Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Melanzane a quaglie

L’antipasto non ha una lunga tradizione nella cucina siciliana. Forse perchè, in quella popolare, almeno, la fame era ogni volta tanto forte da non aver bisogno di essere sollecitata ulteriormente.
Melanzane, peperoni, zucchine, cipolline, in qualsiasi modo venissero preparate, erano parte integrante del secondo piatto.
Eppure, proprio per la virtù posseduta, di stuzzicare l’appetito, non impiegarono molto tempo a entrare nei menù, con specifiche funzione di antipasti.
Nella nostra cucina, le melanzane vengono adoperate in svariati modi. Queste “a quaglie” sono tipiche del palermitano.

.

.

INGREDIENTI
Per 6 persone:

  • 6 belle melanzane siciliane
  • sale quanto basta
  • olio di semi per friggere

.

Spuntate le melanzane dalla parte del torsolo e non sbucciatele.
Partendo dalla estremità opposta, tagliate ogni melanzana in quattro fette parallele, sino alla estremità evitando che si stacchino dalla base.

Con la stessa tecnica ed attenzione tagliate le fette a listarelle di un centimetro. Spolveratele con sale ed adagiatele in un colapasta finchè non avranno perso tutta l’acqua amara.
Asciugatele bene e friggetele in abbondante olio bollente, fino a quando avranno preso un bel colore dorato.
Eliminate l’olio superfluo e servitele calde o fredde.

Similar posts