Un primo piatto con gli asparagi. “U spàraciu” appartiene al gruppo dei cibi simpatetici, la cui forma cioè rappresenta e simboleggia il sesso maschile. Ecco perché anticamente questo piatto fu considerato nella tradizione culturale popolare della Sicilia un potente afrodisiaco. Una credenza siciliana che, comunque, è stata ereditata dal mondo arabo.
La stracciatella agli asparagi è tipica delle Madonie, ma abbondantissime sono le ricette che riguardano l’asparago nel ragusano, dove si prepara anche da solo in umido. L’asparago nasce spontaneo in tutta la fascia mediterranea. Viene venduto a partire dalla fine di gennaio e fino a tutta primavera.
.

.

INGREDIENTI
Per 4 persone:

  • 1/2 chilo di asparagi selvatici
  • 4 uova
  • 50 grammi di caciocavallo grattugiato
  • 1 litro di brodo di carne oppure:
             1 litro ottenuto con estratto di carne o
             1 litro ottenuto con dado

Mettete una pentola sul fuoco con il brodo e portate ad ebollizione.
Nel frattempo, nettate gli asparagi, eliminando la parte dura, lavateli bene e tuffateli nel brodo bollente.
Fate cuocere abbassando la fiamma, per circa mezz’ora, coprendo.
A parte, in un contenitore sbattete le uova aggiungendo il caciocavallo grattugiato. Gettate l’impasto nel brodo con gli asparagi e continuate a sbattere il tutto con una frusta.
Scendete dal fuoco e servite subito in una zuppiera.