Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Teti (Tethys), la moglie di Oceano

Phillopolis – Mosaico di Teti risalente alla metà del quarto secolo

Teti (Tethys) era una Titanide, figlia di Gea e di Urano, e si identificava con una enorme massa d’acqua che scorreva nell’oceano pur restandone distinta e rappresentava l’elemento femminile fertile dei mari e dei fiumi che nutriscono la terra. Tethys da non confondere con sua nipote Thetis, la Nereide madre di Achille, risiedeva oltre del giardino delle Esperidi, dove tramonta il sole.
Oceano e Teti si unirono e generarono numerosissimi figli, gli dei-fiume, e figlie, le Oceanine. Esiodo nella sua Teogonia ne fornisce un lungo elenco ma precisa che occorrerebbe aggiungerne altre, più di 3000.
Negli inni orfici Teti è anche la madre delle nuvole. Questi figli e figlie sono rappresentati da nuvole, sorgenti, fiumi, laghi, oceani, generatori dell’acqua fresca che è origine di vita.

Mosaico raffigurante Oceano e Tetis – Museo di Gaziantep, Gaziantep, Turchia

Riportiamo alcune ricorrenti tracce mitologiche tracce su Teti:

  • Durante la guerra contro i Titani, Tethys ha allevato Rhea come se fosse sua figlia
  • Per fare piacere a Era, Téthys impedì a Callisto, amante di Zeus, di raggiungere l’oceano.
  • Quando Aesacos, figlio di Priamo  e di Alexirhoe dopo la morte della moglie Asterope non riuscì a darsi pace cercando più volte la morte, gettandosi in mare da un’erta rupe, Téthys si mosse a compassione e lo tramutò in un uccello pescatore; in tal modo potè abbandonarsi alla sua ossessione, senza offendere il creato.

La rappresentazione di Tethys è rara; appare sui mosaici assieme al suo coniuge e con due piccole ali sul fronte certamente per il suo ruolo di madre delle nuvole.

.

tratto da: tanogaboblog.it

Similar posts
  • Ogni popolo ha le sue “maschere...
    Non so quale sia quella più “appropriata” ma tra Pantalone, Arlecchino e Colombina… desidero stuzzicarvi con il proporvi qualcosa dell’altro mondo (…centro America…) Lo splendore delle maschere Maya L’antica civiltà utilizzava la mica nei pigmenti, un minerale brillante che conferiva agli stucchi una particolare lucentezza. Splendenti. Così dovevano apparire le costruzioni dei Maya. Nel vero […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.