Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Proserpina ed il clima mitologico

Oggi si parla sempre più spesso dei cambiamenti climatici e della sparizione delle stagioni intermedie quali autunno e primavera. Sarà una constatazione dei fatti, ma non è un allontanarsi dalla nostra Sicilia perchè, mitologicamente parlando, così era stato disposto dall’ALTO!
Entrano così in ballo Cerere, Proserpina, Plutone e Giove.
Cerere, madre di Proserpina, era la dea che insegnò agli uomini l’arte del coltivare la terra. La figlia, di leggiadra bellezza, amava lo sbocciare dei fiori e si trastullava tra i campi. Purtroppo Plutone, il dio degli inferi, sbucando dal lago di Pergusa vide questa gaia bellezza, se ne innamorò e la rapì.

Elios, il dio Sole, informò dell’accaduto Cerere, che si adirò e provocò sul mondo siccità, carestie e pestilenze. Giove voleva porre rimedio facendo tornare Proserpina sulla terra ma ella non volle tornare, perchè aveva provato il dolce sapore del melograno, simbolo d’amore, donatole da Plutone.
Giove, impietosito dal dolore della sorella Cerere, stabilì allora che Proserpina abitasse per otto mesi, da gennaio ad agosto, sulla terra assieme alla madre e per quattro mesi da settembre a dicembre, sotto terra col marito Plutone.

In questo modo, implicitamente, Giove aveva deciso che le stagioni fossero solo due.

Vano è, dunque, il frenetico accapigliarsi degli odierni studiosi che cercano la spiegazione scientifica al mutare delle stagioni e non prendono in considerazione che la dolcezza del “melograno” è spesso incostante e che Proserpina torna sulla terra con lieve diversità di tempi…..
Non inorridite, voi dalla mente “scientifica” che non avete ancora scoperto il motore primo del mondo e dell’universo intero. Noi lo conosciamo già, il suo nome è AMORE.

.

Confortiamoci ricordando Dante Alighieri:

“A l’alta fantasia qui mancò possa;
ma già volgeva il mio disio e ‘l velle,
sì come rota ch’igualmente è mossa,
l’amor che move il sole e l’altre stelle.”
[Divina Commedia – Paradiso – Canto XXXII]

.

fonte: tanogaboblog.it

.

vedi anche: Persefone

,

Similar posts
  • Piccola storia della fata d’arg... Accanto alla città di traffico e motori, la millenaria metropoli di glorie e grandezze, che tra mille strade sorelle porta la memoria di cupole celesti… accanto alla città, in un angolo di spazio racchiuso tra terra e mare, c’era il bosco del Tempo… nessuno sapeva che esistesse o meglio… tutti vi passeggiavano nelle domeniche di [...]
  • Terremoto, divagazioni mitologiche Per secoli gli scienziati hanno cercato di fare uscire questo fenomeno dal regno degli indovini e degli astrologi per includerlo nell’ordine naturale delle cose, ma la spiegazione scientifica del terremoto è venuta solo di recente quando i geologi hanno potuto fare uso di strumenti in grado di misurare i lenti movimenti cui è soggetta la [...]
  • Miti, mele ed arance Curiosando tra le pagine della mitologia, incontriamo racconti che legano alcune varietà di frutta a gesta di dèi ed eroi. La mitologia greca narra che Paride scelse la dea Afrodite come la più bella e le offrì una mela d’oro. La mela la ritroviamo anche nella pagina dedicata ad Atalanta, una donna che non ne voleva sapere di sposarsi. Libera di [...]
  • Divagazioni sul Giudizio Universale d... Ultime notizie sul Giudizio Universale. Non su quello che nessuno sa, se e quando avverrà veramente, ma su quello che Giotto dipinse nella Cappella degli Scrovegni. Quei quattro personaggi che se ne stanno seduti accanto al trono di Cristo non sono affatto, come si è sempre creduto per secoli, i quattro evangelisti. Nell’affresco, naturalmente, ci [...]
  • Alcuni mazzi di fiori La lingua dell‘amore, i fiori: eccone alcuni mazzi tra i quali potrai trovarne uno di tuo gusto, un mazzo per te… accompagnato dalle note di Ernesto Cortazar con il suo Sicilian Romance. In calce al video puoi trovare le singole immagini che ho usato per creare questo breve momento di relax . . (cliccare sulle immagini [...]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.