L’INFERNO

  • Matteo 5:22
    Ma io vi dico: Chiunque si adira contro suo fratello senza motivo, sarà sottoposto al giudizio; e chi avrà detto al proprio fratello “stupido”, sarà giudicato dal tribunale; e chi gli avrà detto “pazzo”, sarà condannato al fuoco dell’inferno.
     
  • Matteo 13:40
    Come dunque si raccoglie la zizzania e si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo.
     
  • Matteo 13:42
    E li getteranno nella fornace ardente. Lì sarà il pianto e lo stridor di denti.
     
  • Matteo 18:8
    Ora, se la tua mano, o il tuo piede, ti è occasione di peccato, mozzali e gettali via da te; è meglio per te entrare nella vita monco o zoppo, che avere due mani e due piedi ed essere gettato nel fuoco eterno.
     
  • Matteo 22:13
    Allora il re disse ai servi:”Legatelo mani e piedi, prendetelo e gettatelo nelle tenebre di fuori. Lì sarà il pianto e lo stridor di denti.
     
  • Matteo 23:33
    Serpenti, razza di vipere! Come sfuggirete alla condanna dell’inferno?
     
  • Matteo 25:41
    Allora Egli dirà ancora a coloro che saranno a sinistra:”Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno che è stato preparato per il diavolo e per i suoi angeli.
     
  • Matteo 25:46
    E questi andranno nelle pene eterne, ed i giusti nella vita eterna.
     
  • Marco 3:29
    Ma chiunque bestemmierà contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato, ma sarà destinato alla dannazione eterna.
     
  • Marco 9:43
    Se la tua mano ti è occasione di peccato tagliala! E’ meglio per te entrare monco nella vita, che avere due mani ed andare all’inferno, nel fuoco inestinguibile.
     
  • Marco 9:48
    Dove il loro verme non muore ed il fuoco non si spegne.
     
  • Giovanni 5:29
    Quelli che hanno fatto il bene risusciteranno alla vita; e quelli che hanno fatto il male risusciteranno a condanna.
Frans Francken II – L’eterno dilemma dell’umanità – La scelta tra virtù e vizio – Museum of Fine Arts (Boston) – Wikipedia, pubblico dominio.

RIFLESSIONI:

E’ Dio così crudele da desiderare che le anime soffrono per l’eternità nell’inferno?

Il fatto che Dio condannerà delle anime a soffrire nell’inferno è una dimostrazione della giustizia di Dio, che va di pari passo con l’amore di Dio. Giustizia ed amore sono raffigurate come le due braccia di Dio. 
Infatti se non ci sarà condanna non ci può essere salvezza; che bisogno ha l’uomo di salvezza se non ci sarà una condanna da cui scampare? 
Se non vi era bisogno della salvezza, perché allora è venuto nel mondo, sofferto e morto sulla croce il Figlio di Dio?

La resurrezione stessa di Gesù testimonia la giustizia di Dio, il quale ha costituito come giudice proprio suo Figlio. Solo lui è in grado di giudicare rettamente perché oltre ad essere Figlio di Dio è anche il Salvatore degli uomini. Dio ha gia manifestato la sua bontà ed il suo amore verso tutti gli uomini, perché ha programmato e permesso la morte del suo unico Figlio, per dare la possibilità a tutti gli uomini di ricevere la salvezza.
Venendo meno la giustizia, viene meno anche l’amore. Due attributi fondamentali della personalità di Dio: Dio è Amore; Dio è Giusto. La condanna degli empi, oltre a dimostrare la giustizia di Dio, conferma e rafforza l’amore di Dio. La Giustizia di Dio si manifesterà con la stessa intensità con cui si è manifestato l’amore che Dio ha ed ha avuto per l’uomo, che ha permesso la morte di suo Figlio. Alla fine l’amore di Dio si concretizzerà col la giusta ricompensa per coloro che lo hanno amato ed hanno posto in Lui la loro fiducia con obbedienza.

La vita non finisce con la morte, perché l’uomo ha all’interno del suo corpo un’anima immortale che sopravvive alla morte fisica. 

Foglio di un manoscritto dell’apocalisse dalla biblioteca dell’Escorial (facsimile). – Wikipedia, pubblico dominio

Dell’esistenza di questa anima immortale ne parlò pure Gesù Cristo, il Figlio di Dio, ai suoi discepoli quando disse loro di non temere “coloro che uccidono il corpo, ma non possono uccidere l’anima” (Matteo 10:28). Da notare che Gesù ha detto che il corpo può essere ucciso, mentre l’anima no; per cui è ovvio che essa continua a vivere dopo la morte. 
Ci sono due posti in cui le anime degli uomini, dopo la morte, possono andare. Uno è un posto di riposo, di refrigerio, di benedizione, etc., in cui vanno coloro che sulla terra hanno amato Dio e fatto la volontà di Dio. L’altro luogo è un posto in cui va il peccatore e colui che ha rifiutato la grazia e l’amore di Dio. Quest’ultimo è un luogo in cui si soffre ed in cui ci sarà il Diavolo coi suoi angeli. Questo luogo nella Bibbia e’ chiamato in ebraico Sheol, e in greco Ades, e da alcuni è stato tradotto con “soggiorno dei morti” e da altri con “inferno” (dal latino infernus che significa: luogo che è di sotto, inferiore). 

Nel passo di Luca 16:19-31 (il ricco e Lazzaro), il nostro Signore Gesù Cristo racconta una storia realmente avvenuta. Quella storia ci insegna che con la morte non finisce tutto, ma che esiste una vita ultraterrena e che l’anima del peccatore continua a vivere in un mondo invisibile a noi, dopo la sua morte. Questa è la realtà di molte persone che vivono nel peccato e lontani da Dio: vivono sulla terra, godono dei piaceri della vita e si dilettano nel fare il male, ma quando giunge la morte, la loro anima si diparte dal loro corpo e va nell’Ades dove sarà tormentata dal fuoco di quel luogo. Il racconto ci dice che quel ricco godeva splendidamente ogni giorno mentre era sulla terra; però quando è morto, e fu seppellito, si ritrovò in un luogo di tormento, appunto l’Ades. In quel luogo poteva ancora parlare, ricordare, e secondo quello che egli disse ad Abramo, avrebbe potuto essere pure rinfrescato con dell’acqua.

L’Ades, o Inferno, si trova negli antri della terra ad una grande profondità; è in questa creazione, ma vi si entra con la dimensione della realtà invisibile, chiamata anche spirituale. In rare occasioni e avvenuto che direttamente delle persone vi sono entrate con i loro corpi; un esempio è l’episodio avvenuto nel deserto, quando gli Israeliti, dall’Egitto stavano andando nella Terra Promessa (Numeri 16:33 ). E’ un luogo reale dove l’anima del peccatore, dopo essere uscita dal suo corpo, va a stare in attesa del giudizio. Noi non possiamo vedere la nostra anima, ma sappiamo che essa dimora in questo nostro corpo di carne ed ossa, e come non possiamo negare l’esistenza dell’anima solamente perché la vediamo, non possiamo neanche negare l’esistenza dell’Ades che non vediamo.

Dante e Virgilio scortati dai diavoli nell’ottavo cerchio, incisione di Gustave Doré per il canto XXI dell’Inferno. – Wikipedia, pubblico dominio

Questo viene prima il Giudizio Universale, ma il luogo dove saranno gettati Satana, i suoi angeli e tutti gli uomini che saranno condannati, cioè nello Stagno di Fuoco e di Zolfo, sarà una condizione in cui le sofferenze saranno maggiori.

Allora ti trarrò giù, con quelli che scendono nella fossa, fra il popolo d’un tempo, ti farò dimorare nelle profondità della terra, nelle solitudini eterne, con quelli che scendono nella fossa… (Ezecchiele 26:20).

Anche se è ragionevole credere che la descrizione dell’inferno fatta da Dante Alighieri, nella sua Divina Commedia, è frutto della sua fantasia, non possiamo però ignorare che Dio stesso, prima tramite i profeti e poi tramite Suo Figlio Gesù e gli apostoli, ci parla dell’esistenza di quel luogo e condizione di tormento, che Lui stesso ha destinato a durare per l’eternità. 

Sembra essere scontato che, come membri di chiesa e credenti di fede cristiana, accettiamo, tra l’altro, uno degli insegnamenti basilari di Cristo, che è l’esistenza dell’inferno. Purtroppo molti “credenti” rifiutano di accettare tale realtà come voluta da Dio e proclamata dalla Chiesa. Per qualcuno la questione  dell’inferno viene aggirata con l’accettazione di ragionamenti e filosofie che alla fine pongono Dio in una posizione di impotenza (alla fine non è capace di perdonare tutti), o di troppa magnanimità (alla fine Dio perdona tutti) o, nel peggiore dei casi, nella posizione dell’ingannatore (Dio ha parlato sì dell’inferno, però non voleva dire che le persone debbono soffrire, etc., etc.). Quando Dio ha voluto creare tutte le cose che esistono non ha chiesto conto a nessuno, per cui anche se non crediamo e non accettiamo qualcosa che Dio ha fatto, non per questo possiamo dire che non esiste! 

Accettare l’insegnamento dell’INFERNO e descriverlo, non significa gioire ed essere felici per le molte anime che vanno in quel luogo di tormento. Nella Bibbia sta scritto che Dio non si compiace nel peccatore che perisce, ma desidera che ogni persona giunga alla conoscenza della verità per poter scegliere per la sua salvezza.

Purtroppo, ed a malincuore, dobbiamo costatare che, o per ignoranza, o per negligenza, o per libera scelta, molte persone vivono la propria vita vicino alla religione ma lontano da Dio. Anche noi come figli di Dio ci associamo al sentimento di Dio, e il solo scopo di questa modesta iniziativa è quello di servire come monito ed avvertimento per coloro che consapevoli o inconsapevoli sono sulla strada che li porta all’inferno. 

Gesù ha detto: ” …due sono le vie: una stretta ed angustia che porta alla vita, e pochi sono quelli che la prendono; l’altra larga e spaziosa che porta alla perdizione, e molti sono quelli che vi si incamminano“. (Matteo 7:13-14).
La strada che conduce all’inferno è prima di tutto una strada (trascorrere la vita) senza la Salvezza e senza Dio; è la strada del peccato e delle concupiscenze; della realizzazione dei propri desideri ad ogni costo, anche recando del male al prossimo.

Strada significa “trascorrere la vita”, “seguire una tale decisione”, “fare una tale scelta”. E’ una decisione che prendiamo noi, conseguentemente alla libertà che Dio ci ha dato. La strada della politica corrotta, della religione formale, della scienza senza Dio, delle filosofie e delle dottrine ingannatrici e dell’egoismo, è la strada che tira dritto per l’inferno.

Il rimedio per evitare ciò è cambiare strada, decidere di fare la volontà di Dio e arrendersi all’amore di Cristo, colui che può perdonare tutti i nostri peccati ed assicurarci una vita eterna vicino a Dio e fuori dall’inferno.

Stralcio testo tratto dalla pagina: sites.google.com sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

Albrecht Dürer – Il cavaliere, la morte e il diavolo – Wikipedia, pubblico dominio


Esistenza dell’inferno: Fatima.

Nella terza apparizione della Beata Vergine, 13 giugno 1917, a Francesco, Giacinta e Lucia, i tre pastorelli di Cova di Iria, (i primi due fatti santi il 13 ottobre 2000 da Papa Giovanni Paolo II) sono stati testimoni della reale esistenza dell’inferno… Racconta la veggente Lucia e tutt’ora vivente… “Dicendo queste ultime parole, la Signora aprì le mani, come aveva fatto durante i due mesi precedenti. La luce proveniente da esse sembrava penetrare la terra e vedemmo un mare di fuoco. Immersi in questo fuoco c’erano demoni e anime che sembravano tizzoni trasparenti, alcuni neri o bronzei, in forme umane, portate intorno dalle fiamme che uscivano da essi assieme a nuvole di fumo. Essi cadevano da tutte le parti, proprio come le scintille cadono dai grandi fuochi, leggere, oscillanti, tra grida di dolore e di disperazione, che ci atterrirono fino a farci tremare di paura. (Deve essere stata questa vista che mi fece gridare; la gente infatti dice di avermi sentita dare un grido). I demoni potevano essere distinti dalla loro somiglianza a orribili ripugnanti e sconosciuti animali, incandescenti come carboni accesi. Atterriti e come per supplicare aiuto, alzammo gli occhi verso Nostra Signora, la quale ci disse con gentilezza, ma anche con tristezza: “Avete visto l’inferno, dove vanno le anime dei poveri peccatori. Al fine di salvarli Dio desidera di stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato”… Lucia, Francesco e Giacinta


Viaggio nell’inferno di Santa SUOR FAUSTINA KOWALSKA.

Ritratto di Santa Maria Faustina Kowalska – Wikipedia, pubblico dominio

Dal suo diario apprendiamo quanto segue… 20.x.1936. (II° Quaderno)

Oggi, sotto la guida di un angelo, sono stata negli abissi dell’inferno. 
E’ un luogo di grandi tormenti per tutta la sua estensione spaventosamente grande. 
Queste le varie pene che ho viste:

  • la prima pena, quella che costituisce l’inferno, è la perdita di Dio;
  • la seconda, i continui rimorsi di coscienza;
  • la terza, la consapevolezza che quella sorte non cambierà mai;
  • la quarta pena è il fuoco che penetra l’anima, ma non l’annienta; è una pena terribile: è un fuoco puramente spirituale acceso dall’ira di Dio;
  • la quinta pena è l’oscurità continua, un orribile soffocante fetore, e benché sia buio i demoni e le anime dannate si vedono fra di loro e vedono tutto il male degli altri ed il proprio;
  • la sesta pena è la compagnia continua di satana;
  • la settima pena è la tremenda disperazione, l’odio di Dio, le imprecazioni, le maledizioni, le bestemmie.

Queste sono pene che tutti i dannati soffrono insieme, ma questa non è la fine dei tormenti. Ci sono tormenti particolari per le varie anime che sono i tormenti dei sensi. 
Ogni anima con quello che ha peccato viene tormentata in maniera tremenda e indescrivibile. Ci sono delle orribili caverne, voragini di tormenti, dove ogni supplizio si differenzia dall’altro. 
Sarei morta alla vista di quelle orribili torture, se non mi avesse sostenuta l’onnipotenza di Dio. 
Il peccatore sappia che col senso col quale pecca verrà torturato per tutta l’eternità. Scrivo questo per ordine di Dio, affinché nessun’anima si giustifichi dicendo che l’inferno non c’è, oppure che nessuno c’è mai stato e nessuno sa come sia. 
Io, Suor Faustina, per ordine di Dio sono stata negli abissi dell’inferno, allo scopo di raccontarlo alle anime e testimoniare che l’inferno c’è. Ora non posso parlare di questo. Ho l’ordine da Dio di lasciarlo per iscritto.
I demoni hanno dimostrato un grande odio contro di me, ma per ordine di Dio hanno dovuto ubbidirmi. Quello che ho scritto è una debole ombra delle cose che ho visto. 
Una cosa ho notato e cioè che la maggior parte delle anime che ci sono, sono anime che non credevano che ci fosse l’inferno.

Quando ritornai in me, non riuscivo a riprendermi per lo spavento, al pensiero che delle anime là soffrono così tremendamente, per questo prego con maggior fervore per la conversione dei peccatori, ed invoco incessantemente la Misericordia di Dio per loro. 
O mio Gesù, preferisco agonizzare fino alla fine del mondo nelle più grandi torture, piuttosto che offenderTi col più piccolo peccato.

Suor Faustina Kowalska

L’Inferno: dogma di fede ribadito a Medjugorje

Ai primi di novembre del 1981 alcuni veggenti hanno visto l’inferno; padre Bubalo rivolgendosi a Vicka: “Ad un tratto la Madonna è apparsa e davanti a voi si è aperto l’inferno. L’avete visto tu, Jakov e Marija. Hai scritto che era spaventoso: sembrava un mare di fuoco; dentro c’era tanta gente. Tutti anneriti, sembravano diavoli. Affermi che nel mezzo hai visto una donnaccia bionda, con i capelli lunghi e le corna, e i diavoli che l’assalivano da tutte le parti. Era orribile e basta”.
“Io ho descritto come ho potuto – spiega Vicka – ma non lo si può descrivere.
“La Madonna vi ha detto perché ve lo ha mostrato?”
“Sì, sì; come no! Ce l’ha mostrato per farci vedere come stanno coloro che ci cadono. Credo che sarebbe molto utile che gli uomini non si dimenticassero mai che un giorno saremo tutti giudicati da Dio!

Anche Jacov Colo dice di aver vistro l’inferno: Ho visto una grande, grande fiamma e gli uomini dentro.
“Che faccia avevano questi uomini?”
“Nera. Stanno nella fiamma e quando escono dalla fiamma diventano neri, cambiano. Non sono proprio uomini, sono tra uomini e bestie, una combinazione”.
“E Maria cosa ha detto quando avete visto l’inferno?”
“Qui arrivano quelli che non hanno seguito la strada di Dio”.

Stralcio testo tratto dalla pagina: sites.google.com sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

 


Un pastore cattolico della  settentrionale afferma che durante un’”esperienza di premorte” (NDE, Near Death Experience) gli sarebbe stato mostrato l’aldilà, avrebbe anche visto sacerdoti e perfino vescovi sia in paradiso che nell’inferno.
Il sacerdote è Don Jose Maniyangat, della chiesa di S. Maria in Macclenny, e afferma che l’evento sarebbe avvenuto il 14 aprile 1985 – domenica della Divina Misericordia – quando ancora viveva nel suo Paese natale, l’India. Vi presentiamo questo caso lasciandolo al vostro discernimento.
Ora 54enne e ordinato sacerdote nel 1975, Don Maniyangat ricorda che si stava recando ad una missione per celebrare la Messa quando la moto che stava guidando – un mezzo di trasporto molto comune in quei luoghi – venne travolto da una jeep condotta da un uomo ubriaco.
Don Maniyangat ha raccontato a Spirit Daily che dopo l’incidente venne trasportato d’urgenza in un ospedale distante più di 50 chilometri e durante il tragitto accadde che «la mia anima uscì fuori dal corpo. Immediatamente vidi il mio angelo custode», spiega Don Maniyangat. «Inoltre vidi il mio corpo e le persone che mi stavano trasportando all’ospedale. Stavano gridando, e subito l’angelo mi disse, “Sto per portarti in Cielo. Il Signore desidera incontrarti”. Disse però che prima voleva mostrarmi l’inferno e il purgatorio». 

Don Maniyangat afferma che in quel momento, in un’orribile visione, l’inferno si aprì davanti ai suoi occhi. Era spaventoso. «Vidi Satana e persone che lottavano, che venivano torturate, e che gridavano» racconta il sacerdote. «E c’era anche il fuoco. Vidi il fuoco. Vidi persone che soffrivano e l’angelo mi disse che ciò era dovuto ai peccati mortali e al fatto che non si erano pentite. Quello era il punto. Erano impenitenti».
Il sacerdote racconta che gli venne spiegato che ci sono sette “gradi” o livelli di sofferenza negli inferi. Coloro che in vita hanno commesso “peccato mortale dopo peccato mortale” soffrono il calore più intenso. “Avevano dei corpi ed erano molto brutti, tanto crudeli e brutti, orribili”, dice Don Maniyangat. 
«Erano umani ma erano come mostri: spaventosi, delle cose dall’aspetto molto brutto. Ho visto persone che conoscevo ma non posso dire chi erano. L’angelo mi disse che non mi era permesso rivelarlo». 
I peccati che li avevano condotti in quella condizione – spiega il sacerdote – erano trasgressioni come l’aborto, l’omosessualità, l’odio e il sacrilegio. Se si fossero pentiti, sarebbero andati in purgatorio – gli avrebbe detto l’angelo. Don Jose rimase sorpreso delle persone che vide nell’inferno. Alcuni erano sacerdoti, altri erano vescovi. «Ce n’erano molti, perché avevano fuorviato la gente» afferma il sacerdote […]. «Erano persone che non mi sarei mai aspettato di trovare la».

Stralcio testo tratto dalla pagina: diariodeglieremiti.wordpress.com sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

 

vedi anche:

.

torna a: Lasciamoci guidare