Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Omaggio a Totò (Malafemmina)

La carissima amica telematica Leyla ha postato un omaggio a Totò che ho voluto inserire nel sito per trasmetterlo a tutti voi.

La sera del 13 aprile all’autista, Carlo Cafiero,che lo accompagnava a casa a bordo della sua Mercedes, Totò confessò: “Cafie’, non ti nascondo che stasera mi sento una vera schifezza”.
A casa il sorriso di Franca gli restituì un po’ di serenità, ma dei forti dolori allo stomaco lo costrinsero a chiamare il medico,che giunto subito gli somministrò dei medicinali raccomandandogli di stare tranquillo.
Trascorse l’intero pomeriggio del 14 aprile in casa a parlare con Franca del futuro, dell’estate che sopraggiungeva e del suo desiderio di godersi le vacanze a Napoli, sopra Posillipo. A sera consumò una minestrina di semolino e una mela cotta, poi i primi sintomi:tremore e sudore.
“Ho un formicolio al braccio sinistro” mormorò pallidissimo. Franca capì subito:era il cuore. Fu avvertita la figlia Liliana, il medico curante, il cardiologo professor Guidotti, il cugino-segretario Eduardo Clemente.
Gli furono somministrati dei cardiotonici, ma le condizioni non migliorarono. Alle due di notte si svegliò e rivolgendosi al cardiologo disse “Professò, vi prego lasciatemi morire, fatelo per la stima che vi porto. Il dolore mi dilania, professò. Meglio la morte” e rivolgendosi al cugino “Eduà, Eduà mi raccomando. Quella promessa: portami a Napoli”. Le ultime parole furono per Franca
T’aggio voluto bene, Franca. Proprio assai

Erano le tre e venticinque del 15 aprile 1967.

Malafemmina

di
Antonio De Curtis

Si avisse fatto a n’ato
chello ch’hê fatto a me,
st’ommo t’avesse acciso…
e vuó sapé pecché?Pecché ‘ncopp’a ‘sta terra,
femmene comm’a te,
nun ce hann”a stá pe’ n’ommo
onesto comm’a me…Femmena,
tu si na malafemmena…
a st’uocchie hê fatto chiagnere,
lacreme ‘e ‘nfamitá…Femmena,
tu si peggio ‘e na vipera,
mm’hê ‘ntussecato ll’ánema,
nun pòzzo cchiù campá…

Femmena,
si doce comm”o zzuccaro…
peró ‘sta faccia d’angelo,
te serve pe’ ‘nganná!

Femmena,
tu si ‘a cchiù bella femmena…
te voglio bene e t’odio:
nun te pòzzo scurdá…

Te voglio ancora bene,
ma tu nun saje pecché…
pecché ll’unico ammore
si’ stato tu pe’ me!…

E tu, pe’ nu capriccio,
tutto hê distrutto oje né’…
Ma Dio nun t”o pperdona
chello ch’hê fatto a me…

Se tu avessi fatti ad un altro
quello che hai fatto a me,
quest’uomo ti avrebbe ucciso…
e vuoi sapere perché?Perché a questo mondo,
donne come te,
non devono esistere per un uomo
onesto come me…Donna,
tu sei una donnaccia…
a questi occhi hai fatto piangere,
lacrime di infamia…Donna,
tu sei peggiore di una vipera,
mi hai intossicato l’anima,
non posso più vivere…

Donna,
sei dolce come lo zucchero…
però questo viso d’angelo,
ti serve per ingannare!

Donna,
tu sei la più bella donna…
ti voglio bene e ti odio:
non posso dimenticarti…

Ti voglio ancora bene,
ma tu non sai il perché…
perché l’unico amore
sei stata tu per me!…

E tu, per un capriccio,
tutto hai distrutto, oh bella…
Ma Dio non ti perdonerà
Quello che hai fatto a me…

 

 

 

Lucio Dalla canta “Malafemmena”
Contributo tratto documentario “Un principe chiamato Totò“, una carrellata dei ricordi dei personaggi del mondo dello spettacolo che hanno conosciuto e amato il principe De Curtis.

.

Nota di Gaetano: Per molto tempo si è creduto che questa canzone Totò l’avesse scritta per Silvana Pampanini, che aveva conosciuto sul set di “47 morto che parla”, colpevole di aver rifiutato la proposta di matrimonio che il Principe le aveva fatto. In realtà la canzone fu scritta e dedicata alla moglie Diana, rea di essere venuta meno ad una promessa che i due coniugi si erano scambiati: anche se ufficialmente separati dovevano convivere nella stessa casa fino al raggiungimento del diciottesimo compleanno della figlia Liliana. Ma Diana, stanca delle continue scappatelle di Totò, sposò l’avvocato Tufaroli facendo sprofondare il Principe nello sconforto assoluto.

.

vedi anche:

Similar posts
  • ‘A cunzegna: una poesia di Totò
    ‘A cunzegna ‘A sera quanno ‘o sole se nne trase e dà ‘a cunzegna a luna p’ ‘a nuttata, lle dice dinto ‘a recchia- “I’ vaco ‘a casa: t’arraccumanno tutt’ ‘e nnammurate”. Totò (Antonio De Curtis) . La sera quando il Sole si ritira e dà la consegna alla Luna per la notte, le dice […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.