Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Categoria: <span>Archeologia</span>

Categoria: Archeologia

Ortensia, la ‘donna avvocato’ che nel 42 a.C. difese le matrone romane

Tacere: questo è uno degli obblighi delle donne romane, o meglio, un dovere suggerito dalla tradizione, un attenersi ai costumi, quei mores che costituiscono le fondamenta della società… E per dare a quel tacere una veste sacra, ecco che nasce il culto di Tacita Muta, una divinità degli inferi che diventa, proprio …

Angizia (Angitia), la divinità ctonia associata al culto dei serpenti.

Silius, nelle Punicae (libro VIII, 495-501) scrive: Angitia, figlia di Eeta, per prima scoprì le male erbe, così dicono, e maneggiava da padrona i veleni e traeva giù la luna dal cielo; con le grida i fiumi tratteneva e, chiamandole, spogliava i monti delle selve. Angizia (in latino Angitia o …

Sekhmet “la potente”, divinità della guerra, delle epidemie e delle guarigioni.

Sekhmet il cui nome significa “colei che è potente” era una divinità solare zoomorfa della mitologia egizia. Centro del suo culto era a Letopolis nel 2° distretto del Basso Egitto. Veniva raffigurata come leonessa o come una donna dalla la testa leonina, ed a partire dalla XVIII dinastia acquisì anche …