Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Gan De, chi era costui?

Gan De, chi era costui? Non se ne sa molto salvo che fu uno dei più rinomati astronomi imperiali cinesi vissuto, più o meno, intorno al 350 a.C. durante il periodo della dinastia Zhou che si estese dal 1121 al 221 a.C.
In particolare, il periodo in cui Gan De visse e operò corrispose allo sviluppo della dinastia degli Zhou Orientali.Quel periodo, antecedente alla unificazione dell’impero cinese, obbiettivo raggiunto dalla dinastia Qin nel 221 a.C., fu piuttosto cruento. Infatti il periodo storico che va dal 403 a.C al 222 a.C. è noto con il nome di “Periodo degli Stati Combattenti”.

Immagine tratta da: astronomytrek.com

Gan De pare fosse contemporaneo di un altro grande astronomo e matematico cinese, tal Shi Shen, ma lui operava nello stato di Chu o in quello di Qi, due dei quattro stati combattenti.
Il testo da lui composto, il “Tianwen Xing Zhang” che letteralmente significa “Divinazione Basata sugli Astri” contiene tutta l’opera di Shi Shen che egli aveva provveduto a modificare e migliorare. Quest’opera, al pari di quelle di Wu Xian e Shi Shen, ando’ perduta dopo il VI secolo, ma esistono attualmente delle trascrizioni basate sugli originali che furono portate a termine prima della distruzione.

I cataloghi stellari compilati da questi tre astronomi servirono da base per la compilazione di tutte le mappe celesti usate anticamente in Cina, tra le quali quella di Chen Zhuo prodotta agli inizi del IV secolo e quella di Qian Luozhi pubblicata un secolo più oltre.
Tutti e tre gli astronomi citati si occuparono dell’osservazione dei pianeti visibili ad occhio nudo, che a quel tempo erano denominati “Wu bu“, cioè “i Cinque Camminatori” e dello sviluppo di teorie dei moti planetari.
I cinesi non pensavano assolutamente che i cinque pianeti visibili ad occhio nudo fossero situati a distanze differenti dalla Terra, ma erano convinti che essi, al pari del Sole e della Luna, camminassero sulla “Strada Gialla”, cioè l’Eclittica a pari distanza. Infatti nel capitolo XVIII del “Kaiyan zhanjing” Gan De ordina i pianeti due volte in sequenze differenti: Venere, Giove, Marte, Saturno, Mercurio e poi successivamente: Giove, Saturno, Marte, Venere e Mercurio.
.
Estratto da un lavoro di di Adriano Gaspani
.
tratto da tanogaboblog.it

.

 

.

.

Similar posts
  • I pianeti del sistema solare – ... I pianeti del sistema solare, in ordine di distanza dal Sole, sono otto (Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno ). Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno, percorrono orbite ellittiche intorno alla nostra stella e sono visibili in quanto ne riflettono la luce.  Prendono invece il nome di pianetini o asteroidi corpi celesti più piccoli, anch’essi in orbita intorno al Sole e [...]
  • Scoperti in Cina antichi utensili. Va... Antichi utensili e ossa scoperti in Cina da un gruppo di archeologi indicano che i primi umani lasciarono l’Africa e arrivarono in Asia prima di quanto si pensasse. Questa scoperta implica che gli ominidi lasciarono l’Africa prima di quanto indicato dalle prove di Dmanisi. La scoperta illustra come i nostri antenati colonizzarono l’Asia orientale più [...]
  • Antiche civiltà tecnologicamente avan... Secondo varie fonti esoteriche, la prima civiltà sarebbe apparsa 78.000 anni fa, in un continente gigantesco conosciuto come Mu o Lemuria, che durò 52.000 anni. Si dice che questo continente venne distrutto da un terremoto che avrebbe modificato la posizione dei poli, che si sarebbe verificato nel 24.000 a.C. . Mu o Lemuria Mentre Mu [...]
  • Il mistero di Coral Castle: il castel... La Storia che stiamo per raccontarvi è una Storia d’Amore. Una storia che sembra una favola, tanto è intrisa di magia. Ma tutto è incredibilmente vero: è la storia di un uomo che ha aspettato tutta la vita la ragazza di cui si era innamorato. Lui aveva 26 anni, veniva dalla Lettonia e si chiamava [...]
  • L’astronomia presso gli antichi greci Parlare di astronomia presso gli antichi Greci vuol dire percorrere alcune delle tappe fondamentali di questa scienza, soprattutto nella costruzione della struttura dell’Universo, partendo da Talete a cui si devono le prime indagini conoscitive sull’astronomia TALETE – I primi fondamenti astronomici greci pare debbano essere fatti risalire al 600 a.C. quando Talete di Mileto, a capo [...]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.