Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Sulla via del Calvario

Sulla via del Calvario

.

Quando impervi sentieri
mi impediscono
il cammino,
e mi fanno indietreggiare.
Quando gli strali pungenti
dell’incomprensione umana
trapassano
il mio cuore.
Quando il peso della croce
si fa insostenibile,
e cado,
soltanto allora
sono sicura di seguirti,
mio Signore.

.

Caterina Siclari

 

Poesia tratta da: poesieracconti.it

 

Similar posts
  • Una poesia di Heinrich Heine: Crepusc... Christian Johann Heinrich Heine (Düsseldorf, 13 dicembre 1797 – Parigi, 17 febbraio 1856) è stato il maggior poeta tedesco del periodo di transizione tra il romanticismo e il realismo. Heine usò la lingua tedesca per cantare versi melodiosi come pochi altri hanno saputo fare conquistandosi, per l’arte, la fama di più grande artista tedesco della [...]
  • Il mare: due poesie e due immagini Chi di voi, guardando il mare non ha sentito qualcosa dentro, non ha provato emozioni ed ha trasformato queste emozioni in parole. . Il mare Dolce ed impetuoso come un amante. Ti guardo. Mi affascini. La tua voce entra nella mia mente. Mi lascio accarezzare dalle tue onde. Brividi. Il tuo continuo movimento culla i [...]
  • Le galline schiamazzano… Le anatre depongono le loro uova in silenzio. Le galline invece schiamazzano come impazzite. Qual è la conseguenza? Tutto il mondo mangia uova di gallina. Henry Ford ____________ Henry Ford (1863 – 1947) è stato un famoso imprenditore statunitense, uno dei fondatori della casa automobilistica Ford Motor Company. Oltre i suoi meriti industriali, oggi vengono [...]
  • Oh piccolo imperatore… – ‘Ode al Gatt... L’amica Maria Rosaria D’Agnello, commentando il post Il cane mi domanda e non rispondo – Neruda: Ode al cane, mi ha sottoposto la seguente Ode al Gatto. Anche contro la mia esperienza giovanile, che mi ha fatto subire quaranta iniezioni antirabbiche, desidero pubblicare la suddetta ode con inserite alcune elaborazioni grafiche in omaggio a Maria Rosaria ed a tutti coloro [...]
  • Un milione di scale “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” Eugenio Montale . Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio. Il mio dura tuttora, né più mi occorrono le coincidenze, le [...]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *