Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Napoli…… lo Guarracino

Una delle canzoni piu’ interessanti del settecento, definita dal filosofo Croce “una singolare fantasia capricciosa e graziosa e di un brio indiavolato”
Portata al successo da molti interpreti della canzone napoletana come Sergio Bruni, la Nuova Compagnia di Canto popolare e Roberto Murolo.
La filastrocca ambientata nel regno sottomarino, racconta la gelosia dell’ Allitterato (pesce appartenente alla famiglia dei tonni) , messo in guardia dalla Vavosa, dell’intesa fra la Sardella, sua promessa sposa, e Guarracino.

Il Guarracino, deve invece rinunciare al proprio amore, perché la bella sardella è stata promessa all’allitterato. Ricordiamo che, tra i numerosi pesci nominati nella canzone, vi sono: l’auglia (aguglia), capechiuove (piccola seppia), ceceniello (piccola alice), ciefaro (cefalo), cuoccio (palaio), grancetiello (granchio), marvizzo (tordo di mare), palaio (sogliola), ‘a pescatrice (rospo di mare o rana pescatrice
L’Alliterato, <<primmo e antico ‘nnamurato>>>, sfida a duello l’antico ‘nnamurato l’impostore; la notizia si sparge velocemente e da tutti gli anfratti e gli scogli sommersi accorrono i pesci che si schierano con l’uno o con l’altro dei pretendenti e la storia finisce in una rissa generale che da’ modo al cantastorie di enumerare tutti i pesci che abitano nel golfo di Napoli.

Guarracino e’ il nome popolare con cui viene chiamato il coracino, pesce nero e bruttissimo.
Il Farfariello e’ uno dei diavoli che Dante pone a guarda dei barattieri (Inferno, XXI), mentre Pallarino e’ presumibilmente un temuto “guappo” dell’epoca.

I versi, agili ed eleganti, ricchi di fantasia e di innovazioni linguistiche danno vita ad un crescendo divertentissimo di situazioni paradossali.
Lo guarracino e’ oramai riconosciuta come la prima tarantella della storia della canzone partenopea.

.

.

Lo Guarracino che jeva pe mare
le venne voglia de se ‘nzorare,
se facette no bello vestito
de scarde de spine pulito pulito
cu na perucca tutta ‘ngrifata
de ziarelle ‘mbrasciolata,
co lo sciabò, scolla e puzine
de ponte angrese fine fine.
 
Cu li cazune de rezze de funno,
scarpe e cazette de pelle de tunno,
e sciammeria e sciammereino
d’aleche e pile de voje marino,
co buttune e bottunera
d’uocchie de purpe, secce e fera,
fibbia, spata e schiocche ‘ndorate
de niro de secce e fele d’achiate.
 
Doje belle cateniglie
de premmone de conchiglie,
no cappiello aggallonato
de codarino d’aluzzo salato,
tutto posema e steratiello,
ieva facenno lu sbafantiello
e gerava da ccà e da llà;
la ‘nnammorata pe se trovà!
 
La Sardella a lo barcone
steva sonanno lo calascione;
e a suono de trommetta
ieva cantanno st’arietta:
«E llarè lo mare e lena
e la figlia da sià Lena
ha lasciato lo nnamorato
pecché niente l ha rialato».
 
Lo Guarracino ‘nche la guardaje
de la Sardella se ‘nnamoraje;
se ne jette da na Vavosa
la cchiù vecchia maleziosa;
l’ebbe bona rialata
pe mannarle la mmasciata:
la Vavosa pisse pisse
chiatto e tunno nce lo disse.
 
La Sardella ‘nch’a sentette
rossa rossa se facette,
pe lo scuorno che se pigliaje
sotto a no scuoglio se ‘mpizzaje;
ma la vecchia de la Vavosa
subbeto disse: «Ah schefenzosa!
De sta manera non truove partito
‘ncanna te resta lo marito.
 
Se aje voglia de t’allocà
tanta smorfie nonaje da fa;
fora le zeze e fora lo scuorno,
anema e core e faccia de cuorno».
Ciò sentenno la sié Sardella
s’affacciaje a la fenestrella,
fece n’uocchio a zennariello
a lo speruto ‘nnammoratiello.
 
Ma la Patella che steva de posta
la chiammaje faccia tosta,
tradetora, sbrevognata,
senza parola, male nata,
ch’avea ‘nchiantato l’Alletterato
primmo e antico ‘nnamorato;
de carrera da chisto jette
e ogne cosa ‘lle dicette.
 
Quanno lo ‘ntise lo poveriello
se lo pigliaje Farfariello;
jette a la casa e s’armaje e rasulo,
se carrecaje comm’a no mulo
de scopette e de spingarde,
povere, palle, stoppa e scarde;
quattro pistole e tre bajonette
dint’a la sacca se mettette.
 
‘Ncopp’a li spalle sittanta pistune,
ottanta mbomme e novanta cannune;
e comm’a guappo Pallarino
jeva trovanno lo Guarracino;
la disgrazia a chisto portaje
che mmiezo a la chiazza te lo ‘ncontraje:
se l’afferra po crovattino
e po lle dice: “Ah malandrino!
 
Tu me lieve la ‘nnammorata
e pigliatella sta mazziata”.
Tuffete e taffete a meliune
le deva paccare e secuzzune,
schiaffe, ponie e perepesse,
scoppolune, fecozze e conesse,
scerevecchiune e sicutennosse
e ll’ammacca osse e pilosse.
 
Venimmoncenne ch’a lo rommore
pariente e amice ascettero fore,
chi co mazze, cortielle e cortelle,
chi co spate, spatune e spatelle,
chiste co barre e chille co spite,
chi co ammennole e chi co antrite,
chi co tenaglie e chi co martielle,
chi co torrone e sosamielle.
  
Patre, figlie, marite e mogliere
s’azzuffajeno comm’a fere.
A meliune correvano a strisce
de sto partito e de chillo li pisce
Che bediste de sarde e d’alose!
De palaje e raje petrose!
Sarache, dientece ed achiate,
scurme, tunne e alletterate!
 
Pisce palumme e pescatrice,
scuorfene, cernie e alice,
mucchie, ricciole, musdee e mazzune,
stelle, aluzze e storiune,
merluzze, ruongole e murene,
capodoglie, orche e vallene,
capitune, auglie e arenghe,
ciefere, cuocce, tracene e tenghe.
 
Treglie, tremmole, trotte e tunne,
fiche, cepolle, laune e retunne,
purpe, secce e calamare,
pisce spate e stelle de mare,
pisce palumme e pisce prattielle[1],
voccadoro e cecenielle,
capochiuove e guarracine,
cannolicchie, ostreche e ancine,
 
vongole, cocciole e patelle,
pisce cane e grancetielle,
marvizze, marmure e vavose,
vope prene, vedove e spose,
spinole, spuonole, sierpe e sarpe,
scauze, nzuoccole e co le scarpe,
sconciglie, gammere e ragoste,
vennero nfino co le poste.
 
Capitune, saure e anguille,
pisce gruosse e piccerille,
d’ogni ceto e nazione,
tantille, tante, cchiu tante e tantone!
Quanta botte, mamma mia!
Che se devano, arrassosia!
A centenare le barrate!
A meliune le petrate!
 
Muorze e pizzeche a beliune!
A delluvio li secozzune!
Non ve dico che bivo fuoco
se faceva per ogne luoco!
Ttè, ttè, ttè, ccà pistulate!
Ttè, ttè, ttè, ccà scoppettate!
Ttè, ttè, ttè, ccà li pistune!
Bu, bu, bu, llà li cannune!
 
Ma de cantà so già stracquato
e me manca mo lo sciato;
sicché dateme licienzia,
graziosa e bella audenzia,
nfi che sorchio na meza de seje,
co salute de luje e de leje,
ca se secca lo cannarone
sbacantánnose lo premmóne

Similar posts
  • La Cappella Sansevero a Napoli
    Giovan Francesco di Sangro, ristabilitosi da una malattia quasi mortale, decide di erigere “una picciola cappella” dedicata alla Vergine come adempimento di un voto fatto durante la malattia Più di centocinquanta anni dopo, Raimondo di Sangro, principe di Sansevero, inizia grandi lavori di restauro e di ampliamento della Cappella. Raimondo era al tempo stesso Gentiluomo […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.