Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Nostro cugino così intelligente e sensibile

Neandertal: lontano cugino con cui non abbiamo mai avuto rapporti o nostro antenato diretto?
Inizia la decifrazione del suo Dna: era anche in grado di parlare, non aveva il look da bruto e costruiva strumenti degni dei Sapiens

Ricostruzione dell’uomo di Neandertal – Neanderthal Museum

L’origine dell’umanità è (più o meno) tutta un mistero, ma non c’è tappa dell’ominazione che sia più intrigante e dibattuta di questa. Negli ultimi anni si è scoperto che i neandertaliani costruivano strumenti tali da non sfigurare con quelli dei «Sapiens Sapiens» e adesso certe indagini genetiche (permesse anche da una serie di scoperte in grotte spagnole) fanno balenare il miraggio di una mappatura completa di questo bizzarro Neandertal che è, in ogni caso, nostro parente prossimo. Convissuto con noi per circa 10 mila anni. Fra l’altro, con lui (e con lei) sono comparse per la prima volta nella specie umana le pigmentazioni rossicce e bionde dei capelli, che si ritrovano tutt’ora solo in Europa e nel Caucaso o fra i discendenti degli emigrati da queste terre, cioè (guarda caso) proprio nella principale zona di diffusione dei Neandertal. Forse nel buio delle caverne o al riparo dei cespugli c’è stato qualche incrocio clandestino?
Chiariamo subito un piccolo mistero preliminare: perché certe volte sui libri e sui giornali si trova scritto Neanderthal e certe altre Neandertal? Non si tratta di un refuso qualunque, ma di un equivoco che ha radici profonde nella storia. «Tal» in tedesco vuol dire valle. Il primo ritrovamento avvenne nell’Ottocento in una vallata tedesca che si chiamava Neanderthal, col «th», perché allora la grafia di quella lingua voleva così, anche se la differenza fonetica fra la «t» semplice e il «th» in Germania era andata perduta ormai da generazioni. Nel Novecento i Paesi germanici hanno deciso di mutare la grafia per farla corrispondere alla dizione. Così anche quella di Neanderthal si è semplificata, ma oramai la parola era scritta in un sacco di libri e ha continuato a circolare a lungo nella forma primitiva, soprattutto all’estero dove poco o nulla ci si interessava delle diatribe linguistiche tedesche. Comunque la forma più moderna e corretta è Neandertal.
Molto più di sostanza è stata l’evoluzione della struttura morfologica dei Neandertal come da noi immaginata. Questi tipi erano più bassi e tarchiati di noi, con le ossa più grosse. Erano dei testoni, con il cervello persino più grande degli umani attuali, ma con la fronte molto bassa e le arcate sopraorbitali sviluppate che davano loro un aspetto scimmiesco, accentuato dal naso pronunciato ma schiacciato e con le narici larghe. Perciò fino a pochi anni fa i neandertaliani venivano raffigurati come dei bruti rozzissimi.

Di base, questi dati morfologici restano; però più passa il tempo e più particolari fini si ricavano dai fossili, più le loro facce vengono ricostruite dagli esperti come simili alle nostre (le donne e i bambini belli, gli uomini presentabili). Se un Neandertal vestito alla moda del 2008 entrasse in un bar e chiedesse una birra, forse la maggior pare di noi lo guarderebbe come una semplice variante della comune umanità.
Ma questo neandertaliano, conciato come un figurino, sarebbe effettivamente in grado di ordinare la sua birra? Fino a poco tempo fa si sarebbe risposto di no; che fosse capace di farfugliare, ma non di parlare nel vero senso del termine. Questo quadro è stato cambiato dalla genetica.
Da nove individui rinvenuti in Spagna nella grotta di El Sidròn (Cantabria) e vissuti 43 mila anni fa risulta che il gene FOXP2 dei Neandertal, connesso alla capacità di parlare e studiato dallo spagnolo Carles Lalueza, era simile al nostro e li rendeva capaci di esprimersi chiaramente. Resta però il dubbio che la loro memoria operativa fosse limitata e che questo condizionasse severamente il vocabolario neandertaliano. Un altro gene, l’MCR1, rendeva possibili pelle e capelli chiari, ma Lalueza dice che quello dei Neandertal e quello dei contemporanei Cro Magnon (esseri umani veri e propri) dovevano la loro similitudine non a incrocio ma a una antenato comune: «Sono coesistiti, ma non si sono mescolati».
Anche perché, come ha spiegato il paleoantropologo Kurtén Björn nel suo romanzo «La danza della tigre» (dove ha ricostruito in forma fantasiosa e accattivante ma scientificamente rigorosa un’ipotesi sull’incontro delle due specie e sull’estinzione dei Neandertal), se contatti sessuali ci sono stati, gli eventuali ibridi sono nati tutti sterili. Cugini, quasi uguali, ma non antenati.
.
fonte testo: TuttoScienze
NB: Le pagine in .pdf di TuttoScienze sono rilasciate sotto licenza Creative Commons

.

tratto da: tanogaboblog.it

.

Similar posts
  • Evoluzionismo si o no? (di Antonino Z... Da “Perché io credo in Colui che ha fatto il mondo – tra fede e scienza” di Antonino Zichichi . IV Evoluzione culturale e biologica   IV.1  Se un uomo vivesse diecimila anni La cultura dominante ha posto il tema dell’evoluzione biologica della specie umana sul piedistallo di una grande verità scientifica in contrasto totale [...]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.