Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Sformato di melanzane

Originaria del Nuovo Mondo, la melanzana compie cinquecento anni dacché è stata importata in Europa.
Ha impiegato, però altro tempo per arrivare sulle tavole degli Europei, almeno altri due secoli fino a quando se ne diffusero varietà più congruenti al palato dei nuovi commensali.
In Sicilia le melanzane hanno un grandissimo successo e sono richieste sia nelle mense dei ricchi che in quelle povere: fritte, arrosto, a quaglie, ad insalata, sulla pasta, sottolio ed in cento altri modi.
Lo sformato è una pietanza che, nella ricchezza dl sughi che lo compongono si offre prelibata ai gusti più esigenti.

INGREDIENTI
Per 4 persone:

  • 2 melanzane
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 400 grammi di pomodori
  • 1 mazzetto di basilico
  • 700 grammi di patate
  • 200 grammi di mozzarella
  • 1 noce di burro
  • Sale q.b.
  • pepe macinato
  • olio d’oliva extravergine.

.

sforma

.

Tagliate le melanzane a fette senza privarle della buccia, salatele, mettetele sotto peso e lasciatele scolare per mezzora affinché perdano l’amaro.
Asciugatele quindi con carta da cucina.
Scaldate in una padella tre cucchiai d’olio e fatevi colorire le fette di melanzane.
A parte in un’altra padella fate soffriggere la cipolla tritata finemente, lo spicchio d’aglio schiacciato (che toglierete a fine cottura) ed unitevi i pomodori che avete nel frattempo lavati e tagliati a pezzetti.
Fate cuocere il tutto per circa 45 minuti a fuoco lento, quindi passate la salsa, aggiustatela di sale e pepe ed unitevi il basilico tagliato a listarelle.
Pelate le patate, tagliatele a fette, e lessatele in acqua salata per 5 minuti, quindi scolatele.
Fate infine sgocciolare la mozzarella che taglierete a fette. Imburrate una pirofila e disponetevi a strati alterni le melanzane, le patate, le fette di mozzarella e la salsa di pomodoro. Terminate con un ultimo strato di salsa e mozzarella.
Passate in forno caldo (200°) per 40 minuti.
Servite lo sformato ben caldo decorando con altro basilico fresco.

Similar posts
  • Pasta con le sarde
    Sarde, sardine, acciughe, fanno parte della grande famiglia del “pesce azzurro”. E’ così detto perchè questa specie migratoria viene pescata in quantità quando si avvicina alle acque costiere, azzurre e luccicanti. Consumate fresche o salate o ancora, ridotte a una salsa salata ottenuta dalla loro decomposizione, le sarde erano fortemente apprezzate nell’epoca classica. Il loro […]