Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Il Mediterraneo era un mare isolato

Ecco una prova che il Mediterraneo era un mare isolato, non comunicante con gli oceani, sino ad un’epoca in cui i Faraoni regnavano già sull’Egitto: le sue acque erano molto più basse di quelle dell’oceano, a causa dell’evaporazione.
Gli archeologi hanno trovato i resti d’un porto di 5000 anni fa presso la città di Alanya, nella provincia di Antalya, a sud dell’attuale Turchia.
Immergendosi al largo di Alanya, gli archeologi sottomarini hanno trovato l’antico porto della città di Syedra.
Il sub archeologo Hakan Oniz della Eastern Mediterranean University riferisce che il porto risale a 5000 anni fa e che vi sono state ritrovate testimonianze appartenenti all’Età del Bronzo.

 

Gli abitanti di quei luoghi erano dediti alla pesca e alla navigazione, sin da quei tempi antichi.
Syedra è divisa in due parti; l’area del porto, dalla quale le mercanzie erano portate verso l’interno e verso la città vera e propria, e la città stessa, che si trova oggi a 240 metri di profondità sotto le acque del Mar Mediterraneo.

La profondità rilevante alla quale sono state trovate le installazioni portuali, e l’epoca a cui vengono attribuiti i ritrovamenti, appaiono proprio come una possibile conferma degli studi di Alberto Arecchi   su Atlantide!

tratto da: antikitera.net

.

vedi anche:

.

Similar posts
  • Il mito del continente sommerso
    Esiste un immaginario atlante dei luoghi fantastici, divenuti veri grazie all’invenzione dei poeti, portati a vita sempiterna dal nulla: il bosco del Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, con i suoi elfi e le sue fate volanti, i luoghi prodigiosi incontrati da Ulisse nel suo lungo viaggio di ritorno, dall’isola dei Lotofagi […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.