Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Olive nere fritte

Contrariamente a quanto si pensa, le olive nere non sono una qualità, ma una varietà a parte. Vasto è l’uso che se ne fa nella tradizione gastronomica siciliana.
Eppure versare olio o sognarlo porta male e per scongiurare disgrazie si buttano tre pizzichi di sale dietro le spalle.
Le “aulivi niri fritti” sono un antipasto tra i più usati in Sicilia. Si accoppiano con la cipolla, che fu portata dal romani nell’isola direttamente dall’oriente.
Considerata sacra dagli egizi ed energetica prima di una battaglia dai soldati romani, la cipolla veniva mangiata cruda dal contadini siciliani perché ritenevano che facesse bene ai denti.

.

oliv

.

INGREDIENTI
Per 4 persone:

  • 500 gr. di olive nere
  • 1 cipolla bianca
  • olio d’oliva extravergine
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1/2 bicchiere d’aceto
  • un mazzetto di origano.

.

Tritate finemente la cipolla e rosolatela in una padella con olio. Dopo qualche minuto aggiungete le olive nere.
Tenetele a fuoco vivo per 5 minuti e servitele in tavola, calde. Le olive possono essere preparate con una variante. Anziché usare la cipolla si può utilizzare aglio, aceto ed origano.
Basterà allora soffriggere 2 spicchi d’aglio interi, aggiungere le olive e spruzzare con l’aceto. Quando questo sarà evaporato, potrete spolverare le olive con un poco d’origano.
Servitele in tavola sempre calde.

Similar posts
  • Pasta con le sarde
    Sarde, sardine, acciughe, fanno parte della grande famiglia del “pesce azzurro”. E’ così detto perchè questa specie migratoria viene pescata in quantità quando si avvicina alle acque costiere, azzurre e luccicanti. Consumate fresche o salate o ancora, ridotte a una salsa salata ottenuta dalla loro decomposizione, le sarde erano fortemente apprezzate nell’epoca classica. Il loro […]