Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Urano, il gigante gassoso

Vero e proprio “gigante gassoso” (predominano idrogeno, elio e metano, responsabile del suo colore blu-verde), ha 15 satelliti principali e due sistemi di anelli.

UranoQuando Urano, settimo pianeta del Sistema Solare per distanza dal Sole, venne avvistato il 13 marzo 1781 dal telescopio di William Herschel, l’astronomo tedesco pensò si trattasse di una cometa poiché la scambiò per una stella di colore bluastro che cambiava posizione. Finché, a maggio, dopo ripetute osservazioni, Herschel riconobbe la natura planetaria del nuovo oggetto celeste (che comunque già dal 1690 era stato classificato da John Flamsteed come la stella 34 della costellazione del Toro) e lo chiamò “the Georgium Sidus” (il Pianeta di Giorgio) in onore del suo protettore, Re Giogio III d’Inghilterra. Un nome che però non era gradito dalla comunità degli astronomi non filo-inglesi. Quindi, tre anni dopo, il francese Jérome Lalande prese a chiamare il nuovo pianeta Herschel, contrassegnandolo con un globo sormontato da una “H”, simbolo usato ancora oggi. Tuttavia si continuò a dibattere sul nome da dargli, attingendo come ormai tradizione alle figure della mitologia greca. Nel 1850 si accettò quindi la proposta del berlinese Johann Elert Bode di assegnare al pianeta il nome della divinità greca che personifica l’ouranós, il cielo, compagno di Gaia e padre dei Ciclopi e dei Titani.

Caselli-Titanes-500

Vero e proprio “gigante gassoso” (predominano idrogeno, elio e metano, responsabile del suo colore blu-verde), Urano, ha 15 satelliti principali e due sistemi di anelli che vennero scoperti, il primo il 10 marzo 1977 ed il secondo nel 2005 grazie al telescopio spaziale Hubble. Ha un diametro di 51.118 km (che lo rende il terzo pianeta più grande del sistema solare, in grado di contenere la Terra 64 volte) ed una temperatura che arriva fino -215 °C a causa della sua lontananza dal sole (2.900 milioni di km, 19 volte più della Terra). Poiché ha inoltre un asso di rotazione quasi parallelo al piano orbitale (forse a causa di un colossale impatto con un altro oggetto celeste), ciascuno dei due poli del pianeta resta esposto alla luce solare per 42 anni, la metà del periodo di rivoluzione che ha una durata di circa 84 anni.

fonte

.

I satelliti di Urano

urasatsUrano possiede 15 satelliti più 2 scoperti recentemente ai quali non è ancora stato assegnato un nome.
A differenza degli altri corpi del sistema solare i cui nomi derivano dalla mitologia classica i satelliti di Urano prendono i loro nomi dai personaggi delle opere di Shakespeare e Pope. 
Essi formano due classi distinte: i 10 più interni, piccoli e molto scuri scoperti dal Voyager 2 e i 5 esterni più grandi (a destra).
I satelliti di Urano possiedono orbite quasi circolari situate sul piano equatoriale del pianeta (e quindi posti ad un grande angolo rispetto al piano dell’ eclittica).

satelliti

Gli anelli di Urano

anelli(la distanza è misurata dal centro di Urano al lato interno dell’anello)

fonte

Similar posts
  • Gan De, chi era costui? Gan De, chi era costui? Non se ne sa molto salvo che fu uno dei più rinomati astronomi imperiali cinesi vissuto, più o meno, intorno al 350 a.C. durante il periodo della dinastia Zhou che si estese dal 1121 al 221 a.C. In particolare, il periodo in cui Gan De visse e operò corrispose allo [...]
  • I Pleiadiani, gli extraterrestri più ... Da millenni, a fasi alterne, si parla delle Pleiadi, le stelle conosciute anche come le “Sette sorelle” perché sette sono gli astri più luminosi che si possono essere osservate dalla terra anche a occhio nudo. Ed alle Pleiadi è legata anche una branca ufologica che si interessa degli ipotetici esseri provenienti da un pianeta di quest’ammasso stellare [...]
  • Il mistero di Coral Castle: il castel... La Storia che stiamo per raccontarvi è una Storia d’Amore. Una storia che sembra una favola, tanto è intrisa di magia. Ma tutto è incredibilmente vero: è la storia di un uomo che ha aspettato tutta la vita la ragazza di cui si era innamorato. Lui aveva 26 anni, veniva dalla Lettonia e si chiamava [...]
  • L’astronomia presso gli antichi greci Parlare di astronomia presso gli antichi Greci vuol dire percorrere alcune delle tappe fondamentali di questa scienza, soprattutto nella costruzione della struttura dell’Universo, partendo da Talete a cui si devono le prime indagini conoscitive sull’astronomia TALETE – I primi fondamenti astronomici greci pare debbano essere fatti risalire al 600 a.C. quando Talete di Mileto, a capo [...]
  • Rilevate anomalie nel campo magnetico... by Segnidalcielo Come riportato dalla rivista Newsweek e da Undark Magazine gli scienziati hanno rilevato segni di cambiamenti nel campo magnetico terrestre, con il sospetto che si possa andare verso una imminente inversione dei Poli magnetici Nord e Sud. Storicamente, i poli magnetici nord e sud della Terra si sono invertiti ogni 200.000 o 300.000 [...]