Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Le profezie di Leonardo da Vinci

Le profezie di Leonardo da Vinci

Leonardo da Vinci – presunto autoritratto – WGA12798 – Nell’iscrizione in fondo al ritratto,
aggiunta da una mano successiva, si legge: ‘Leonardo da Vinci, ritratto di se stesso da vecchio’ – Wikipedia, pubblico dominio

Leonardo da Vinci, oltre alle sue spettacolari opere artistiche, ai suoi progetti prodigiosi ed ai suoi scritti tanto cari a Bill Gates, ci ha lasciato un esiguo numero di profezie sotto forma di sentenze ed aforismi.

Quella che ci interessa è questa: 
Vedrassi tutti li elementi insieme misti trascorrere con gran revoluzione ora inverso il centro del mondo, ora inverso il cielo, e […] dalle parti meridionali inverso il freddo settentrione, […] dall’oriente inverso occidente 

e poi precisa che gli uomini, come le piante e ogni altro elemento «scambieranno emisferio immediate». Non abbiamo alcuna indicazione che ci permetta di stabilire quando Leonardo prevede che tutto questo si possa avverare, è certo però che ritiene questi avvenimenti sconvolgenti, tanto che li pone a seguito di una serie di descrizioni apocalittiche. Le sentenze che seguono non vanno interpretate alla lettera ma devono essere considerate una conferma del fatto che Leonardo ci sta parlando di un avvenimento catastrofico che segnerà la storia dell’umanità.

Ecco cosa scrive Leonardo: 

[…] molti morti si moveran con furia e piglieranno e legheranno i vivi 
[…] vedrassi i morti portare i vivi in diverse parti 
[…] vedrassi le piante rimanere sanza foglie e i fiumi fermare i loro corsi 
[…] e li alberi e li arbusti delle gran selve si convertiranno in cenere 
[…] li animali d’acqua moriranno nelle bollenti acque 
[…] alla fine la terra si farà rossa per lo infocamento di molti giorni, 
e le pietre si convertiranno in cenere. 

Tutto questo dunque accadrà in concomitanza con l’inversione del campo magnetico terrestre, cui Leonardo fa riferimento abbastanza chiaramente, nonostante non possedesse le conoscenze attuali sulla natura del nostro pianeta. Un evento di questa portata, repentino com’è descritto nelle sentenze citate, potrebbe essere causato dall’incontro ravvicinato con un pianeta delle dimensioni del Planet X..

Stralcio testo tratto dalla pagina: babysara.forumfree sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

 

 

Ho trovato molto interessante un articolo di Barbara Frale pubblicato nel marzo del 2010 su repubblica.it e ve ne riporto il link suggerendovene la lettura

 

.

vedi anche: