Nel 1943, nel porto di Philadelphia, fu compiuto dalle autorità americane un esperimento di teletrasporto con il cacciatorpediniere “Eldrige”, che aveva in forza un equipaggio di 200 uomini, mettendo in atto la teoria dei campi unificati di Einstein.

allende_nave2

Furono accesi dei campi di forza a prua, a poppa e di fianco alla nave che rapidamente scomparve dal porto di Philadelphia per ricomparire, rimaterializzandosi all’istante, nel porto di Norfolk, a 4.400 miglia di distanza. 
L’esperimento, compiuto con conoscenza limitata sugli effetti del magnetismo, non realizzò il completo trasferimento della nave e del suo equipaggio. Ciò comportò il manifestarsi degli effetti negativi derivanti dalla vicenda. Il 20 aprile 1959 Jessup, giornalista affermato e studioso di successo, fu ritrovato morto nel garage della sua casa per avvelenamento da monossido di carbonio. Apparente sembrava un inspiegabile suicidio. Secondo molti dei suoi amici e colleghi era invece stato assassinato perchè sapeva troppo. 

. 

UN PERSONAGGIO CHIAVE: ALLENDE

allende2Carlos Miguel Allende (o Carl Allen) nasce il 31 maggio 1925 a Springdale, Pennsylvania. Era il maggiore di cinque figli ed anche il più strano. Il 14 luglio 1942 viene arruolato nei marines ed il 21 maggio dell’anno successivo congedato; entra così nella Marina mercantile ed assegnato alla SS Andrei Furuseth. Ed è proprio a bordo di quest’ultima che Allende assisterebbe all’incredibile esperimento del ’43. A detta di Goerman, ricercatore ufo, i genitori di Carlos Allende erano suoi vicini di casa: essi gli avrebbero mostrato con orgoglio del materiale spedito loro dal figlio negli anni, vantandosi del “polverone” suscitato dalle sue affermazioni. In effetti l’indirizzo che Allende fornì a Jessup nelle prime fasi della loro corrispondenza, coincideva con quello dei presunti genitori: RD1 n°1, Box 223 di New Kensington (Pennsylvania). Pare però che uno dei fratelli, definisse Carlos come un uomo dotato di fervida immaginazione e di una mente fantastica, anche se in realtà “non l’ha mai veramente utilizzata…”. Sembra che nel ’69 lo stesso Allende si sia presentato presso gli uffici dell’APRO (Aerial Phenomena Research Organization) a Tucson (Arizona), per confessare che la sua storia era tutta una montatura, salvo poi però, ritrattare tutto poco tempo dopo. Nel ’78 prese casa nel Minnesota, a Benson, per trasferirsi l’anno successivo nella vicina Montevideo poco lontano da dove abitava William Moore. Il quotidiano locale, insisteva nel dire che Allende si recava ogni giorno per tre o quattro volte di seguito, presso i suoi uffici decantando le sue qualità di scrittore e uomo di scienza. Di lui esiste solamente un’immagine: una foto scattata nell’83 da Linda Strand, in Colorado, dove riuscì ad intervistarlo brevemente. Essa confermò di aver avuto davanti un tipo strano e confusionario; ma da allora se ne persero completamente le tracce.

Il presunto esperimento avvenuto nell’ottobre ’43, della sparizione della “Eldrige”, ad eventuali spettatori esterni l’imbarcazione si presentava come “una sagoma sott’acqua “. Ma perché da “spettatori esterni?” Per il semplice motivo che Allende sarebbe stato solamente uno spettatore: in quel periodo si sarebbe trovato a bordo della “S.S. Andrei Fureuseth” appartenuta alla Matson Lines Liberty, di Norfolk, nave addetta a seguire le operazioni dell’esperimento. E da lì egli avrebbe assistito a tutta l’incredibile scena. Allende fornisce anche i nomi di alcuni suoi compagni di navigazione: Richard Price (“Splicey”) della Virginia, il comandante in seconda Mowsely e “Conally” del New England. Assieme a loro, Allende avrebbe visto sparire il cacciatorpediniere davanti ai suoi occhi dal Molo di Philadelphia per apparire (questo lo avrebbe saputo tempo dopo…) sul molo di Potsmouth, Norfolk. A detta di Allende qui ci furono diversi testimoni che videro increduli apparire dinnanzi a loro la nave; ma pochi minuti dopo essa scomparve anche da lì. In altre parole ci fu una sparizione/riapparizione in pochi minuti della Eldridge! Il risultato dell’esperimento sembrava riuscito, ma stando al testimone la realtà era ben diversa e tragica; metà degli ufficiali e dell’equipaggio del cacciatorpediniere divennero pazzi od “internati in luoghi particolari atti a ricevere assistenza qualificata …” ed alcuni effetti collaterali che seguirono all’esperimento furono drammatici. Pare che alcuni marinai che vi avevano partecipato entrarono in un pub del porto quasi del tutto invisibili, terrorizzando le cameriere; sembra che fosse apparso pure un articolo sul giornale locale ma il giornalista scettico ironizzò sull’accaduto e le cose caddero nell’oblio. Altri uomini uscirono da casa attraversando i muri davanti agli occhi terrorizzati dei parenti senza essere rivisti; altri ancora presero fuoco finché camminavano, mentre ancor peggior sorte capitò ad alcuni marinai durante la riapparizione della nave. Allende assicura che in questa fase successe di tutto: a causa della “modificazione della struttura stessa delle cose” qualcuno dell’equipaggio si ritrovò “fuso” (od incastrato) con gli oggetti solidi della nave (lamiere, pavimento, ecc.) diventando un tutt’uno! 

Realtà? Fantasia? O cos’altro? Sembra un racconto di fantascienza di un grande scrittore. Ed Allende cosa fece per dare un riscontro a tutto ciò?

In una delle due lettere spedite a Jessup, dopo aver posto la sua firma scrisse la sigla “Z416175”, che pare identificare il suo numero di matricola in servizio. Ma questo era tutto? Assolutamente no! La peggior cosa e l’aspetto più incredibile dell’esperimento fu il perdurare di un effetto noto come “GO BLANK”, che colpì tutto l’equipaggio a bordo. 

.             

COS’E’ IL “GO BLANK”

Pare che tale effetto sia provocato da una “sosta” prolungata all’interno del campo; si verificherebbe non immediatamente ma a distanza di tempo. Potremmo definirlo “controindicazione ritardata”! Sembra che la persona colpita diventi momentaneamente invisibile e si blocchi (“get stuk”) senza essere più in grado di muoversi di propria volontà; per liberarsi da questa situazione il malcapitato deve essere toccato da alcune persone all’interno del campo stesso. Solo in questo modo riesce a “scongelarsi” (Allende definisce l’intera operazione “imposizione delle mani”). Se un soggetto rimane “congelato” non riuscirà più a percepire la realtà esatta delle cose e del tempo, e se questo dura a lungo (un giorno o più), impazzisce. A detta di Allende una volta accadde qualcosa di incredibile: due uomini che corsero a toccare un compagno colpito da “go blank” presero fuoco. I due corpi bruciarono per ben diciotto giorni ininterrottamente senza che nessuno riuscisse a spegnere le fiamme! Da allora nessuno più si azzardò ad usare l’imposizione delle mani…

Personalmente mi chiedo se un corpo umano possa arrivare sino a questo punto: credo che in poche ore o al massimo in un giorno sia già carbonizzato. L’unica spiegazione possibile è che all’interno di questo campo magnetico, intervengano forze inusuali in grado di alterare tutte le leggi fisico-chimiche a noi conosciute. Difficile dire se la realtà possa essere questa: certo è che Allende affermò che da quel momento si dovettero costruire apparecchiature estremamente complicate per cercare di “scongelare” o “sbloccare” le persone colpite dal “go blank”.

Anche tale affermazione mi lascia perplesso. E’ possibile che la Marina USA, si sobbarchi enormi spese per curare le sue “cavie”? A meno che non lo faccia per secondi fini (ad ex. studiare gli effetti collaterali od altro) non credo proprio. Avrebbe avuto più senso (mi immedesimo nelle loro menti…) lasciare i marinai al loro destino, come “cani sciolti”. In fin dei conti chi avrebbe creduto ad un matto? Spendere cinque milioni di dollari per curare un centinaio di persone non mi pare faccia parte della politica militare. Teniamo inoltre presente che la cifra va riferita al 1943 e dunque il valore è ben diverso da oggi. Non dobbiamo poi dimenticare che si era in piena guerra; quella cifra sarebbe stata spesa ben meglio per altri investimenti bellici! 
Dunque secondo Allende la Marina USA, quando eseguì l’esperimento sarebbe stata totalmente inconsapevole degli effetti causati dal campo magnetico sull’equipaggio a bordo. Dopo questi avvenimenti il congresso avrebbe dato ordine di smantellare tutto il progetto, ma in realtà sarebbe continuato col nome di “Mountauk Project” o “Phoenix Project”, diretto nientemeno che dal Dr. Von Neumann. Da qui poi sarebbero nati altri tipi di progetti volti al controllo mentale, viaggi interdimensionali, ecc.

La storia in questione pare avere inizio nel ’55 con la pubblicazione del libro “The case for the Ufo’s” (il primo di quattro volumi) ad opera di Morris K. Jessup. In questo volume si parlava di fenomeni misteriosi nel campo dell’astronomia, meteorologia e problematiche varie dei viaggi spaziali. Ma il 13 gennaio del ’56 al professor Jessup arrivò una lettera di un certo Carl M. Allen, spedita dal Texas. Egli commentava in modo confuso su vari argomenti che il professore aveva trattato nel suo libro, lasciando frasi interrotte a metà e scritte con un misto di minuscole e maiuscole. Ad un certo punto veniva menzionato un presunto esperimento segreto avvenuto nell’ottobre del 1943 ad opera della Marina militare Usa, durante il quale una nave ed il suo equipaggio sarebbe stata resa invisibile. Carl M. Allen (che si scoprì in seguito chiamarsi Carlos Miguel Allende) affermò di aver fatto parte di quello sfortunato equipaggio, ma in modo “indiretto e distaccato”. Jessup inviò una richiesta di maggior informazioni al mittente, che peraltro aveva fornito un indirizzo della Pensylvania; quattro mesi dopo arrivò una seconda lettera in cui Allende (o Allen) si diceva disposto a sottoporsi al siero della verità per garantire la genuinità delle sue affermazioni. Nel ?56 il professore, con sua grande meraviglia, venne convocato nientemeno che dall’ONR (Office of Naval Research), Ufficio delle Ricerche Navali; quest’ultimo è un centro di ricerca in cui vengono studiate e testate nuove tecnologie navali militari. Qui il dottor Jessup incontrò alcuni alti ufficiali, tra cui il capitano Sidney Sherby ed il comandante G. Hoover che gli mostrarono una copia del suo libro, in formato economico, che sarebbe stata inviata da persone anonime all’ammiraglio Furth.

allendeSe la storia fin qui risultasse vera bisognerebbe chiedersi il motivo di tanto interesse della Marina Usa per un libro che tratta di argomenti dal contenuto alquanto spinosi. In effetti, sarebbe stato molto più normale venisse cestinato, o quantomeno apparentemente snobbato. Da una prima analisi veloce, Jessup si rese conto che il libro era passato attraverso le mani di tre persone diverse: ai margini delle pagine vi si trovavano molte annotazioni scritte con colori diversi, rivolte a particolari passi del libro. L’esterrefatto dottore, decise di approfondire il mistero collaborando con la Marina militare, fino ad arrivare alla conclusione che uno dei tre stili usati per le annotazioni era uguale a quello di Allende (Allen) nelle lettere speditegli l’anno precedente. Questa conclusione divenne certezza, quando ci si accorse che una delle note a margine accennava ad un presunto esperimento segreto effettuato dalla Marina Usa nel ’43. In altri riferimenti si affermava che la nave era stata resa invisibile per alcuni minuti, con effetti drastici per l’equipaggio a bordo. Jessup confidò così agli ufficiali di essere in possesso delle due lettere ricevute da Allende/Allen; questi ne richiesero immediatamente le copie.

Che dire? Se l’interesse della Marina militare Usa per questa storia aumentava di giorno in giorno, un motivo doveva pur esserci… Voleva tentare un esperimento simile? Oppure nascondere le tracce di un “errore storico”? Certo è che le spese sostenute per le indagini al caso, furono elevate e molti si chiesero il motivo. Evidentemente ne valeva la pena….

Poco tempo dopo, Jessup spedì le due lettere all’ONR. D’accordo con la Marina militare, la “VARO Manufacturing Company” di Garland (TEXAS), riprodusse in tiratura limitata il libro “The Case for the Ufo’s” con le annotazioni e le due lettere come appendice, distribuendone le poche copie (si dice circa 25, secondo altri 127) ciclostilate di 200 pagine agli alti ufficiali che si occupavano del caso. Da notare che la prima stesura, estremamente difficoltosa a causa del modo di scrivere dei tre individui, fece perdere molto tempo e portò ad una spesa di denaro non indifferente.

Ancora una volta l’ostinazione della Marina Usa lasciava sconcertati! E perché una tiratura limitata e distribuita ad una ristretta cerchia di ufficiali?

Una copia di esso fu consegnata anche al dottor Jessup. Nel 1958 egli si recò per un viaggio di lavoro a New York ed approfittò per andare a trovare il suo amico e scrittore I.T. Sanderson, un zoologo interessato di UFO. Qui Jessup volle consegnare il libro originale (quello con le annotazioni a margine …) al suo amico pregandolo di tenerlo al sicuro nel qual caso gli fosse accaduto qualche cosa. In quel periodo a detta degli amici a lui più vicini, Jessup appariva nervoso e stranamente preoccupato; ma proprio per questo il modo di fare del dottore appariva esagerato ed inutile. Ma a sentire Sanderson, dopo la lettura dell’originale, lui stesso si sentì sopraffatto da un sentimento piuttosto sgradevole. Poco tempo dopo, il 20 aprile 1952, il dottor Jessup venne trovato morto nella sua automobile, in Dade Conty Park, presso Coral Gaves, in Florida. Un tubo di gomma collegava lo scappamento con l’interno dell’abitacolo: morì per avvelenamento di monossido di carbonio. In poche parole, stando al certificato di morte, si trattò di suicidio! Secondo “persone ben informate”, il dottor Jessup avrebbe compiuto questo insano gesto a fronte di problemi famigliare e a causa del diminuito credito all’interno della comunità scientifica. Ma non tutti la pensano così, anzi la maggioranza crede che Jessup sia stato “eliminato” dal governo. Fra questi un certo G. Barker, che raccolse per primo gli scritti del dottore nel volume “The strange case of Dr. M.K.Jessup” (Lo strano caso del Dr. M.K.Jessup); egli cita Richard Ogden, il quale è convinto che in realtà il suicidio sia un omicidio. Jessup sarebbe stato ipnotizzato da onde sonore; gli sarebbe stato recapitato un nastro musicale che conteneva suggestioni ipnotiche, inducendolo così al suicidio.

Ma qui siamo oramai alle pure speculazioni …

.             

L’EDIZIONE “VARO”

Ma che cosa rendeva particolare la ristampa del libro di M.K. Jessup ad opera della Varo? Le annotazioni a margine dei tre “anonimi” certo, ma anche una prefazione che forniva alcuni dettagli piuttosto ovvi. Gli autori, il comandante Gorge Hoover ed il capitano S. Sherby, originariamente rimasero anonimi. Un altro elemento particolare, è un paragrafo in cui si fanno ipotesi sulla reale identità degli autori delle annotazioni, e una spiegazione di come poter distinguere il testo e le annotazioni a margine. A questo proposito riporto il testo di queste particolarità dell’edizione “VARO”, dal libro di V. Gaddis, “Il triangolo maledetto e altri misteri del mare” ed. ARMENIA (pag.206, pag. 207-208, pag. 208).

Questo uno stralcio della prefazione:     
 “Le annotazioni presuppongono una notevole conoscenza dei problemi riguardanti gli UFO, dei loro sistemi di propulsione nonché della provenienza, storia e costumi dei loro equipaggi e costituiscono un interessante oggetto di ricerca.

Dette annotazioni furono trovate su una copia di una edizione economica del libro di M.K. Jessup “The case for the UFO’s.”

Poiché riteniamo estremamente importante qualsiasi possibile scoperta che aiuti a spiegare la natura della gravità, pensiamo di non dover trascurare alcuno di questi argomenti, per quanto discutibili siano da un punto di vista strettamente scientifico.

La copia con le note, indirizzate all’ Ammiraglio N. Furth, Capo dell’Ufficio Ricerche della Marina, Washington D.C., arrivò in una busta di canapa, con il timbro postale di Seminole, nel Texas, nel 1955. Per traverso, sulla busta, era stato scritto: “Buona Pasqua.”

Verso luglio-agosto di quell’anno, il libro comparve tra la posta in arrivo del Maggiore Darrell L. Ritter, Ufficio USMC, Progetti Aeronautici dell’ONR.

In seguito il Capitano Sidney Sherby ebbe in consegna il libro dal Maggiore Ritter. Il Capitano Sherby e il Comandante George W. Hoover, ufficiale dell’ONR con compiti speciali, mostrarono particolare interesse per una parte del materiale contenuto nel libro.

La Società Varo di Garland, nel Texas, propose di ripubblicare il volume e relative annotazioni in una edizione particolare, con numero di copie limitato, come primo passo per lo studio ulteriore di questo inconsueto materiale.

La Signorina Michael Ann Dunn si assunse il compito di riscrivere il  libro con tutte le note, interiezioni, sottolineature, ecc.

Si è cercato di riprodurre il più fedelmente possibile il colore, la forma delle annotazioni originali in relazione al testo. Non si è invece tentato di leggere con i raggi ultravioletti o altri metodi le note che erano state cancellate da uno dei tre “commentatori”. Appare chiaro che queste note sono state scritte da tre persone diverse. A questa conclusione porta la differenza nella calligrafia e 1’uso di tre diversi tipi di inchiostro: blu, blu-viola e blu-verde.

D’ora in poi li chiameremo Mr. A, Mr. B, e Jemi. Si è ritenuto che la terza persona fosse Jemi in quanto questo nome appare ripetutamente nei saluti e Mr. A e Mr. B accennano a Jemi in tutto il libro.

Ad esempio, esso compare alle pagine 281, 122, 126 del libro originale. Naturalmente potrebbe trattarsi solo di un saluto.”

Ed ecco altri stralci della ristampa:
Nell’ultima pagina del libro Mr B scrive: “. . . solo uno Zingaro può parlare ad un altro di quella catastrofe. E noi siamo da secoli una razza screditata. Ah! Ancora c’è chi si chiede da dove “noi” veniamo. . .”

A pagina 130 Mr. A scrive “. . . il nostro è un modo di vivere, collaudato dal tempo e felice. Non abbiamo nulla, non possediamo niente al di fuori della nostra musica e della nostra filosofia e siamo felici.”

A pagina 76 Mr. B dice: “Mostra questo a un Fratello Zingaro . . ..”

A pagina 158 Mr. A scrive un “noi” che si direbbe riferito alla razza screditata”.

Charles G. Leland nel suo libro Zingari Inglesi e il loro linguaggio afferma che gli Zingari si chiamano fra di loro fratello e sorella e non stringono amicizia con persone di sangue diverso o per le quali non provino simpatia. Questo potrebbe spiegare 1’uso dell’espressione “Miei cari Fratelli” nelle note di chiusura e il frequente riferimento alla “vana umanità”.

Queste tre persone devono aver letto e annotato il volume parecchie volte consecutive. Infatti vi sono discussioni fra due o tutte e tre le persone, vi sono domande e risposte a punti nei quali parti di una annotazione sono state segnate, sottolineate o aggiunte da uno o da entrambi gli altri. Alcune note sono state cancellate con tratti di penna.

Poco dopo la pubblicazione del suo libro, il Dr. Jessup ricevette una lettera da un certo Carlos Miguel Mlende (copia di questa lettera e di una successiva sono state inserite dell’Appendice).

Il Dr. Jessup disse che egli “aveva subito avuto 1’impressione che quest’uomo fosse la stessa persona che aveva inviato il libro agli Uffici della Marina. . . “

Infatti 1’esame comparato della calligrafia, dello stile, del contenuto e della fraseologia delle annotazioni e della lettera dimostra con una certa sicurezza che Mr. A potrebbe aver scritto anche la lettera. A questa conclusione si può arrivare soprattutto leggendo le note di Mr. A alle pagine 130, 117 a 150 dove gli accenni a Faraday, alle scarpe chiodate o ferrate e al prender fuoco, corrispondono ad identiche espressioni usate nella lettera.

Jessup ricevette la lettera a Miami, venerdì 13 gennaio 1956. Portava un timbro postale di Gainesville, nel Texas, ed era stata spedita in una busta dal Turner Hotel di Gainesville.

È stata qui riportata il più fedelmente possibile.

Una seconda lettera giunse a Jessup da Allende con timbro postale di Du Bois, in Pennsylvania e con data 25 maggio 1956. L’ortografia e altre caratteristiche lasciano pochi dubbi circa il fatto che Mr. A e Carlos Allende siano la stessa persona.

“I “commentatori” del libro si sono ben poco curati dell’ortografia e dell’uso delle maiuscole, della punteggiatura e della sintassi; questo particolare si riscontra costantemente e forse indica una abitudine acquisita dal loro linguaggio originario. Anche le note sono state riprodotte il più fedelmente possibile.

Potrebbe anche darsi che le sottolineature nel testo siano in forma di codice o che, lette separatamente, le parti sottolineate possano avere un loro significato. Tuttavia ad un primo esame non si è riusciti a trovare la chiave di questo codice. In genere le sottolineature nel testo si riferiscono alle annotazioni fatte dalla stessa persona.”

“Può essere utile al lettore avere una generica descrizione delle annotazioni prima di iniziarne la lettura. Vi si fa spesso riferimento a due razze di individui che vivono nello spazio; in particolare gli “habitat” in cui vivono vengono chiamati “stasis neutral” (stasi neutra) e undersea (ambiente sommerso). Sembra che questi individui possano vivere indifferentemente in entrambi gli ambienti. Si accenna anche alla costruzione di città sommerse; i mezzi di trasporto consistono in vari tipi di veicoli diversi.

Questi due tipi o razze di individui sono menzionate di continuo. Vengono chiamati gli L-M a gli S-M.

Gli L-M sono esseri pacifici, non così gli S-M.

Si direbbe che nelle annotazioni si parli con maggior simpatia degli L-M che non degli S-M.

Sono molto frequenti e usate con naturalezza espressioni come queste: nostra flotta, grande arca, grande bombardamento, grande ritorno, grande guerra, piccolo uomo, campi di forza, surgelamenti, costruzioni sommerse, registratori di misure, aeronavi da ricognizione, campi magnetici e gravitazionali; lavoro d’intarsio, trasmissione telepatica, coperture ardenti, nodi, vortici, “rete” magnetica, e altre ancora.

Viene anche spiegato come, perché e che cosa accade alle persone, alle navi e agli aerei che scompaiono. Spiegano poi 1’origine di tempeste e nuvole anomale, oggetti che cadono dal cielo, strani segni ed impronte di passi ed altri fenomeni misteriosi per i quali non è mai stata trovata una spiegazione.

Queste persone sembra inoltre che siano convinte che è troppo tardi per 1’uomo realizzare voli nello spazio. Essi pensano che 1’umanità nulla può fare per eliminare “quegli elementi sconvolgenti collegati con mare e spazio”, perché 1’uomo è troppo egoista, dà troppa importanza alla materia, combatte contro piccole cose su questo pianeta, è accecato dalla gelosia, manca di un senso di vera fratellanza.

Quante di queste affermazioni sono vere? Non possiamo rispondere. Una cosa è certa: queste persone, chiunque esse siano, danno delle spiegazioni veramente sconcertanti che meritano di essere considerate.”

Così si conclude la prefazione della edizione “VARO” del libro di Jessup.

.            

allende_nave             

IL “PROJECT PHILADELPHIA” PIU’ RECENTEMENTE

Nel 1970 l’ufologo Kevin Rande intervistò il capitano Sherby. Egli dichiarò che l’interesse dimostrato apparentemente dalla Marina militare USA era in realtà una ricerca personale compiuta assieme ad Hoover, spendendo in pratica il denaro di tasca loro. 

Anche qui non sono d’accordo con queste affermazioni; le spese sostenute dai due ufficiali sarebbero state enormi e senza contare che alla fine non portarono a nulla. Non penso che con una storia simile ci potessero guadagnare qualcosa in seguito. Una piccola curiosità: a fine carriera Shelby è stato assunto come impiegato proprio dalla “VARO”…

Nel 1984, W. Moore pubblicò privatamente un libro in cui affermava che la “verità stava nel mezzo ed è un poco più terrestre”. A sua detta l’esperimento era riferito all’invisibilità radar e gli effetti raccontati da Allende non furono altro che allucinazioni causate dalla vicinanza al “campo di forze a bassa frequenza e di grande potenza utilizzato” (Paolo Toselli, in A.C.A.M.)

Ma penso che tutto sommato non si possa ricondurre il tutto a semplici allucinazioni; se la storia non è inventata ma semplicemente gonfiata, allora si tratta di qualcosa di ben diverso. 

Sarebbe stato interessante rintracciare alcune cameriere del pub dove sarebbero entrati i marinai seminvisibili; una loro testimonianza avrebbe dato più luce alla vicenda. Se i testimoni che affermano di aver visto, prima apparire la Eldridge a Norfolk e poi scomparire, in pochi minuti, dicono la verità, bisogna fare alcune considerazioni. La prima riguarda senza dubbio il tempo impiegato per raggiungere il porto di Norfolk da Philadelphia (impossibile mediante navigazione); la seconda l’ondata gigantesca di acqua che avrebbe prodotto “qualcosa come 1900 tonnellate di acqua per colmare il vuoto creatosi” (P. Toselli) col risultato di un’inondazione sulla baia. E di quest’ultima ipotesi, non v’è menzione da nessuna parte, neanche a detta dei testimoni!

Ma anche qui bisogna vedere se all’interno di un campo magnetico gli effetti di una possibile ondata, risultino come “nella realtà da noi concepita” oppure siano “deviati o smorzati” da una qualche forza sconosciuta.

Ma ecco che nel ’92 entra in gioco anche J. J. Vallée. Nello stesso anno un certo Edward Dudgeon scrisse allo studioso di essere stato arruolato in Marina dal ’42 al ’45, e di aver assistito da un’altra nave agli accadimenti del cacciatorpediniere Eldridge. Due settimane dopo i due si incontrano: Dudgeon come prova delle sue affermazioni mostra a Vallée il foglio di congedo. Egli raccontò la sua versione dei fatti: l’esperimento coinvolse la Eldridge e la Engstrom (la nave in cui si trovava Dudgeon) e durò dai primi di luglio ai primi di agosto del 1943. Il tutto, tp-secret, voleva sperimentare un insieme di contromisure per rendere le navi invisibili alle torpedini magnetiche dei sommergibili tedeschi. L’attrezzatura consisteva in: radar bassa frequenza, sonar, rilascio di cariche a bassa profondità, eliche particolari. Tutto ciò fu confermato a Vallée anche dal vice-ammiraglio William D. Houser.

In poche parole si screditava Allende.
Ma allora, burla e mistificazione oppure disinformazione?
La verità è ancora molto lontana …

Più recentemente, e precisamente nel 1989 si è fatto vivo un certo Bielek, affermando di essere stato uno dei marinai a bordo dell’Eldridge durante l’esperimento del ’48. Affermò di essere stato nel futuro dove avrebbe subito un lavaggio del cervello da parte della Marina USA. Ma, guarda caso, guardando il film del 1988 “Philadelphia Experiment” con M. Parè, avrebbe riacquistato la memoria! In poche parole gli avrebbero fatto credere di essere Bielek, ma in realtà lui era Edward Cameron; suo fratello, all’epoca, sarebbe stato trasportato nel 1983 perdendo la cognizione del tempo ed invecchiando di un anno ogni ora sino a morire. Poco dopo sarebbe però rinato…

Inoltre, stando alle sue parole, la tecnologia per eseguire l’esperimento sarebbe stata fornita dagli Alieni! Nonostante Bielek (o Cameron) sia laureato in fisica ed ingegneria elettrica, mi risulta difficile credere ad una storia così incredibile…

A parte le recenti uscite di personaggi alquanto dubbi, non credo che la questione del “Philadelphia Experiment” si di facile soluzione e tanto meno di chiara lettura.
Alla luce delle attuali informazioni non mi sembra che si siano fatti passi in avanti tali da giustificare una plausibile soddisfazione di molti ricercatori del settore. Come non condivido coloro che credono che il Governo o la Marina USA, prima o poi decidano di ammettere l’effettiva avvenuta dell’esperimento.
Si pensi solamente a cosa potrebbe significare per il mondo intero, ammettere una simile eventualità; ammettere che qualcuno sia in grado di rendere cose (e, non necessariamente persone …) invisibili vorrebbe dire avere il dominio in campo bellico ed economico, gestendo in ogni situazione un effetto sorpresa dalle caratteristiche fantascientifiche nei confronti di un eventuale avversario.

.

BIBLIOGRAFIA:

  • V. Gaddis, “Il triangolo maledetto e altri misteri del mare”, Armenia 1975
  • I.T.Sanderson, “UFO, visitatori dal cosmo”, Mediterranee 1974
  • W.L.Moore, “The Philadelphia experiment”, Sonzogno 1979
  • www.digilander.iol/spookyh/philad.htm
  • www.acam.it (Paolo Toselli, Philadelphia Experiment)
  • C. Berlitz, “Senza traccia”, Club Editori 1978

.

.