Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Perchè in autunno le foglie cambiano colore

Arriva l’autunno e, si sa, le foglie si tingono di giallo, rosso e arancione. Ma cos’è che regola questo fenomeno?
A spiegarcelo ancora una volta (se le lezioni di scuola fossero ormai un ricordo lontano) oggi è Mark Fischetti in un video su Scientific American, che comincia ricordando come la principale responsabile del cambio di colore delle foglie è la diminuzione delle ore di luce giornaliere.
Ma questo è solo l’inizio del cambio di scenografia che ricorre ogni autunno.

Le cellule delle foglie contengono generalmente clorofilla, un pigmento verde che, durante la fotosintesi, contribuisce a convertire l’anidride carbonica, l’acqua e la luce, in zuccheri. Un sistema di trasporto, quindi, li conduce alle radici e alle foglie favorendo la crescita e il funzionamento della pianta. Ma quando l’estate giunge al termine e le ore diurne diminuiscono, i vasi di trasporto iniziano a chiudersi e la clorofilla si esaurisce. “Il colore verde sbiadisce e i pigmenti arancioni e gialli, da sempre contenuti nella foglia, diventano visibili”, ricorda Fischietti.

Quando nelle foglie, gli zuccheri rimasti intrappolati nei vasi reagiscono con altri composti, si formano, invece, le antocianine, i pigmenti responsabili della tinta rossa. “Se i giorni sono luminosi e le notti sono fredde, rimangono intrappolati più zuccheri e il rosso è più intenso”, continua Fischetti, che fa notare come anche la temperatura può determinare il colore influendo sulla sua vivacità. Il clima autunnale, poi, innescherà la sintesi di un ormone che farà cadere le foglie consentendo alla pianta di ridurre le perdite d’acqua.

E cosa dire delle piante sempreverdi? “Gli aghi hanno una copertura cerosa e una minore superficie, ciò riduce la perdita d’acqua. Contengono anche un composto simile all’antigelo, cosicché sia le radici che le foglie possono sopravvivere durante l’inverno”.

.

testo tratto da: antikitera.net

Similar posts
  • Il mare: due poesie e due immagini Chi di voi, guardando il mare non ha sentito qualcosa dentro, non ha provato emozioni ed ha trasformato queste emozioni in parole. . Il mare Dolce ed impetuoso come un amante. Ti guardo. Mi affascini. La tua voce entra nella mia mente. Mi lascio accarezzare dalle tue onde. Brividi. Il tuo continuo movimento culla i [...]
  • Le galline schiamazzano… Le anatre depongono le loro uova in silenzio. Le galline invece schiamazzano come impazzite. Qual è la conseguenza? Tutto il mondo mangia uova di gallina. Henry Ford ____________ Henry Ford (1863 – 1947) è stato un famoso imprenditore statunitense, uno dei fondatori della casa automobilistica Ford Motor Company. Oltre i suoi meriti industriali, oggi vengono [...]
  • Un milione di scale “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” Eugenio Montale . Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio. Il mio dura tuttora, né più mi occorrono le coincidenze, le [...]
  • Esopo: “La lepre e la tartaruga” La lepre un giorno si vantava con gli altri animali: – Nessuno può battermi in velocità – diceva – Sfido chiunque a correre come me.- La tartaruga, con la sua solita calma, disse: – Accetto la sfida. – – Questa è buona! – esclamò la lepre; e scoppiò a ridere. – Non vantarti prima di [...]
  • Autunno: una poesia ed un viso di don... Nel mio gruppo su Facebook “Il fascino della Mitologia“(1), Antonio Pierro ha pubblicato uno scritto dedicato all’autunno. Ve lo trascrivo e lo abbino ad una delle mie elaborazioni grafiche. . . AUTUNNO  . Il minuto ha il fiato corto rincorso dagli sguardi e dalla nostalgia dal rossiccio che si vanta del suo nimbo e fuggono [...]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *