiore a quella di Marte. Dunque potremmo ritenere la relazione, diremo “metafisica”, davvero interessante.
Ora se dal punto di vista planetario, questa relazione non sembra trovare significazione, invece da quello esoterico è diverso. Si tratta di una coincidenza significativa che porta a dar valenza a tante correlazioni del Mercurio alchemico all’acqua ossia di un'”acqua che non bagna le mani”1, questa è la differenza. Ovviamente la concezione del mercurio alchemico viene correlato all’alchimista che si dispone alla trasmutazione di sé con la procedura dell’Opera secondo le dovute prescrizioni, tuttavia non si può evitare di coinvolgere il Tutto in cui egli è coinvolto e da cui dipende. Dunque si deve supporre che prima di lui è il pianeta Terra, tramite i suoi abitanti, compreso lui, a conseguire questo fondamentale scopo per disporsi a destini superiori. Come a immaginare « un nuovo cielo e una nuova terra » (Ap. 21,1) secondo la profezia di Giovanni evangelista con la sua Apocalisse.

Detto questo e riprendendo il tema interrotto, occorre dire che gli otto “mercuri’ terrestri corrispondono, per il 71% della superficie globale, gli oceani che nei libri di Fulcanelli, Le Dimore Filosofali e I Misteri delle Cattedrali, trovano continui riferimenti al mare in questione e uno di questi, nelle Dimore Filosofali, vol. I, p. 181, dice:

«La donna adatta alla pietra e che con essa si deve unire è quella fontana d’acqua viva, la cui sorgente, totalmente celeste, che ha il suo centro in particolare nel sole e nella luna, produce questo chiaro e prezioso ruscello dei Saggi, che si versa nel mare dei filosofi che, a sua volta, circonda tutto il mondo. ». Chiaramente a noi ci basta interpretare il mondo come tutta la Terra. Ma vediamo altri riferimenti sul mare ermetico di Fulcanelli.

.

2. Varie definizioni di Fulcanelli del mare ermetico

2.1 Mare ripurgato e mare ermetico (Le Dimore Filosofali, vol.II, pag.126)

In greco, ermellino si dice ποντικός, parola che deriva da πόυίτος o πόυίτιος, il precipizio, l’abisso, il mare, l’oceano; cioè l’acqua pontica dei filosofi, il nostro mercurio, il mare purgato due volte col suo zolfo, e talvolta semplicemente l’eau de notre mer che dev’esser letto eau de notre mère22, cioè l’acqua della materia primitiva e caotica chiamata soggetto dei saggi. I maestri ci insegnano che il loro mercurio secondo, quest’acqua pontica di cui stiamo parlando, è un’acqua permanente, che, contrariamente ai corpi liquidi “non bagna le mani” ed è la loro sorgente che cola nel mare ermetico. Essi dicono che per ottenerla bisogna percuotere tre volte la roccia, per estrarne l’onda pura mescolata all’acqua grossolana e solidificata, in genere raffigurata da blocchi rocciosi emergenti dall’oceano. Il vocabolo πόυίτιος esprime in particolare tutto ciò che vive nel mare….

.

(leggi la versione integrale del saggio che potrà essere consultato o scaricato nel formato pdf cliccando sul seguente link:  Le chiavi del regno nei segni dei pianeti di Agrippa) 

 

Similar posts
  • Il saggio viandante
    Un saggio viandante, il volto nascosto da un cappello dalla larga tesa, un mantello blu intessuto di stelle a coprire il possente torace, andava in giro per la terra mettendo alla prova l’ospitalità della gente. Quando veniva accolto con benevolenza, sedeva accanto al fuoco e parlava alla gente : “Gli amici di un tuo amico […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.