Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Una Stonehenge brasiliana

Gli archeologi brasiliani hanno trovato un’antica struttura di pietra in un angolo remoto dell’Amazzonia, che potrebbe illuminare l’oscuro passato della regione. Il sito, ritenuto un osservatorio, o un luogo di venerazione, predata la colonizzazione da parte degli Europei e si dice suggerisca una sofisticata conoscenza dell’astronomia.

La disposizione delle pietre suggerisce l'esistenza di un tempio o di un osservatorio

La disposizione delle pietre suggerisce l’esistenza di un tempio o di un osservatorio

Per la disposizione delle pietre è stato accostato al sito inglese di Stonehenge.
Si era sempre creduto che, fino all’avvento degli Europei, l’Amazzonia non avesse ospitato società avanzate.
Gli archeologi hanno effettuato la scoperta nello stato di Amapa, nell’estremità nord del Brasile. Un totale di 127 grossi blocchi di pietra sono stati trovati conficcati nel terreno sulla cima di una collina. Ben preservati, e ciascuno del peso di diverse tonnellate, le pietre sono sistemate in posizione eretta e regolarmente distanziate. Non è ancora dato sapere quando la struttura fu costruita, ma i frammenti di ceramiche degli indigeni trovati al sito si ritiene risalgano a 2,000 anni or sono.

Le pietre sono ben conservate e ciascuna pesa diverse tonnellate

Le pietre sono ben conservate e ciascuna pesa diverse tonnellate

Quel che ha impressionato i ricercatori è la precisione della costruzione. Le pietre sembrano essere state disposte per aiutare ad indicare il solstizio d’inverno, quando il sole si trova nel suo punto più basso nel cielo. Si pensa che gli antichi popoli dell’Amazzonia usassero le stelle e le fasi della luna per determinare i cicli del raccolto. Nonostante la scoperta ad Amapa sia stata paragonata a Stonehenge, l’antico circolo di pietre nel sud dell’Inghilterra è considerevolmente precedente: si stima sia stato eretto tra il 3,000 ed il 1,600 a.C.

Fonte: www.bbc.co.uk

.

Vedi anche: 

Similar posts
  • Alieni e città sotterranee
    Navigando nel web ho trovato questo articolo su alien-origins.com che reputo interessante ed ho deciso di riproporlo sul nostro sito. . Le voci circa le città sotterranee sono apparse per la prima volta nel 1946. Colui che ha lanciato voci di questo genere e Richard Shaver, scrittore, giornalista e scienziato. La sua incredibile storia di contatti con […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *