Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Palermo – Alluvione del 21-23 febbraio 1931

Tra il 20 e il 24 febbraio del 1931 si riversarono sulla città 618 mm di pioggia, di cui 395 in 50 ore di pioggia ininterrotta tra il 21 e il 23 febbraio.
La conformazione di Palermo, una conca posta alla base di alte montagne, facilitò l’aumento del livello dell’acqua, che variava nei diversi punti della città tra i 2 m di via Roma, fino ai 6 m di piazza Sant’Onofrio: infatti la Conca d’oro non è omogenea ma caratterizzata in più punti da grosse depressioni.
Altro particolare che influì fu la presenza, sopra e sotto il livello cittadino, di quattro flussi d’acqua principali: il Canale Passo di Rigano, il Papireto, il Kemonia ed il fiume Oreto; alcuni di questi canali erano deviati artificialmente sotto il livello stradale. 
Oltre al grosso volume d’acqua la città fu colpita da un fortissimo vento di tramontana che distrusse diversi muri.
L’alluvione causò la morte di 10 persone e ne ferì altre 21. Andarono distrutte diverse abitazioni e strade, molti edifici storici subirono gravi danni, e la linea ferroviaria fu divelta. 
Ingenti furono anche i danni nelle campagne, dove le abitazioni rurali furono spazzate via. Inoltre la gru utilizzata per la costruzione del Palazzo delle Poste venne divelta dal forte vento crollando su un edificio adiacente.
A causa dell’alto livello dell’acqua i soccorsi tardarono ad arrivare; si organizzarono barche e ponti provvisori per trasportare in salvo le persone che si erano rifugiate nei piani più alti delle abitazioni. Il vento rendeva anche difficile la costruzione di ponti galleggianti.

.

fonte testo: Wikipedia
immagini scannerizzate da vecchie pubblicazioni

.

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

NB Le immagini di queste pagine sono tratte dal web e sono state pubblicate credendo di non violare alcun diritto, se così non fosse vi preghiamo di informarci immediatamente per la cancellazione del materiale protetto da copyright.
Similar posts
  • Rosso Il rosso non è solo un colore ma un insieme di stati d’animo che, a volte, pervadono l’uomo! Eccovi due aforismi tratti da aforismario.net :  Un’antica leggenda cinese parla del filo rosso del destino, dice che gli dèi hanno attaccato un filo rosso alla caviglia di ciascuno di noi, collegando tutte le persone le cui [...]
  • Parigi, l’alluvione del 1910 Nel 1910 Parigi affrontò la più grande alluvione della sua storia. Le piogge cadute per tutto il mese, ebbero il loro culmine tra il 17 e il 20 gennaio 1910 e riguardarono, principalmente, gli affluenti della Senna. Ma, per gli scienziati della Belle Epoque, la Senna era al sicuro!… Le attività di trasporto paralizzate, le cantine e [...]
  • Fauna (ris. 1920×1080) Per presentare questa pagina mi avvalgo di due aforismi dei quali condivido pienamente il contenuto: E’ così meraviglioso guardare un animale, perché un animale non ha opinioni di se stesso. Lui è! Questa è la ragione per cui il cane è così felice e il gatto fa le fusa. Quando coccoli un cane o ascolti [...]
  • Mare, sfondi per desktop con risoluzi... Molti scrittori e scrittrici ci hanno lasciato frasi sul mare molto belle e intense che rispecchiano, in un certo senso, le profondità degli abissi. Oggi desidero segnalarvene due: Il tempo è più complesso vicino al mare che in qualsiasi altro posto, perché oltre al transito del sole e al volgere delle stagioni, le onde battono [...]
  • Africa – Alcuni sfondi (ris. 10... Africa, una terra vasta e misteriosa, ricca di diversità. La storia dell’Africa però è stata spesso trascurata sia per la scarsità di documenti scritti, sia per la poca considerazione nei confronti dei popoli considerati primitivi anche se non dobbiamo dimenticare che la scienza ci dice che il primo uomo sulla Terra sia nato in Africa [...]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *