Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Sedanini con pesce spada

Un primo piatto prevalentemente messinese con una formazione vincente: pesce spada, pomodoro e, soprattutto, melanzane.
Originaria delle Indie, la melanzana fu introdotta in Sicilia intorno al 1380 dagli arabi. Il nome deriva dall’arabo badingian più il suffisso “mela”. Importantissima per la cucina tradizionale siciliana, la melanzana fa però il suo ingresso ufficiale nelle cucine europee più tardi, dopo il 1800. Le cause furono: il sapore amaro che la faceva ritenere da molti un cibo velenoso o quantomeno dannoso alla salute e il nome tradotto erroneamente dal latino maluminsannum, cioè‚ “mela che dà la pazzia”.

sed

.

INGREDIENTI
Per 4 persone:

  • 500 grammi di sedanini
  • 300 grammi di pesce spada a fette sottili
  • 2 spicchi d’aglio interi
  • 10 foglie di menta
  • 1 melanzana
  • 2 pomodori
  • Olio d’oliva
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale e pepe

.

Fate soffriggere in un tegame con olio, il pomodoro spellato tagliato a pezzi e l’aglio intero. Condite con sale, pepe ed il prezzemolo tritato.
Tagliate quindi le fette di pesce spada a quadrucci, versateli nel tegame irrorando col vino e lasciateli cuocere per venti minuti a fuoco basso.
A parte, tagliate la melanzana a dadi, che friggerete in olio caldo. Togliete dal fuoco e lasciatela insaporire con la menta.
Nel frattempo lessate i sedanini in acqua salata, scolateli al dente e conditeli con il sugo di pesce spada e le melanzane.

Similar posts
  • La cucina siciliana – Premessa
    La cucina siciliana è intimamente collegata sia alle vicende storiche e culturali della Sicilia, sia alla vita religiosa e spirituale dell’isola. Si tratta infatti di una cultura gastronomica composita e multiforme, che mostra testimonianze e contributi di tutte le culture che si sono insediate in Sicilia negli ultimi due millenni. E’ possibile infatti riscontrare segni […]