vela_02
Ulisse

Nella mia giovinezza ho navigato
lungo le coste dalmate. Isolotti
a fior d’onda emergevano, ove raro
un uccello sostava intento a prede,
coperti d’alghe, scivolosi, al sole
belli come smeraldi. Quando l’alta
marea e la notte li annullava, vele
sottovento sbandavano più al largo,
per fuggirne l’insidia. Oggi il mio regno
è quella terra di nessuno. Il porto
accende ad altri i suoi lumi; me al largo
sospinge ancora il non domato spirito,
e della vita il doloroso amore.

Umberto Saba

vela_03La poesia è una metafora della vita e gli elementi presenti (il mare, gli isolotti scivolosi al sole…) hanno un significato simbolico, es. gli isolotti scivolati al sole…, alludono alla compresenza della bellezza e del dolore nella vita che rendono difficile il cammino della vita, cammino che però, secondo Saba, va sempre affrontato.

vela_01La lirica è una coraggiosa accettazione della vita che ha i suoi punti fermi, simboleggianti nel porto illuminato, ma è soprattutto ricerca incessante navigazione verso l’ignoto. Infatti Saba come Ulisse, è approdato nella sua Itaca, ha cioè trovato se stesso, ma questa è solo un punto di riferimento che il suo spirito ribelle guarda da lontano prendendo forza da esso per poi riprendere ancora il mare verso la terra di nessuno che è il suo regno. (stralcio di un commento pubblicato su antelitteram.com)

‘Ulisse’, una poesia di Umberto Saba
Tag: