Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Triglie con salsa di menta

In questa pietanza non si sa se evidenziare di più la triglia o la menta.
La menta sollecita alla memoria antiche figure mitologiche, richiama i suoi svariati impieghi: nella medicina popolare e in alcune pratiche magiche. Si pone nella cucina siciliana, sia quando è ancora verde ed odorosa, sia quando è ormai secca.
La salsa di menta, che si fa rientrare nella grande famiglia dei pesti, (salse ottenute cio‚ pestando il mortaio), offre a sua volta alla triglia un completamento vivace nel colore e piccante nel sapore.
Trigghi di scuogghiu, menzi trigghi, trigghioli, sono tra i pesci più prelibati della nostra isola.

.

.

INGREDIENTI
Per 6 persone:

  • 250 gr di mollica
  • 2 alici pulite e deliscate
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 foglia di menta
  • 10 gr di capperi
  • 10 gr di zucchero
  • sale e olio q.b.
  • 10 gr di aceto in un bicchiere.

.

Bagnate la mollica con l’aceto quindi strizzatela. Unite il prezzemolo e la foglia di menta, tritati finemente. Mettete il composto in un mortaio, aggiungete i capperi e le alici e pestate versando, poco per volta, l’olio d’oliva. Una volta reso fluido, mettetelo in una terrina e aggiungete lo zucchero con un cucchiaio di aceto e ancora olio quanto basta per avere un pesto morbido e omogeneo.
Friggete le triglie dopo averle lavate ed infarinate. Scendetele dal fuoco e ponetele su fogli di carta assorbente per eliminare l’olio superfluo.
Fate raffreddare le triglie e spalmatele ad una ad una da ogni lato con la salsa di cui sopra, aspettate un po’ di minuti di modo che le triglie prendano sapore e servitele ben allineate su di un largo piatto di portata.

Similar posts
  • Pasta con le vongole in bianco Un primo piatto che ha veramente sapore e profumo di mare. Le vongole, insieme alle cozze ed ai ricci, sono oggi i pochi esemplari della fauna marina conosciuti dai più. La depauperazione dei nostri litorali e l’inquinamento, stanno facendo scomparire altri frutti, quali la porpora (muccuni), la ciocchiola di mare (conche) il “piè d’asino”, la [...]
  • Carciofi alla villanella (Cacuocciuli... I Cacuocciuli ‘a viddaniedda (Carciofi alla villanella) rappresentano un secondo piatto della cucina siciliana semplice e saporito, povero ma ricchissimo di sapori, facile da eseguire e comunemente conosciuto con il nome di “carciofi in tegame” A questo piatto si accompagna bene un contorno di patate in umido o di pisellini. Due curiosità: sapete che i [...]
  • Insalata di gamberi alla menta Nel medioevo non ebbero una buona fama, i gamberi o jammari o àmmari (in siciliano) erano considerati nefasti. Ancora oggi non sono apprezzati da tutti, non tanto per il gusto, quanto per un’istintiva inspiegabile avversione. In passato si dice che il popolino non ne mangiasse affatto. Secondo la tradizione popolare, gli scampi vengono chiamati jàmmari [...]
  • Spaghetti con la neonata I minutissimi pesci appena nati, dall’aspetto ancora informe e dalla consistenza gelatinosa, disposti sui banchi delle pescherie rionali costituiscono una perenne sfida all’autorità costituita (essendone vietata per legge la pesca). Allo stesso tempo però sono molto ricercati per la loro prelibatezza. Anche in questo caso non manca la storia a dare consistenza simbolica al prodotto [...]
  • Pasta con aragosta Nota sin dalla più remota antichità: Plinio e gli scrittori dell’epoca la chiamarono locusta, voce pure usata nel Medioevo, l’aragosta si può ritenere a ragione, la regina dei crostacei e dei frutti di mare! Non solo per i deliziosi sapori che trasudano da essa, ma soprattutto per la particolarità della sua conformazione! Pregiata, rara, dunque [...]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.