Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Tramonto negli occhi

Oggi vi propongo una poesia che ho trovato sul web e che mi ha positivamente stimolato; si tratta di una poesia postata da: Giuseppe Canfora, in Poesie (Poesie anonime)
 Tramonto negli occhi
.

Quando, solo, in riva al mare,
in una quasi divina contemplazione,
osservi l’orizzonte, dove in un unica linea,
il mare termina, per dare spazio a tutta la
grandezza della volta celeste;
ed il sole,
ormai stanco di un’altra giornata di vita,
sembra quasi adagiarsi
su una superficie fatta di niente,
ti senti stregato da un tramonto marino,
misto sensuale di colori,
erotica unione di eventi indomabili.
La gioia di questa visione affascina
e conquista…
Eppure il tuo cuore è saturo di tristezza,
inspiegabilmente, sei avvolto da un alone di amarezza,
che solo le cose grandiose
possono offrirti.
Ed è per questo motivo che vederti,
con occhi iniettati di sangue,
pieni di lacrime,
di un colore molto più marino del mare stesso,
e udire la voce tremante, quasi a rendere
sonora una pigra superficie marina
mossa solo da una leggera brezza,
c’è tutta l’essenza di un tramonto,
in un’unica e sincrona danza di luci e colori.
Questo è solo un modo per dare senso a tutte le proprie giornate…
Aspettare pazientemente un nuovo, romantico,
ma ahimè triste,
incontro tra luce e tenebre,
ed avere la certezza che ogni nuovo imbrunire sarà diverso,
diverso da ogni altro.

.

.

Similar posts
  • Vecchi occhi di donna Vecchi occhi di donna, rifugio di ricordi, che portano ad oggi il palpitante ieri. . . Amo i tuoi occhi, che di me pietosi, sapendo che il tuo cuore mi disdegna, hanno preso il lutto e amabilmente tristi guardano con affetto la mia pena. E meglio non sa il sole mattutino ravvivare le gote dell’oriente, [...]
  • Ode al fiore azzurro Ode al fiore azzurro . Una poesia di Pablo Neruda Camminando verso il mare nella prateria oggi è novembre, tutto è nato ormai, tutto ha statura, ondulazione, fragranza. erba dopo erba intenderò la terra, passo per passo, fino alla linea impazzita dell’oceano. D’improvviso un’onda d’aria agita e ondeggia l’orzo selvatico: salta il volo di un [...]
  • ‘Ulisse’, una poesia di Umberto Saba Ulisse Nella mia giovinezza ho navigato lungo le coste dalmate. Isolotti a fior d’onda emergevano, ove raro un uccello sostava intento a prede, coperti d’alghe, scivolosi, al sole belli come smeraldi. Quando l’alta marea e la notte li annullava, vele sottovento sbandavano più al largo, per fuggirne l’insidia. Oggi il mio regno è quella terra [...]
  • Una poesia di Heinrich Heine: Crepusc... Christian Johann Heinrich Heine (Düsseldorf, 13 dicembre 1797 – Parigi, 17 febbraio 1856) è stato il maggior poeta tedesco del periodo di transizione tra il romanticismo e il realismo. Heine usò la lingua tedesca per cantare versi melodiosi come pochi altri hanno saputo fare conquistandosi, per l’arte, la fama di più grande artista tedesco della [...]
  • Il mare: due poesie e due immagini Chi di voi, guardando il mare non ha sentito qualcosa dentro, non ha provato emozioni ed ha trasformato queste emozioni in parole. . Il mare Dolce ed impetuoso come un amante. Ti guardo. Mi affascini. La tua voce entra nella mia mente. Mi lascio accarezzare dalle tue onde. Brividi. Il tuo continuo movimento culla i [...]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *