Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Luoghi misteriosi – Vicino Oriente

medio_orienteCatal Hüyük. Turchia 
In una zona di vaste pianure, dove la pietra scarseggiava, sorgono i resti di una città priva di strade. Situata nella Turchia meridionale, fu costruita dal 6250 al 5400 a.C. circa. 
Le case erano fatte in mattoni di fango e legno. Molti edifici fungevano da templi e santuari, ed erano decorati con dipinti murali, rilievi e statue cultuali. 
La città disponeva di un centro sacro? Chi erano gli abitanti e quale religione praticavano?

Hattusa. Turchia 
Su un altopiano che digrada a nord e a sud si innalzano i resti della capitale ittita. La città oggi in rovina, situata a Bogazkale, circa 153 km a est di Ankara, era protetta da un muro di pietra lungo 6 km. All’interno vi erano numerosi templi, santuari, magazzini e una biblioteca da cui uscirono 3.300 tavolette d’argilla. La città fu completamente saccheggiata e incendiata verso il 1190 a.C. dai cosiddetti ‘Popoli del mare’. Chi erano queste genti aggressive e da dove provenivano? Furono i Frigi a sostituire l’Impero Ittita?

Nemrut Dagi, Turchia 
In una zona spesso scossa dai terremoti, sul picco di un monte, sono venuti alla luce frammenti di molte statue. Situata 563 km a sudest di Ankara, la località conserva le teste di statue alte 9 m modellate per ordine di re Antioco I, che governò la regione nel I secolo a.C. 
È possibile che esistano anche delle tombe in grado di rivelarci l’origine sconosciuta delle sculture? Quali personaggi o divinità raffiguravano le statue?

Karmir-Blur. Armenia Sovietica 
Nella montagnosa regione che circonda il Lago Van fiorì in passato un potente regno. Ai sobborghi di Yerevan, nei pressi della frontiera con la Turchia, furono costruite delle cittadelle con i mattoni oppure scavate nella roccia. Si ritiene che esse risalgano al 900-700 a.C., al tempo del regno di Urartu. La superficie di ogni cittadella era occupata per metà da un palazzo di 120 stanze, comprendente officine e magazzini. In alcuni vani sono stati rinvenuti gioielli e oggetti in avorio e bronzo: l’abilità degli Urartei nella lavorazione dei metalli sarà ereditata dagli Sciti. 
Qual era la religione praticata dagli Urartei? Perché i Cimmeri riuscirono a distruggere il loro regno?

Alessandropolì, Ucraina In un lontano passato i nomadi Sciti erravano per le pianure dell’Ucraina, seminandovi il terrore e compiendo feroci atti rituali. Al culmine della loro potenza e prosperità – dal 700 al 400 a.C. – eressero tumuli sepolcrali (kurgan), che si innalzavano come colline dalle steppe, per seppellirvi i capi tribù. Il monumento di Alessandropoli, a sudest di Kijev, è alto quasi 18 m e contiene numerose camere mortuarie. I tumuli celavano grandi quantità di gioielli in oro. 
Gli Sciti erano di origine mongola, finnica o slava? Perché il cervo era l’animale totemico delle popolazioni scite?

Hatra, Iraq
Sulla riva occidentale del Wadi Tharthar sorgono i resti di una città che fece parte dell’Impero dei Parti. Sita circa 100 km a sudovest di Mosul, a pianta circolare, era circondata da mura in pietra massiccia; all’interno, un’area rettangolare conteneva templi e camere a volta. Sul luogo sono state rinvenute numerose sculture di uomini e animali, nonché ricchi corredi di gioielli. Si ritiene che la città sia stata costruita fra il I e il II secolo d.C. 
È verosimile la tradizione di Arsace, capo del popolo seminomade iraniano che si stabilì nella Partia? Per quali ragioni svilupparono la tradizione dei grandi rilievi rupestri?

Persepoli, Iran
Su un elevato altopiano posto in un aspro paesaggio montuoso si trovano le rovine di una città dalla regale grandezza. Circa 48 km a nordovest di Shiraz, Dario il Grande costruì un vasto complesso di meravigliosi edifici, che fu completato alla sua morte dal figlio Serse. Comprendevano palazzi, imponenti costruzioni con colonnati e un gran numero di fini sculture. L’edificazione del centro ebbe inizio verso il 520 a.C. e si protrasse fino a dopo il 470 a.C. Fu distrutta da Alessandro Magno nel 330 a.C. 
Quale significato ha la coppia di tori androcefali della Porta di Serse?

Dilmun, Bahrein 
Nel desolato deserto che occupa l’isola di Bahrein, situata nel Golfo Persico, vi sono i resti di circa 100.000 tumuli sepolcrali. Recenti scavi hanno dimostrato che la località. nota come ‘l’isola dei morti’, fu sede di un’antica città. Sono state riscoperti mura e abitazioni, ceramiche e utensili risalenti al 4000 a.C. circa. 
Di quale regione era originaria la popolazione che qui trovò sepoltura? Bahrein deve forse identificarsi con Dilmun, il leggendario paradiso dei Sumeri?

 

____________

vedi anche:

Similar posts