Questo racconto è la storiella vera
d’un poveretto servo di cucina,
sposato con donna Vita Amara,
che una volta, in un’epoca lontana,
ci fece la cassata siciliana! 
Il dolce dolce per gli occhi e per la bocca,
i Vespri siciliani per la storia:
torta tirata in faccia alla miseria.

 Cassata-siciliana  Cassata-siciliana-300
Soggira Miseria (Renzino Barbera)  

Chista chi cuntu, è la storiella vera
d’un puvireddu, servu di cucina,
maritatu cu donna Vita Amara. 
Ma la tragedia seria, seria seria
era la matri: soggira Miseria.
Vita Amara, puru si siddiàta,
era la cumpagna sua adorata.   
E fu ca soggira ca persi la pazienza!
Rassittava ‘nt’a cucina la credenza
e la Miseria lu misi a buffuniari…
Pigghiò la robba, ch’era du patroni,
la prima cosa ca cci vinni in manu:
un paccu ‘i zuccaru, unni? ccà, ‘nt’o nasu!
‘nt’o varbarottu c’un pezzu di ricotta! 
Mirò precisu, cu na mezza ucchiata,
‘nta ll’occhi, cu’n pizzuddu di zuccata!
E ‘nta la frunti cu la cioccolata!
mmischiannu biancu ‘i zuccaru e coluri,
cu li canditi: prugna, aranci e ficu!
Un muddicuni di panuzzu ‘i spagna!
Pasta riali, ‘mmezzu a li capiddi!!!
Vita Amara cci dissi: Chi facisti?
talè a Miseria, comu ‘a ruvinasti,
e si misi cu li manu a pulizziari,
‘a faccia di so Matri impasticciata. 

A un certu puntu si liccò li dita,
ristò cull’occhi chiusi e ‘na risata! 
Facisti beni, beni sposu miu
e nun importa si la Miseria è Mamma… 
Tiraci forti, ancora, ancora, ancora!

Chista cuntata è la storiella vera
d’un puvireddu, servu di cucina,
maritatu cu donna Vita Amara,
ca ‘na vota, ‘nta ‘n’epuca luntana,
nni fici la cassata siciliana!
Lu duci duci pi ll’occhi e pi la vucca,
i Vespri Siciliani pi la storia:
torta tirata ‘nfaccia a la Miseria.

Suocera Miseria (Renzino Barbera) 

Questa che racconto, è la storiella vera
d’un poveretto servo di cucina,
sposato con donna Vita Amara.
Ma la tragedia seria, seria seria
era la madre, suocera Miseria.
Vita Amara, anche se scocciata
era la compagna sua adorata.
E fu con la suocera che perse la pazienza!
Rassettava nella cucina la credenza

e la Miseria si mise a beffeggiarlo…
Pigliò la roba, che era del padrone
la prima cosa che gli venne in mano:
un pacco di zucchero, dove? qua sul naso!
nel mento con un pezzo di ricotta!
Mirò preciso, con una mezza occhiata
negli occhi con un pezzetto di zuccata!
E nella fronte con la cioccolata
mischiando bianco di zucchero e colori
con i canditi: prugna, aranci e fichi!
Una mollica di pan di spagna!
Pasta reale, in mezzo ai capelli!!!
Vita Amara gli disse: Che hai fatto?
guarda la Miseria come l’hai rovinata
e si mise con le mani a pulire
la faccia di sua madre impasticciata.

Ad un certo punto si leccò le dita,
restò con gli occhi chiusi e una risata!
Hai fatto bene, bene sposo mio
e non importa se la Miseria è Mamma…
Tira forte, ancora, ancora, ancora!

Questo racconto è la storiella vera
d’un poveretto servo di cucina,
sposato con donna Vita Amara,
che una volta, in un’epoca lontana,
ci fece la cassata siciliana! 
Il dolce dolce per gli occhi e per la bocca,
i Vespri siciliani per la storia:
torta tirata in faccia alla miseria.

(31/05/2009) E’ morto, all’eta’ di 85 anni, nella sua casa di Taormina, il poeta e umorista Renzino Barbera, cugino di Renzo Barbera, ex presidente del Palermo calcio. Il Presidente della regione, Raffaele Lombardo, ha espresso il suo cordoglio per la morte del poeta. “Barbera – ha detto Lombardo – e’ stato nella sua lunga e significativa vita poeta e scrittore, attore e autore teatrale, attento lettore degli avvenimenti e dei fatti della Sicilia, di cui ha saputo interpretare ed esaltare i tratti piu’ significativi, in tutti i campi artistici in cui si e’ cimentato. Con lui la Sicilia perde un grande testimone della sua storia recente”.