Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Pomodori alla marsalese

Tanto per cambiare siamo davanti ad un altro prodotto originario del Messico e finito in Europa nel sedicesimo secolo sulle navi di Cortes.
Il nome indigeno era “Tomate” e tale è rimasto in alcune lingue europee come l’inglese.
In italiano “pomodoro“, in dialetto siciliano esistono ancora due, forme: “pumaruòru” nelle parlate dei centri urbani, principalmente costieri, aperti alle innovazioni, “Pumu r’amuri” nei piccoli centri dell’interno, prevalentemente agricoli e poco esposti ai contatti con altre culture e lingue.

Sia pomo d’amore o pomo d’oro, rimane integra la ricchezza delle pietanze cui dà luogo.

pomo

INGREDIENTI
Per 6 persone:

  • 6 pomodori di media maturazione e di eguali dimensioni
  • 300 grammi di maionese in vasetto
  • 200 grammi di gamberi sgusciati lessi
  • 12 foglie di basilico.

Lavate bene i pomodori, togliete con un coltello la calotta superiore ed estraete il torsolo.
Rimuovete i semi con le dita e svuotate bene i pomodori avendo cura di non romperli. Quindi fate scolare il sugo in modo che siano bene asciutti.
Prendete i gamberi, tagliuzzatene la metà, mescolateli con la maionese e riempite i pomodori.
Guarnite con i rimanenti gamberi e con le foglie di basilico.

Ponete i pomodori così composti, su di un piatto di portata che terrete in frigorifero per mezzora. Dopo di che serviteli freddi.

Similar posts
  • Pasta con le sarde
    Sarde, sardine, acciughe, fanno parte della grande famiglia del “pesce azzurro”. E’ così detto perchè questa specie migratoria viene pescata in quantità quando si avvicina alle acque costiere, azzurre e luccicanti. Consumate fresche o salate o ancora, ridotte a una salsa salata ottenuta dalla loro decomposizione, le sarde erano fortemente apprezzate nell’epoca classica. Il loro […]