Similmente ad altre varietà provenienti dal nuovo mondo, ma diffuse solo nell’ottocento, i peperoni hanno una storia breve ma ricca nella cucina meridionale. Lo provano diverse qualità, tutte variamente impiegate nelle mense ricche e povere del nostro mondo occidentale.
L’uso di riempire le “caverne” del peperone con i prodotti più vari (carne macinata, pan grattato, fette di cipolla, formaggio pecorino etc.) è semplicemente il portato di tutta la bontà di sapori, dal dolciastro al piccante, che dalla “parete” del peperone si trasmettono al ripieno man mano che il calore del fuoco ne scioglie la compattezza originaria.

.

 

INGREDIENTI
Per 4 persone:

  • 4 peperoni
  • 150 grammi di pan grattato
  • 40 gr di uvetta sultanina e pinoli
  • 120 grammi di caciocavallo fresco
  • 2 acciughe
  • 30 gr di capperi
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale e pepe q.b.

.

Lavate i peperoni, svuotateli e togliete il picciolo che metterete da parte per utilizzarlo come coperchio dopo averli riempiti.
Mettete una padella su fuoco moderato con un cucchiaio di olio. Quindi aggiungete l’uvetta, i pinoli, le acciughe tagliuzzate, il pan grattato, il caciocavallo fresco a pezzetti, i capperi lavati bene, sale e pepe e irrorate con olio quanto basta.
Mescolate il tutto e riempite i peperoni. Tappateli con il picciolo e disponeteli in una pirofila. Infornate a circa 220° per 45 minuti.