Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Uomini della Firenze del tempo di Dante

Dino Compagni

Dino Compagni, cronista di parte bianca e ammiratore di Giano della Bella, ci ha lasciato nella sua cronaca un racconto vivo e appassionato delle vicende di Firenze dal 1280 al 1311.
La sua, più che una cronaca, è un diario di chi ha partecipato di persona alle azioni che narra e, nel riandare col pensiero agli eventi passati, è riacceso dalle passioni che l’animarono quando essi si compivano.
Dino Compagni, oltre che uomo di alta tempra morale, è scrittore vigoroso e potente. I ritratti dei principali protagonisti del suo racconto sono delineati con pochi segni e con scorci mirabili. Ne diamo qualche esempio: Giano della Bella, l’uomo puro che combatte per la giustizia, il «beccaio Pecora», tipo immortale di demagogo e di trafficone.

.

Giano della Bella. — Uomo virile e di grande animo, era tanto ardito, che difendeva quelle cose che altri abbandonava, e parlava quelle che altri taceva, e tutto in favore della giustizia contro a’ colpevoli: e tanto era temuto da’ rettori, che temeano di nascondere i maleficii.
I potenti cittadini (i quali non tutti erano nobili di sangue, ma per altri accidenti erano detti grandi) per sdegno del popolo molti modi trovarono per abbatterlo: e mossono di campagna un franco e ardito cavaliere, che avea nome messer Gian di Celona, potente più che leale, con alcune giurisdizioni a lui date dall’imperatore. E’ venne in Toscana patteggiato da’ grandi di Firenze, e di volontà di papa Bonifazio VIII, nuovamente creato. Ebbe carta e giurisdizione di terre che guadagnasse: e tali vi posono il suggello (per frangere il popolo di Firenze!) che furono messer Vieri de’ Cerchi e Nuto Marignolli, secondo disse messer Piero Cane da Milano, procuratore del detto messer Gian di Celona. Molti ordini dierono per uccidere il detto Giano della Bella, dicendo: percosso il pastore, siano disperse le pecore.

Un giorno ordinarono di farlo assassinare: poi se ne ritrassono per tema del popolo: per ingegno trovaron modo di farlo morire con una sottile malizia, e dissono: egli è giusto: mettiamgli innanzi le rie opere de’ beccai, che sono uomini mal feroci, e mal disposti. Tra’ quali era uno chiamato Pecora, gran beccaio, sostenuto da’ Tosinghi: il quale facea la sua arte con falsi modi e nocivi alla repubblica: era perseguitato dall’arte, perocché le sue malizie usava senza timore, minacciava i rettori e gli ufficiali, e profferivasi a mal fare con gran possa d’uomini e d’arme.

.

II beccaio Pecora. — Il gran beccaio, che si chiamava il Pecora, uomo di poca verità, seguitatore di male, lusinghiero, dissimulava in dire male di lui per compiacere a altri. Egli corrompea i popolani minuti, facea congiure, e era di tanta malizia che mostrava a’ signori che erano eletti, erano per sua operazione. A molti promettea uffici, e con queste promesse gl’ingnnnava. Grande era del corpo, ardito, e sfacciato, e gran ciarlatore, e dicea palesemente chi erano i congiurati contro a Giano, e che con loro si raunava in una volta sotterra. Poco era costante, e più crudele che giusto. Abbominò Pacino Peruzzi uomo di buona fama, senza esserne richiesto. Aringava spesso ne’ consigli, e dicea, che era egli quello che gli avea liberati dal tiranno Giano, e che molte notti era ito con piccola lanterna collegando il volere degli uomini per fare la congiura contro a lui.

.

Similar posts
  • La fine del Medioevo.
    Una tradizione ormai saldamente affermatasi nella storiografia moderna fa finire l’Età medievale nell’anno 1492, la data della scoperta dell’America. Si tratta, naturalmente, di una data che ha per gli storici un valore convenzionale, nell’intento di legare l’idea degli inizi dell’Età moderna a un fatto che, senza dubbio alcuno, segnò una svolta decisiva nella storia dell’Umanità, […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *