Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Li stornelli – Una pagina di Sandro Boccia

 

LI STORNELLI

di Sandro Boccia

« Saltarelle by Bartolomeo Pinelli » par Bartolomeo Pinelli
http://indianapublicmedia.org/harmonia/saltarello-anyone/. Sous licence Domaine public via Wikimedia Commons

“Vecchia Roma sotto la luna nun canti più
li stornelli e le serenate de gioventù”:
così recita ‘na canzone riferennose a lo stornello,
ch’era ner 7/800 un popolare, a vorte improvvisato ritornello,
un motivo er più de le vorte accompagnato da ‘no strumento,
formato da ‘na terzina, la prima quinaria co’ un nome d’un fiore,
e da artre due, de 11 sillabe, che creavano assonanza e basamento
pe’ la rima pe’ un canto accorato perloppiù de dispetto o d’amore.
Questo esartava lodanno le virtù, le grazie e le bellezze
de la persona amata o corteggiata mentre quello de litiggiosità
ne marcava in forma ironica e risentita manchevolezze,
difetti e contrasti indirizzati all’ecse o a un rivale co’ animosità.
Celebbri anche li canti de carrettieri che portavano a tutte l’ore,
da li Castelli a Roma vino e legname lungo la via Appia,
che seconno un’antica tradizione furono l’inventori der fiore,
che principiava lo stornello e questo è importante che se sappia.
La vita quotidiana fu immortalata da pittori dell’epoca: Morelli,
Mazzoni, Thomas, Ferrari e er famoso Bartolomeo Pinelli,
e grazie a loro, potemo mò ammirà ‘ste scene che so’ ‘na manna
spazzate via co’ l’unificazione e co’ l’avvento der Sor Capanna.
E ‘ste acqueforti e ‘st’acquerelli pe’ quanto so’ vivi e belli
sembrano fa’ uscì nell’aria, come d’incanto, ‘sti stornelli
che Giggi Zanazzo rielaborò assieme a li mitici canti popolari
sintetizzanti costumi, modi de fa’ e sentimenti unici e particolari:

“Fiore de more,
tu hai arubbato le perle ar mare,
all’arbero li frutti e a me ‘sto core;
fior de mentuccia,
so’ inzuccherate le tu’ parole
quanno che parli co’ ‘sta tua boccuccia.

Fiore de mela,
quanno la mia bella se pettina e se lava,
ogni capello ‘na stella me pare e se rivela;
avessi le virtù che cianno li Dei,
te vorei coronà de rose e fiori
pe’ fatte più bella de come sei!”
“Fior de frumento,
l’amore mio m’ha lassato e nun ho pianto:
credevo d’impazzì co’ quer tormento
ma morto un Papa, se ne fa’ un artro!”

“Fiore de canna,
state attenti all’amore de la donna,
perché è un vetro che subbito s’appanna.
Voi sete belle ma nun giova a gnente
chè v’hanno minchionata tanti amanti;
la rosa che l’adora tanta gente
perde er profumo e s’appassisce avanti:
fiore de tijo,
nun spasimate tanto nun ve vojo,
l’avanzi dell’artri nun me li pijo!”

“Fiore de mora,
la sera prima m’infiammi e me prometti Roma
e de bonora manchi de parola toma toma.
Sai quante vorte me l’ha detto mamma:
“Fio, nun te fidà d’amor de donna mite
chè prima te lusinga e poi t’inganna!”

“Ciai l’occhio nero de la fata,
l’amanti poi li tiri a calamite
e pe’ famme morì, core mio, sei nata.
Ma co’ li rivali io ce fò a duello:
a uno a uno li scanno de sangue lordo,
doppo t’infirzo er core come un tordo
e solo allora me ne posso annà a Castello!”

« Saltarelle Costumi Ciociari 1935 » par vpagnouf — http://www.flickr.com/photos/vpagnier/13262888135/.
Sous licence CC BY-SA 2.0 via Wikimedia Commons

Similar posts
  • Ferrari, l’auto da sogno (per desktop...
    E’ difficile possederne una… quindi ecco l’occasione per poter ammirare una cinquantina di esemplari da sogno: per gli estimatori del cavallino rampante ecco alcume immagini di auto Ferrari. Potete scaricarvi gratuitamente l’immagine che preferite e, se usate la risoluzione 1280×800, avrete uno sfondo per desktop targato Ferrari. . (cliccare sulle immagini per ingrandirle) NB Le immagini di queste […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.