Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Cristianesimo e reincarnazione

Il rapporto tra cristianesimo e reincarnazione è un problema controverso che ha da secoli interessato molti uomini per motivi e scopi diversi.

Un’immagine popolare delle “reincarnazione” come immaginata dai suoi sostenitori.

Un’immagine popolare delle “reincarnazione” come immaginata dai suoi sostenitori.

Negli ultimi anni, ad esempio, molte sette religiose, soprattutto con l’affermarsi della cultura new age, si sono interessate al fenomeno per rilanciare nuove idee e dar credito ad altre. 
Inoltre la credenza della trasmigrazione delle anime, presente anche in altre aree culturali, oggi sortisce maggiori effetti poiché si conoscono discretamente anche le altre religioni e per questo c’è più interesse ad accomunare e mettere a confronto fedi diverse. 
Il dubbio dell’esistenza di questa interconnessione nasce forse da considerazioni che devono innanzitutto essere calate in un contesto storico. 
All’epoca delle prime comunità cristiane il mondo greco-romano era intriso di teorie orfiche, pitagoriche e platoniche (la dottrina del platonismo aveva introdotto il concetto di metempsicosi secondo cui l’anima è soggetta a reincarnazione). 
Resta, quindi, umano pensare che i primi cristiani erano influenzati da questa realtà che li circondava e che andava fronteggiata per dare una interpretazione univoca al fenomeno, per far sì che la reincarnazione non rimanesse un opinione sulla quale aprire controversie all’interno della comunità stessa. 
Il corso storico sembrava aver cancellato ogni traccia di questo passato, che probabilmente si riteneva solo un evento sporadico non meritevole di considerazione ma che invece si è rivelato di difficile comprensione oltre che un forte punto di scontro. 
Qui di seguito sono elencate le testimonianze a favore e contro i supposti legami tra cristianesimo e reincarnazione.


Testimonianze a favore:
 

Chi crede, per studi personali, per ragioni religiose o per altri motivi che i primi cristiani fossero certi dell’esistenza della reincarnazione si appella, generalmente, a considerazione specifiche deiPadri della Chiesa, alle teorie di Origene ed al Concilio di Costantinopoli II del 553.

Sant’Agostino, nelle Confessioni, si domanda: 
“La mia infanzia ha forse seguito un’altra mia età, morta prima di essa? Forse quella che ho vissuto nel ventre di mia madre? … E ancora, prima di quella vita, o Dio della mia gioia, io esistevo già in qualche altro luogo o altro corpo?.” 

Il suo contemporaneo San Girolamo (347-420 d.C.), vissuto per anni in Oriente, sosteneva la dottrina delle vite ripetute e si preoccupava che la gente non la capisse: 
“Non conviene si parli troppo delle rinascite, perché le masse non sono in grado di comprendere.” 

San Giustino, martirizzato verso il 165 d.C., si era interessato sia alla reincarnazione che alla metempsicosi: 
“L’anima abita più di una volta in corpi umani, ma se si sono rese indegne di vedere Dio in seguito alle loro azioni durante incarnazioni terrestri, riprendono corpo in animali inferiori.” 

Soprattutto Origene, uno dei massimi Padri della Chiesa, affrontò la questione: 
“Le anime che richiedono i corpi si vestono di essi e, quando queste anime cadute si sono elevate a cose migliori, i loro corpi si annientano ancora una volta. Così le anime svaniscono e riappaiono continuamente.” 
Alla fine dunque tutti gli esseri saranno salvati: in ciò consiste quella che Origene chiama apocatastasi, ossia letteralmente “ristabilimento” della condizione originaria di perfezione in Dio. Essa tuttavia non é la conclusione ultima e definitiva, perché dopo di essa ricomincerà la vicenda eterna, anche se non totalmente identica alle precedenti , come avevano preteso gli stoici, in quanto il libero arbitrio dei singoli , per definizione variabile, continua a essere fattore decisivo. 
In tal modo Origene innesta, sul fondo delle dottrine cristiane della trinità, della creazione e della redenzione, tematiche proprie della tradizione filosofica: in particolare, quelle neo – platoniche della gerarchia delle ipostasi divine, della gerarchia parallela dei livelli dell’ anima, della caduta e del ritorno e quella stoica dei cicli successivi dell’ universo. 
Anche quest’ ultimo punto incappò nell’ accusa di eresia, così come pure l’ affermazione di una resurrezione puramente spirituale, che non avrebbe coinvolto il corpo. 
Anche per questo aspetto di svalutazione del corpo la tesi di Origine presenta forti risonanze platoniche. 

La Chiesa condannò la reincarnazione durante il Concilio indetto dall’imperatore Giustiniano nel 553 d.C. 
Venne cancellata la dottrina e vennero condannati gli scritti sulla reincarnazione (qualcuno aggiunge che all’epoca fossero già inclusi nel breviario). 
E’ importante inoltre ricordare che la decisione conciliare venne presa senza il consenso del papa d’allora, Vigilio, il quale, anche se ritrovava a Costantinopoli, non partecipò alla seduta.
Alcuni studiosi affermano che Giustiniano fu indotto a prendere questa decisione dalla moglie Teodora da lui considerata la sua migliore consigliera. 
Altri ritengono che la bolla Giustiniana fu favorita anche dal fatto che nel 537 la Chiesa era divisa da numerose controversie ed eresie. 
Chi giudica veritiero che i primi cristiani credessero nella reincarnazione non esclude che nella sentenza di condanna, che fu pronunciata con il consiglio di Costantinopoli, influirono in modo determinante considerazioni di carattere politico-sociale-economico che nulla avevano a che fare con la spiritualità.


Testimonianze a sfavore: 

Tra coloro che non credono che ci siano mai stati legami tra il credo cristiano e la teoria della reincarnazione troviamo una chiave di lettura pienamente divergente. 
Inoltre c’è l’assoluta convinzione che fatti e discorsi siano stati completamente travisati nei loro contenuti da coloro che sono favorevoli al rapporto cristianesimo-reincarnazione. 

Poiché non esistono tracce della credenza nella reincarnazione nell’Antico Testamento (alcuni hanno dimostrato come nella tradizione veterotestamentaria si ritrovi una forte affermazione dell’uomo come unità inscindibile di anima e corpo), nei punti controversi del Nuovo Testamento l’esame si conclude come per il Vecchio Testamento con l’aggiunta di una chiaro riferimento che porta, anzi, ad escludere il fenomeno: 
“E come è stabilito per gli uomini che muoiano una sola volta, dopo di che viene il giudizio, così Cristo, dopo essersi offerto una volta per tutte allo scopo di togliere i peccati di molti, apparirà una seconda volta, senza alcuna relazione col peccato, a coloro che l’aspettano per la loro salvezza” (Eb 9,27-28). 

Riferendosi ai “Padri e scrittori ecclesiastici” si conclude che tutti, senza esclusione, rifiutano la reincarnazione, prima e dopo la condanna delle dottrine origeniste nel Concilio di Costantinopoli, del 553. 
Molti affermano, inoltre, che lo stesso Origene pur affrontando il tema della preesistenza delle anime, non sostenne mai la reincarnazione. 
Altri studiosi, più categoricamente, negano con fermezza che Origene fosse interessato alla trasmigrazione dell’anima e che una scorretta interpretazione del messaggio del filosofo fosse alla base dei presunti riferimenti al fenomeno della reincarnazione. 

Sul Concilio di Costantinopoli si afferma, quasi univocamente, che i canoni che trattano del presunto tema della reincarnazione in realtà si occupano della questione della preesistenza delle anime e dell’apocatastasi (= ristabilimento; cioè una visione del mondo come un susseguirsi di ecpirosi (distruzioni) e di palingenesi (riedificazioni) dello stesso cosmo), frutto di un retaggio stoico. 

Canone 7: Se qualcuno dice o ritiene che il Signore Gesù Cristo nel secolo futuro sarà crocifisso per i demoni, come anche per gli uomini, sia scomunicato. 
Canone 9: Se qualcuno dice o ritiene che la punizione dei demoni e degli uomini empi sia provvisoria, e che un giorno avrà fine e vi sarà una reintegrazione (apokatàstasis) dei demoni e degli uomini empi, sia scomunicato. 

Ancora su Origene si afferma che non credesse in alcun modo nella metensomatosi (si intende il passaggio di una stessa anima umana in successivi e svariati corpi: umani, animali, astrali), che definiva “stolta” e considerata “estranea alla Chiesa di Dio, non tramandata dagli apostoli, né mai manifestata dalle Scritture” (Commento al Vangelo di Matteo 13,1). Per Origene la metensomatosi dell’anima in altri corpi umani è insostenibile, perché il corpo è lo strumento di cui serve l’anima e da essa viene determinato (I Princípi 3,6,6; cfr. Contro Celso 4,58): quindi è sempre relativo ad una determinata anima e non può essere cambiato. Inoltre egli riteneva che fosse impossibile la trasmigrazione in corpi animali e vegetali poiché questi erano messi in secondando piano rispetto all’uomo.


Di certo è possibile dire che:

Origene rappresenta il confine tra cultura pagana ed interiorità cristiana. 
E’ testimone di un’epoca in cui il cristianesimo cerca di costituire una dottrina solida, dopo la grande stagione delle lotte apologetiche, di cui Origene stesso è culmine e superamento. 
Nel corso della storia la Chiesa ha condannato solennemente posizioni che sono premessa indispensabile per la reincarnazione (come la preesistenza delle anime). 
In secondo luogo la Chiesa ha affermato solennemente verità inconciliabili con essa, come il fatto che dopo la morte segua immediatamente il giudizio e quindi il purgatorio, l’inferno o il paradiso. 
Lo stesso dogma cattolico, come è conosciuto oggi, è in contrasto con il pensiero reicarnazionista. 
Dice Giovanni Paolo II: “La speranza cristiana ci assicura inoltre che l’“esilio dal corpo” non durerà e che la nostra felicità presso il Signore raggiungerà la sua pienezza con la risurrezione dei corpi alla fine del mondo. […] È una vera e propria risurrezione dei corpi, con la piena reintegrazione delle singole persone nella nuova vita del cielo, e non una reincarnazione intesa come ritorno alla vita sulla stessa terra, in altri corpi“.

Il grande dibattito rimane, comunque, aperto, su un pensiero antico di 2000 anni, a cui si riferiscono molte fonti e che però non sempre hanno un univoca chiave di lettura.


Ultima osservazione:

La tesi della reincarnazione venne sostenuta/ripresa da gruppi di ispirazione cristiana (prontamente dichiarati eretici dalla Chiesa) come i Catari medioevali e i moderni Rosacroce, in diverse epoche storiche. 
I Catari si organizzarono intorno ai primi anni del XII secolo allo scopo di riportare il Cristianesimo, allora fortemente inquinato dalla condotta immorale di larga parte del clero, alle sue fonti originarie. 
Si distinguevano per il loro ascetismo e si diffusero largamente nell’Italia del Nord, nella Francia del Sud ma anche in vaste zone dell’Europa centrale. 
Sia il potere ecclesiastico che quello politico si sentirono seriamente minacciati dalla diffusione e dal consenso che riscuotevano i Catari, tanto che nel 1209 fu ordinata dal Papa Innocenzo III una repressione di una ferocia inaudita che si concluse 20 anni dopo con il loro completo sterminio. 

La dottrina della reincarnazione non è estranea nemmeno all’Ebraismo, radice del Cristianesimo. E’ insegnata infatti dalla Kabbalah, la componente mistico-esoterica (una sorta di livello superiore, tutt’altro che eretico) della religione ebraica. 
Si tratta di un antichissimo insegnamento tradizionalmente segreto e trasmesso oralmente da maestro a discepolo solamente a persone di età non inferiore ai 40 anni, che ha cominciato ad essere divulgato pubblicamente a partire dal medioevo attraverso dei libri scritti con un linguaggio simbolico pressochè incomprensibile ai profani. 
La Kabbalah si basa in buona parte sul valore mistico-occulto dei numeri e delle lettere alfabetiche ebraiche, grazie al quale vengono estratti dai testi sacri dei significati nascosti e più profondi rispetto a quelli ottenibili dallo studio ordinario. 

 

 

Fonti web:
www.forma-mentis.net/Filosofia/Note.html
www.filosofico.net/
www.christianismus.it/
www.monasterovirtuale.it/
www.riflessioni.it/
www.cesnur.org/
www.altrementi.com/
www.truthbeknown.com/

Ciclo delle reincarnazioni

Ciclo delle reincarnazioni

In alcuni libri e siti internet si afferma che gli antichi Cristiani, per bocca di alcuni teologi tra i quali spicca Origene, predicarono la reincarnazione delle anime.
In questa sezione si ospitano alcuni saggi che descrivono l’autentica posizione dei Cristiani dei primi secoli, i quali furono unanimemente contrari a questa credenza.

Per un approfondimento, vi suggerisco di leggere:

.

Torna all’indice: ARCANO 

Similar posts
  • Buchi neri e reincarnazione
    Il grande vantaggio dell’entrare in contatto col vostro sé interiore tramite la meditazione, è che ottenete accesso ad informazioni che sarebbero altrimenti del tutto impossibili da acquisire con la vostra mente conscia o sé esteriore. Il vostro sé esteriore è focalizzato sui cinque sensi fisici, che forniscono informazioni attingendo all’ambiente fisico circostante di terza densità. […]