In una leggenda che Plutarco attribuisce ad uno storico di nome Promathion, altrimenti sconosciuto, Tarchezio è un dispotico re degli Albani (il nome è tuttavia di origine etrusca).

La leggenda è una versione alternativa di quella canonica riguardo alle origini di Roma.

Tarchezio ordina a sua figlia di accoppiarsi con un fallo prodigiosamente materializzatosi nel suo focolare ma la ragazza si fa sostituire da una schiava.
Saputolo, Tarchezio fa imprigionare la figlia e la schiava.

Resti del Tempio di Vesta nel Foro Romano – Wikipedia, pubblico dominio

La dea Vesta appare in sogno a Tarchezio e gli proibisce di ucciderle disponendo che le ragazze vengano maritate quando avranno finito di tessere una tela, Tarchezio, tuttavia fa disfare di notte la tela tessuta di giorno per procrastinare i matrimoni.
Quando alla schiava nascono due gemelli il re ordina che vengano uccisi.

Come nella versione canonica i neonati vengono esposti al Tevere e salvati da una lupa.  Si prende cura di loro un pastore che li adotta.

Faustolo trova la lupa con i gemelli – Rubens, Musei Capitolini – Wikipedia, pubblico dominio

Cresciuti i due gemelli spodestarono Tarchezio.

 

Licenza Creative Commons Stralcio testo di sunelweb.net concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported