Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Un’escursione a Paestum

di Lavinia

.

Estate, tempo di escursioni; oggi andiamo a Paestum, situata presso il litorale tirrenico a sud di Salerno.
Città fondata dai Greci,  gli Achei di Sibari,   intorno al 600 a.C. si chiamava Poseidonia,  perché dedicata a Poseidone, dio del mare (rinominato Nettuno dai Romani) Nel 400 a.C. fu occupata dai Lucani, popolazione italica; tra il 335 e il 331 fu conquistata dal greco Alessandro il Molosso, ma presto tornò in potere dei Lucani e successivamente divenne una colonia romana con il nome latino di Paestum. A causa dell’insabbiamento alle foci dei fiumi che scorrevano nella pianura, si crearono condizioni di insalubrità del territorio. Le epidemie di malaria e gli acquitrini che invasero l’abitato, unitamente alle scorrerie dei pirati saraceni, costrinsero popolazione ad abbandonare la città intorno al 500 d.C.
Gli storici affermano che la palude e la boscaglia salvarono questi imponenti ruderi da furti e distruzioni per lunghi secoli.

La scoperta di Paestum avvenne casualmente, nel 1752, durante la costruzione della moderna strada che taglia in due l’antica città che, attraverso gli scavi archeologici, è stata solo parzialmente riportata alla luce.  Carlo III di Borbone diede inizio ad un’opera di recupero della città, riportando alla luce i resti dei templi dell’età classica.

.

paestum-tempio-di-nettuno-e-di-hera

.

Dei tre templi dorici presenti a Paestum, il più antico e il più grande è sicuramente la Basilica, che in realtà fu tempio dedicato ad Hera, databile al VI secolo a.C. e situato nella parte più meridionale della città. Il tempio è un periptero, cioè presenta le colonne su tutti i lati, precisamente nove sui fronti e diciotto sui lati.

.

paestum-tempio-di-nettuno

.

A fianco della Basilica di Paestum sorge il Tempio di Nettuno, del V secolo a.C. considerato dagli studiosi l’esempio più perfetto dell’architettura dorica templare in Italia e in Grecia.

.

paestum-tempio-di-cerere

.

Il Tempio di Athena, erroneamente noto anche come Tempio di Cerere, è posizionabile  tra il Tempio di Hera e quello di Nettuno. Più piccolo degli altri due templi, ha delle particolarità che lo rendono uno dei più interessanti dell’architettura greca. Nonostante sia anch’esso un periptero dorico, il frontone alto e il fregio dorico composto di larghi blocchi di calcare rendono questo Tempio unico.

.

paestum-ingresso-allanfiteatro

.

Questi imponenti Templi, quasi intatti, e le vestigia di importanti monumenti, fanno di Paestum la meta di turisti provenienti da tutto il mondo che trovano anche la possibilità di visitare il museo fondato nel 1952 che conserva i reperti archeologici: dipinti, tesori tombali, offerte votive in terracotta, frammenti architettonici e sculture. 

A rileggerci in occasione della prossima escursione. 

Similar posts
  • Il mondo antico e gli oracoli
    La donna sapiente in grado di predire il futuro compare nelle tradizioni di molti paesi, ma nessuna più della Sibilla Cumana fu celebrata nell’antichità. Già in epoca molto remota alcune popolazioni dell’Asia occidentale si tramandavano sotto forma di versi i responsi oracolari di profetesse conosciute come Sibyllai. S’ignora cosa significhi la parola ‘sibilla‘, benché la […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.