Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Muffoletta o muffoletto ri parrini

Forma Rotonda
Dimensioni Varia (la forma di 500g è alta circa 7 cm)
Peso 500g, 250 g
Struttura Soffice, crosta poco croccante
Componenti Semola, lievito naturale (biga), acqua, sale, sesamo
Note L’impasto utilizzato è lo stesso del pane casereccio ri parrini; viene lavorato manualmente sul tavolo di legno unto con olio; è ammorbidito aggiungendo tanta acqua fino a renderlo appiccicoso.

muffuletta

In Sicilia sono presenti diverse tipologie di muffolette. Per il Traina, il termine indica “pane molle e spugnoso”.
Il comune denominatore nella produzione di questo prodotto consiste nella muddiata dell’impasto, cioè nell’ammorbidire l’impasto con l’aggiunta di una percentuale di acqua maggiore rispetto a quella impiegata per la preparazione del pane. La forma è prevalentemente rotonda, talvolta schiacciata, con poca mollica; altre volte più alta, con mollica alveolata ed umida.
La muffoletta, in Sicilia, è un classico pane delle feste invernali, in quanto le sue caratteristiche strutturali consentono, in particolare quando è calda e appena sfornata, di essere imbottita facilmente con ricotta, caciocavallo e sugna (strutto), oppure con olio, pepe, acciughe e formaggio.
A Lercara Friddi la muffoletta viene consumata in occasione della vigilia della festa dell’Immacolata, imbottita con ricotta, caciocavallo e sugna sciolta nel tegame. A Bagheria, invece, la stessa muffoletta si può consumare giornalmente in locali tipici. Nel Palermitano, un particolare tipo di muffoletta, molto soffice, è usata per la preparazione del pani ca meusa (milza di bovino) o per il pane e panelle.

tratta da: ilgranoduro.it

Similar posts